Portule, montagna d’incanto

13 febbraio 2014 07:52 0 commenti

PortuleLa più alta montagna dell’Altopiano d’Asiago, 2.308 metri sul livello del mare, domina la Valsugana trentina e il nostro meraviglioso altopiano.

Alle sue pendici un folto bosco di abeti sale fino a quasi 1800 metri, poi il larice prende il suo posto emanando un fascino indescrivibile con il verde chiaro della vegetazione primaverile, il dorato della piena stagione di crescita; infine si infuoca a settembre, prima del cadere degli aghi in autunno, quando si prepara per il sonno invernale.

Sopra il larice vive il pino mugo, dai rami folti e intricati, odoroso di resina. Le sue pigne, i suoi frutti appena sbocciati, sono raccolti per produrre il mugolio, ottimo per curare le infiammazioni della gola, tossi bronchiali; si usa anche per infusione nella grappa, conferendole un sapore forte tipico della resina di mugo.

In Alto Adige qualcuno distilla la ramaglia fresca, primaverile, per ricavarne l’essenza di pino, usata nella preparazione di bagni schiuma e profumi.

In realtà questa pianta, che una volta i pastori carbonari utilizzavano per fare il carbone di legna, sta soffocando la montagna, invadendo ogni spazio libero, togliendo anche l’habitat ai tetraoni, che si riducono di numero, anno dopo anno, perché non riescono più a trovare cibo sufficiente nelle poche radure rimaste.

La Forestale dovrebbe prendere serie misure per il contenimento della propagazione del pino mugo, effettuando scelte di disboscamento ad hoc, al fine di ridare spazi vitali agli animali stanziali e alla montagna stessa, meta di molti escursionisti.

Portule, un nome magico per gli appassionati di montagna.

Quando si sale in vetta, fin dalla prima volta ci s’innamora di lei, delle sue cime crestate, delle radure che guardano verso est dove altre montagne bellissime le fanno da damigelle, dei suoi canaloni sassosi, dove i più bravi e spericolati in inverno scendono con gli sci o la tavola, lasciando numerose tracce nella neve.

Un appassionato sciatore, fortissimo scalatore amico mio, Giorgio, ha la forza ed il coraggio di risalire le sue pendici più volte il giorno in inverno, esaltandosi poi nell’ardua discesa.

Spesso sale sulla cima della montagna e scende verso lo scosceso versante della Valsugana, giù per i canaloni molto innevati, con salti notevoli ed un dislivello di più di 1200 metri.

Non soddisfatto, applicate le pelli di foca sotto gli sci, risale la ripida parete per ripetere l’esperienza. Giorgio è una forza della natura, anche se un po’ pazzo e spericolato … ma un po’ lo invidio, a dire il vero.

L’inverno di qualche anno fa si è messo alla ricerca dell’orso, il famoso “Orso Dino” dell’Altopiano, nei boschi alle pendici del Portule, dei Larici e verso cima Vezzena, dove si erano trovate le sue orme.

Sicuro di trovarlo, per giorni ne ha seguito le tracce, finché finalmente ha trovato la carcassa di un cervo, ammazzato dall’orso qualche tempo prima.

Il cervo era un bel maschio, già in parte divorato. Giorgio ha ben pensato di reciderne la testa e portarsi a casa il trofeo mettendolo nello zaino sulle spalle, con le corna ben in vista.

Riprende il cammino seguendo le tracce e via, avanti, alla ricerca dell’orso, che in realtà non era molto lontano.

Ed ecco l’incontro: in mezzo ad un piccolo pianoro fra gli alberi lo vede, ritto sulle zampe posteriori che lo fissa. Alla sua vista l’orso prende la rincorsa per  l’attacco.

Sorpreso, ma non del tutto, Giorgio scatta due foto prima di mettersi ad urlare al suo compagno di ricerca, un amico di Vicenza che lo accompagna: «Ci attacca, stavolta ci mangia, scappiamo!»

Chi abbia avuto più paura in quel momento non si può dire. Anche l’orso si era spaventato, probabilmente perché le corna del cervo sulle spalle di Giorgio erano cambiate, le vedeva più grandi e si muovevano, o forse perché sentiva le urla dei due. Fatto sta che “Dino” ha girato su se stesso e si è allontanato, lasciandoli sgomenti, pallidi e pieni di panico.

Portule, la montagna fiorita.

Nei primi giorni di giugno, quando l’ultima neve resiste nel fondo delle forre, i suoi pendii diventano un giardino tappezzato da mille colori: fiori piccoli e profumati, bianchi, gialli, rosa, blu, erbe aromatiche, genziane, rododendri, stelle alpine, tutto per incanto sboccia e la rende la montagna più bella del mondo.

Il mio pensiero va molto lontano a tanti e tanti anni or sono, quand’ero bambino, avevo più o meno sette anni. È sabato pomeriggio di fine agosto, una giornata splendida di sole. Domani, primo settembre, inizia la caccia in alta montagna.

La caccia in quegli anni era gestita dal buon senso, esclusivamente dal Direttorio di sezione, eletto dai cacciatori del territorio; non come adesso che, a parte l’alto costo per i permessi, ci vogliono un avvocato, un geometra ed un ragioniere a fianco.

L’apertura della caccia teneva gli animi in subbuglio, come fosse il primo appuntamento con l’amata, l’atmosfera elettrizzata era palpabile. A casa nostra i preparativi fremevano. Papà aveva dato il consenso affinché anch’io, l’ultimo di nove figli, potessi accompagnare Tito, mio fratello più grande, alla caccia. Il giorno dopo saremmo andati sul Portule.

Caricata la vecchia Lancia Augusta con materassi, cuscini e coperte, vivande e vino, si parte per la grande avventura. L’auto, oramai vecchiotta, arranca sullo stretto sentiero e l’acqua va in ebollizione. Ogni tanto ci dobbiamo fermare per aggiungerne e raffreddare così il radiatore.

Sono circa le cinque di sera quando arriviamo a Bocchetta Portule. Gli altri amici di Tito avevano raggiunto il luogo d’incontro con le moto.

Andrea, che aveva sposato Giorgia una bella ragazza del paese, aveva la vespa 125 e nel sellino posteriore lo accompagnava Marcello, dell’albergo Paradiso.

Armando, il contadino dei “Rela”, aveva invece la moto Guzzi 175 e nella sella posteriore stava Scarpa, che non era cacciatore ma di compagnia: il suo compito consisteva nel portare i viveri e la selvaggina, era un supporter molto utile.

Dimenticavo i cani da ferma. Noi avevamo Till, bravissimo pointer; viaggiava nel portabagagli dell’auto mentre gli altri amici portavano i loro cani sulla moto, in braccio al passeggero o davanti, nello spazio di carenatura della vespa.

Dentro la galleria di Bocchetta Portule i ragazzi avevano già acceso il fuoco e fatta provvista di legna per la notte. Preparati i giacigli vicino all’apertura che guarda la valle si cena in allegria. Il vino scorreva abbondante, a tutti loro giovani sani e baldanzosi, piaceva bere parecchio, era anche un modo per scaldarsi. Infatti, il freddo della notte cominciava a farsi sentire.

Fattosi buio ci mettiamo a dormire ma non passa un’ora che si odono dei rumori all’imbocco della galleria. Subito sveglia generale. Nelle vicinanze ci sono i pastori con il gregge, probabilmente qualche pecora cerca riparo e s’intrufola nella galleria, o il pastore cerca di farci paura.

Il più coraggioso allora prende un tizzone ardente dal fuoco e va a vedere, non trovando nulla. Si torna a dormire ed ecco che mezz’ora dopo altri rumori, altra sveglia, altro giro: nulla, non c’è niente di nuovo.

Al rientro uno chiede un goccio di vino, un altro lo imita e così il fiasco fa il giro della compagnia, naturalmente io non bevo. Così è andata avanti tutta la notte, sempre all’erta, per i rumori ricorrenti nella caverna e sempre col fiasco che girava.

È quasi l’alba quando ci svegliamo – per modo di dire – e la compagnia allegra, o meglio quasi ubriaca, si rimette in sesto con un caffè forte, un pezzo di pane e formaggio, una stiracchiata e alé, è ora, tutti fuori.

Sta albeggiando, dobbiamo esser i primi a raggiungere la zona migliore di caccia. Già i primi fari delle moto d’altri cacciatori s’intravedono sulla strada del Portule, quindi c’incamminiamo in fretta.

L’alba è un’esplosione di colori: blu, azzurro, rosa, che è anche il colore più forte, più intenso.      Mi viene in mente il nome di mia sorella Albarosa: certamente papà, gran cacciatore e uomo romantico, ha rubato all’alba del Portule il nome per una delle sue figlie.

La giornata inizia bene: nelle “buse”, grandi cavità naturali che sono presenti nella montagna, i cani scovano e fermano dei galli forcelli e delle pernici bianche, allora erroneamente chiamate Francolini bianchi credendo fossero imparentate con il Francolino di monte.

Il carniere portato da Scarpa è ben impinguato.

Verso mezzogiorno sento il bisogno di dormire, non riesco a reggermi in piedi. Tito allora mi fa sdraiare vicino ad un grosso masso che mi proteggerà dal sole, con il suo giubbotto mi copre, chiudo gli occhi e mi addormento subito.

Sognando rivivo la caccia del mattino, i forcelli che partono veloci, già fermati dai cani che si dimostrano bravi, ben addestrati, i cacciatori che sparano. Gli animali colpiti si fermano un attimo nell’aria per poi cadere inermi. La soddisfazione dei cacciatori è grande nel rimirare il selvatico abbattuto, i colori delle piume bianche, nere, blu indaco, le ciglia rosse, gli speroni delle zampe per smuovere il terriccio in cerca di radici, di vermetti succosi e nutrienti con cui nutrirsi, la coda a forcella che sarà un trofeo da esibire sul cappello da caccia.

Mi sveglieranno verso le tre del pomeriggio, nel bel mezzo del sogno, appagati perché erano riusciti a cacciare anche delle quaglie di passo che si fermavano lassù.

Si ritorna a casa, tutti felici, soddisfatti e stremati dall’avventura eccitante che abbiamo vissuto, sotto un sole ancora estivo.

È stata la prima di tantissime giornate trascorse sulla montagna d’incanto che mi ha fatto innamorare, e dove quando sarà il mio tempo, andrò a riposare: il Portule.

 Gilberto Frigo, l’uomo del nord

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →