Un amore per sempre: Maria d’Avalos e Fabrizio Carafa

19 giugno 2014 10:30 0 commenti

Condividi questo articolo

Opera di Giovanni Balducci

NAPOLI – Questa è una storia d’amore, di morte e di sangue.

È la mattina del 17 ottobre 1590; sull’elegante scalinata del palazzo del principe di Venosa Carlo Gesualdo giacciono i corpi insanguinati di due giovani.

I fratelli Corona, testimoni dell’epoca, raccontano: « scopriva la donna esser circoscritta da cinque lustri ma in questi compendiava la bellezza di tutti i secoli. Avea una chioma, che conoscendola non meno di oro che di corona degna. Era tutta inanellata, onde rendeva scusabile l’ucciso se per lei era rimasta prigioniera la sua vita per sempre di morte. L’esser così pallide quelle labbra non toglieva loro che non fossero coralli, tanto più preziosi ch’erano bianchi. Il cavaliero … vedevi un Adone se si osservavano le sue fattezze; miravi un Marte se si vagheggiava la robustezza del corpo».

Si mormora che il principe abbia lavato il proprio onore facendo uccidere la sua sposa ed il suo amante colti in flagrante adulterio … Ora tutto il popolo napoletano lo potrà vedere …

I corpi insanguinati sono quelli della principessa Maria d’Avalos e del duca d’Andria Fabrizio Carafa. La loro relazione adulterina durava da tempo e tutta Napoli sapeva. Mormorii, voci, sussurri.

Si presume che il principe Carlo Gesualdo abbia pianificato freddamente il duplice omicidio: nella notte appena trascorsa ha finto di allontanarsi dalla sua dimora per recarsi a caccia nel parco degli Astroni. In realtà, si suppone si sia nascosto in attesa dell’arrivo del rivale e abbia fatto poi irruzione nel palazzo, ed insieme ad alcuni suoi servitori muniti di archibugi, alabarde e spade, sia giunto davanti alla camera da letto di Maria.

Davanti alla porta, poiché ne erano stati rimossi i chiavistelli, a fare da scudo all’alcova degli amanti, si trovava il letto di Laura Scala, la fedele cameriera della principessa, su cui la donna era assopita. Il trambusto degli uomini armati l’ha fatta ridestare terrorizzata: il principe si pensa le abbia dunque ordinato di lasciarli passare, minacciandola di morte.

Gli amanti, colti in flagrante adulterio, sono stati barbaramente trucidati: Maria è stata sgozzata e ferita con armi da punta in più parti del corpo, mentre Fabrizio ha subito numerose ferite da armi affilate in tutto il fisico, trapassato da parte a parte, nonché colpi di archibugio che gli hanno attraversato un gomito, un fianco e una tempia da cui è fuoriuscita materia cerebrale.

I colpi inferti sono stati così forti da incrinare il pavimento. Gli esecutori materiali dell’omicidio pare siano stati i servitori di Carlo Gesualdo che, volendo assicurarsi della morte degli amanti, abbia lui stesso infierito sui corpi già privi di vita, tanto da uscire dalla stanza con gli abiti completamente intrisi di sangue.

10384351_4126454737009_2499329406811673051_n

Maria d’Avalos, di stirpe reale d’origine spagnola, era figlia di Carlo, principe di Montesarchio e di Sveva Gesualdo, sorella di Fabrizio II, Principe di Venosa; rimase vedova dalle prime nozze con Federico Carafa, e anche dalle seconde con Alfonso Gioieni, perdendo anche i figli avuti dai due matrimoni.

Pertanto, fu data nuovamente in sposa al cugino Carlo Gesualdo da Venosa, anch’egli di stirpe reale, nato dal matrimonio di Fabrizio II e da Geronima Borromeo, sorella del futuro santo Carlo Borromeo.

Carlo Gesualdo fu un eccellente e famoso compositore di musica sacra e di madrigali,  di cui ancora oggi è maestro riconosciuto.

Il matrimonio tra Maria e Carlo venne celebrato a Napoli il 28 maggio del 1586 con dispensa del Papa Sisto V- data la stretta parentela esistente tra i due futuri sposi – nella chiesa di San Domenico Maggiore.

I coniugi andarono ad abitare nel palazzo reale appena distante dalla chiesa, ora conosciuto come palazzo Sansevero, e dalla loro unione nacque Emanuele.

Maria conobbe durante una festa aristocratica napoletana il duca Fabrizio Carafa – denominato per la sua avvenenza l’arcangelo – di nobilissima famiglia, uno dei più valenti cavalieri del reame, sposato con Maria Carafa, nobildonna napoletana da cui ebbe quattro figli.

Tra Maria d’Avalos e Fabrizio Carafa subito scoppiò prepotente la scintilla d’amore e passione che li portò ad avere un’intensa relazione. I due amanti, all’inizio si incontravano alle feste, per poi finire col vedersi nell’intimità degli appartamenti della principessa.

Le testimonianze raccolte sulla vicenda sono contrastanti e si tingono di leggenda: si ipotizza che sia stato lo zio del principe, don Giulio Gesualdo o il segretario gesuita deforme detto o’ prevetariello, entrambi infuocati di passione per la bella Maria ma rifiutati, a rivelare a Carlo per vendetta la tresca amorosa.

Quando gli amanti vennero a conoscenza del pericolo incombente, Fabrizio  tentò di allontanarsi da Maria, ma l’immensa passione che divorava la loro anima e il loro corpo non si disfece.

Tra i due intercorsero carteggi infuocati in cui Maria accusava Fabrizio di essere pavido, lo incitava ad andare a farsi lanzichenecco, poiché non poteva ritenersi cavaliere. Se timoroso, allora, Maria lo esortava a cancellare dal petto l’amore che provava per lei.

A queste parole, Fabrizio replicava che lui era deciso a morire, perché non privo di coraggio ma onorato di rendere la sua vita per una donna d’ineguagliabile bellezza.

Ciò che piuttosto temeva era la sofferenza struggente del loro distacco, aggiungendo che lei era crudele soltanto nei confronti della propria bellezza, destinandola a marcire in una tomba.

Per entrambi vivere una vita privi l’uno dell’altra equivaleva molto più che a morire, ed insieme decisero consapevolmente di andare incontro alla morte.

Carlo Gesualdo, dopo l’omicidio, abbandonò subito la dimora rifugiandosi nel suo palazzo a Gesualdo, nell’avellinese,  temendo una vendetta da parte delle famiglie D’Avalos e Carafa.

All’epoca, il processo nei confronti del marito tradito venne presto archiviato «…  per ordine del Viceré stante la notorietà della causa giusta dalla quale fu mosso don Carlo Gesualdo Principe di Venosa ad ammazzare sua moglie e il duca d’Andria».

Una delle documentazioni inerenti al caso, la comunicazione del 19 ottobre del 1590 al Senato della Serenissima dell’ambasciatore veneto afferma: «Don Carlo Gesualdo, figliolo del prencipe di Venosa, et nipote dello illustrissimo cardinale  – Alfonso Gesualdo, decano del collegio cardinalizio ndr –  il martedì alle sei del mattino si  appostò e poi salì con sicura compagnia alla stanza di donna Maria d’Avalos, moglie et cugina sua carnale, stimata la più bella signora di Napoli, ammazzò prima il signor Fabricio Caraffa [sic], duca d’Andria, che era con essa, et lei appresso, di questa maniera vendicando l’ingiuria ricevuta. Abbracciano queste tre principalissime famiglie quasi tutte le altre maggiori case del regno, et ognuno pare stordito per lo stupore di questo caso, et se ne sbigottì di molto all’avviso l’Illustrissimo signor Viceré che amava et stimava infinitamente il Duca come persona, che per natura et per studio era dotato di tutte le altre più belle et degne parti, et condizioni che si relevano in signor principale, et in valoroso cavaliere. Questi ministri Stemma dei Carafa con la corte sono stati alla casa, et fatte alcune inquisitioni, comandarono che fossero fermati, et custoditi nelle proprie case li famigliari di tutti gl’interessati sopra detti; ma fin qui non si sente altro».

I corpi dei due amanti vennero raccolti dalle rispettive famiglie; ricerche coeve ipotizzano che Maria riposi nella Cappella di Ferrante Carafa, nella chiesa di San Domenico Maggiore, mentre, in un’altra ala della chiesa, riservata alle tombe dei regnanti di Napoli, in tempi più recenti vennero trovati dei resti che per i tagli riportati sulle ossa si suppose appartenessero a Fabrizio Carafa.

Carlo Gesualdo

Nel 1609 Carlo Gesualdo, forse mosso da forti sentimenti di colpa, commissionò al pittore Giovanni Balducci una tela, Il Perdono di Carlo Gesualdo, passata alla storia anche con il nome di La Pala del Perdono.

Il dipinto si trova nella chiesa di Santa Maria delle Grazie e raffigura il principe di Venosa in ginocchio, accompagnato dallo zio Carlo Borromeo, in atteggiamento di preghiera al cospetto della Vergine e dei Santi, per implorare il perdono.

A destra è rappresentata Eleonora d’Este, che Carlo sposò in seguito, anch’essa in atteggiamento di preghiera; al centro è raffigurato come un angioletto Alfonsino, il loro figlio morto prematuramente, mentre in basso bruciano nelle fiamme dell’inferno Maria D’Avalos e Fabrizio Carafa.

Tuttavia, recenti studi sulla truce vicenda ipotizzano che ad ammazzare Maria e Fabrizio fu un complotto ordito da oscure trame della nobiltà napoletana contro il potente casato dei Gesualdo.

La leggenda narra che, nel corso dei secoli, di notte, si sia udito l’urlo agghiacciante di Maria, fino al 1889, quando un terremoto fece crollare l’ala di palazzo Sansevero dove erano gli appartamenti in cui aveva vissuto la principessa.

E accade ancora che nelle notti senza luna si veda il fantasma di Maria, più bella che mai, dai capelli scarmigliati e le vesti discinte, errare in quei luoghi alla ricerca di Fabrizio …

Nel sonetto In morte di due giovani amanti Torquato Tasso auspica che il loro amore possa vivere per sempre:

«Alme leggiadre a meraviglia e belle/, Che soffriste morendo aspro martiro,/ Se morte, amor, fortuna, il ciel s’uniro,/ Nulla più ti divide e più vi svelle … »

Tiziana Muselli

- Immagine di copertina: La Pala del Perdono di Giovanni Balducci, commissionata da Carlo Gesualdo

- Immagine n.2: opera del pittore fiammingo Cornelius Smet; immortalata, nella parte destra, Maria d’Avalos. La tela, che sovrasta l’altare della Basilica di S. Domenico Maggiore, raffigura la Madonna del Rosario e personaggi della famiglia Carafa

- Immagine n.3: Carlo Gesualdo

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →