Un medicine man tra di noi

26 aprile 2014 18:53 0 commenti

Condividi questo articolo

NomadSAN GIORGIO A CREMANO – la prima volta che mi occupai di sciamanesimo pellerossa fu il 1977; venivo dalla meravigliosa terra natìa di Napoli e mi trovavo alla base aerea Usa di Wright-Patterson, Ohio, in servizio all’ospedale militare.

La permanenza durò 5 mesi ed ebbi la fortuna di incontrare un medicine man, uno sciamano degli Apache, la tribù nativa americana.

Poi per motivi di  lavoro lo ritrovai a Fort Mead nel Nevada nel secondo semestre del 1978; mi fu presentato dalla dottoressa Aline Vergano, consulente della NASA, l’ente spaziale Usa, neurologa e studiosa di sciamanesimo.

Nella dolce notte estiva del 9 agosto 1979, tra il sospiro della terra e il profumo dei fiori, sotto il cielo stellato del New Mexico ebbi con  lo sciamano una lunga conversazione, proprio a Roswell, il luogo dell’Ufo crash del 2 luglio 1947…

Appresi da Nomad, lo sciamano, quanto grande sia l’amore di Dio unico, il Manitù, o comunque chiamato Gesù, Buddah, Shiva, Brahama, Javhe, Krisna, Allah … Un amore che abbraccia tutte le creature viventi dell’Universo …

Imparai ad ascoltare la notte e il suo profondo silenzio, la profondità della musica delle sfere del pianeta, osservando pietre e conchiglie, tra i fumi del calumet e gli occhi profondissimi del maturo uomo di medicina della nazione Apache, la popolazione nativa dell’area occidentale dell’America settentrionale.

tribù ApacheGli Apache amano definirsi Dineh, popolo in origine nomade, dedito alla caccia e più tardi all’agricoltura, coltivando granoturco e meloni, e all’artigianato tipico di statuette artistiche di pietra, feticci e bambole rappresentanti o kachina, gli spiriti degli antenati, ma anche a raffigurazioni con sabbie colorate, gioielli di conchiglie e di argento, alla tessitura di mantelli e coperte; fabbricavano inoltre sandali, mocassini e canestri intrecciati.

Popolo fiero e orgoglioso, uomini bellissimi e donne stupende, migrò da Nord-Est nell’anno 1300 d.C. popolando il Messico settentrionale e il territorio detto poi diventato Usa, tra Arizona e New Mexico. 5 milioni di individui, cacciatori e grandi camminatori, onestissimi e leali, anche se abili razziatori di animali dei popoli confinanti, inizialmente erano ripartiti in 4 gruppi iniziali: i Bendokhoe,i Chokonen,i Chihenne e i Nedni.

wickiup ApacheGli Apache furono famosi per le loro abitazioni, i wickiup, ossia una piccola capanna cupoliforme, con un cerchio di tronchi incurvati legati al centro, con in cima il foro per l’uscita del fumo; gli spazio erano riempiti con foglie di yucca e di sterpaglia del deserto, più erba e canne del letto dei fiumi; veniva poi  ricoperta di teli per evitare il freddo e aveva per porta una pelle di animale o una coperta.

All’interno il focolare era centrale; il pavimento era rivestito da coperte e mantelli; vi trovavano posto anche le statuette degli antenati.

Accanto al wickiup si trovava la ramada, la ghiacciaia della squaw o donna pellerossa, realizzata con rami, dove venivano riposti cibo e attrezzi casalinghi o agrari, Era proprio delle squaw il compito di costruire la capanna: era un lavoro che portavano a termine in sole 4 ore.

Gli Apache vestivano abiti di pelle di daino e portavano capelli lunghi e sciolti, tenuti fermi da una benda allacciata intorno alla testa, un gonnellino  aperto sui fianchi  e calzoni, mantelli, mocassini alti per proteggersi dai rovi e dalle spine dei cactus. Le donne portavano gioielli  trucco, e avevano la mansione di raccogliere legna, cibo e acqua, di coltivavate la terra, cucinare, tessere, e di curare la famiglia; avevano un importante ruolo.

Gli Apache praticavano la religione magico sciamanica con grande considerazione del culto degli antenati, degli spiriti, della morte, e credevano in paradiso o di verdi praterie celesti.

Un tempo i guerrieri eseguivano riti propiziatori e scaramantici prima di ogni battaglia.

In origine la nazione Apache, prima di essere sopraffatta e contaminata dall’uomo bianco, non aveva alcuna pratica immorale, né violenza su anziani, bambini e donne, non conoscevano l’alcool e avevano il giuramento d’onore e della parola d’onore. Il tradimento coniugale non era tollerato né per la donna e né per l’uomo.

Quando i conquistadores invasero il Messico nel 1519; dopo aver distrutto la civiltà  atzeca e maya, tentarono di penetrare nel territorio apache, furono contrastati dalle loro intelligenti quanto proverbiali e terribili imboscate. Persero la vita molti spagnoli  gli apache e razziarono le loro armi da fuoco e cavalli; diventarono dunque abili cavalieri e impararono ad usare in poco tempo i moschetti e i fucili.

La loro tradizionale economia da questo punto in poi fu integrata da frequenti razzie contro gli insediamenti civili e militari, diventando il terrore dei conquistadores, che presero l’abitudine di attirare con l’amicizia i Mescalero per usarli contro gli Apache in guerre fratricide.

Inoltre, come successe in altri luoghi dove erano arrivati, gli spagnoli portarono i microbi di malattie europee sconosciute tra i pellerossa, tanto in poco tempo furono sterminati 1 milione e 100 mila nativi.

In seguito subirono invasioni e guerre da altre etnie pellerossa alleatesi con l’uomo bianco, ma i bellicosi e fieri Apache non si piegarono mai.

Furono sempre leali con i nemici, così come con gli Stati Uniti nel 1845 permettendo ai soldati americani di attraversare tranquilli i loro territori; nel 1846 il capo apache Mangas Coloradas firmò il primo trattato di pace con gli Usa, ma due anni dopo iniziarono i guai con i cercatori d’oro in California e nel 1851 Mangas Coloradas fu picchiato selvaggiamente dai minatori e vi fu una rappresaglia apache. Nel 1861 il capo finì ucciso e la sua testa bollita dai soldati americani.

CochiseSuo genero il grande Cochise schierò tutte le tribù apache contro gli Usa; 22 anni in cui morirono 45mila apache in guerra e 19mila tra soldati e civili americani.

Cochise si arrese nel 1873 e morì l’anno successivo; cominciò sterilizzazione forzata di 85mila apache e il trasferimento nella riserva indiana di San Carlos nel New Mexico, dove vissero in condizioni terribili.

La nazione Apache fu abbrutita dai bianchi con bottiglie di liquore, decimata ulteriormente da stragi perpetrate per futili motivi, linciaggi e violenze sulle loro donne.

1660 guerrieri apache nel 1876 fuggirono in Messico con Geronimo; catturato venne nuovamente richiuso nella riserva, da do fuggì ancora nel 1883 con 700 apache

Venne fermato, ma fuggi di nuovo con 200 apache in armi nel 1885 e ci volle un esercito di 5mila soldati, 2000 miliziani e 600 scout Navajo e Mescalero pei uscire a catturarlo nel 1886 con soli 24 guerrieri superstiti.

Geronimo venne rinchiuso in Oklahoma in un forte prigioniero a vita dove mori nel 1909.

Gli Apache, ridotta a 120mila individui, fu deportata in tre diverse riserve.

Nella prima guerra mondiale si distinsero nei combattimenti in Europa, tanto che nel 1924 ebbero riconosciuta finalmente la cittadinanza americana e il diritto di voto politico, la possibilità di far carriera nell’esercito e in marina, ma restando ancora segregati nelle riserve. Interi reggimenti apache furono impiegati anche nel secondo conflitto mondiale. nella guerra di Corea e del Vietnam. Nel 1964 beneficiarono delle leggi razziali del presidente Johnson.

Nel 2006 gli Apache contavano 56mila individui.

Nomad1Dopo questo secolare excursus sulla storia degli Apache, è doveroso il ritorno a Nomad, sciamano, psicologo, artista, consigliere spirituale della tribù dei Tumontcoko Na-Chista, riconosciuto capo cerimoniale, collaboratore con lo sciamano don Juan e suo genero – maestri dello scrittore antropologo Carlos Castaneda – premiato a Los Angeles per il suo supporto spirituale alla comunità degli africani nativi d’America.

Nomad fu battezzato dagli Apache road chief capo cerimoniere, e poi medicine man, uomo di medicina. Viaggiò tra le comunità pellerossa di tutti gli Usa e Canada, brasile. Toccò altre parti del mondo con la funzione di natzchoa, ambasciatore di benevolenza tra i popoli, recandosi in visita tra gli sciamani australiani e africani.

È stato in diverse parti d’Italia, anche ad Ercolano al centro Fiume di pietra, dove tiene seminari e corsi di danza sciamanica o dello scialle nero, cerimonia del lutto che sublima il singolo dolore in collettivo, nell’ambito degli Incontri vesuviani del 2008, a cura della federazione territoriale Città del Monte diretta da Paola Acampa.

Dopo tanti anni ebbi occasione di rivederlo, e mi lasciai trasportare dalla danza, dai tamburi, dalle parole del Maestro  e nelle consultazioni in cui Nomad  entrò come sempre in channeling, in telepatia, grazie agli spiriti degli antenati, la forza divina della terra e il sacro Manitù, ascoltando vento e silenzio e vedendo oltre la vista umana e viaggiando oltre le dimensioni …

Ho visto tante volte il maestro annullare con il sorriso  il tempo e lo spazio e guarire le persone nell’anima, nella mente e nel corpo, sussurrando parole sacre pellirosse tra i colpi di tamburo, eco del vento.

Nomad ritornò ancora  in Campania il 3 novembre 2012 in via Mazzini a San Giorgio a Cremano, alla manifestazione interreligiosa promossa dal centro Shanti – Sai Baba, diretto dal dottor Angelo Delle Cave, dove tornò ancora il 25 febbraio 2013.

Nomad è il ricordo vivente del genocidio degli Apache.  Non ha rabbia e odio dentro di sé; dona invece amore e guarigione psicosomatica a tutti. La vita cambia dopo aver incontrato uno sciamano pellerossa come Nomad, uomo di Dio e della natura. La vita cambia in meglio e si ricomincia sempre daccapo: basta che lui ti guardi e ti parli con gli occhi nei tuoi occhi e ti sussurri parole antiche come i pascoli dei bisonti di altri secoli …

E ora Nomad ritorna ancora una volta al centro Shanti il prossimo 28 aprile fino al 6 maggio.

Non è un pellerossa che ritorna tra noi … È un angelo di Dio ,,,

 Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →