Terrorismo islamico: ecco come si pone l’Italia

20 gennaio 2015 09:08 0 commenti

integrazioneL’opinione pubblica europea è ancora scossa dalle terribili immagini degli attentati di Parigi ad opera di sedicenti miliziani dell’ISIS – lo “Stato Islamico” autoproclamato dal califfo Abū Bakr al-Baghdādī, leader jihādista, non riconosciuto dall’ONU – che nel giro di due giorni hanno colpito prima la redazione dell’irriverente giornale satirico Charlie Hebdo e successivamente il supermercato kosher e la tipografia “Création Tendance Decouverte” situata pochi chilometri fuori la capitale.

Il gruppo di terroristi era composto da tre elementi: i fratelli franco-algerini Saïd e Chérif Kouachì e Amedi Coulibaly, cittadino francese nato nella provincia a sud di Parigi, originario dello stato africano del Mali.

I tre uomini hanno prima fatto irruzione nella redazione della testata Charlie Hebdo il 7 gennaio scorso, uccidendo 12 persone (tra cui il portiere dell’edificio) colpevoli d’aver offeso il profeta Maometto con le vignette sull’Islàm.

Successivamente nell’arco delle successive 48 ore, dopo aver assassinato una poliziotta durante la loro fuga, si sono divisi in due gruppi: Coulibaly ha occupato il supermercato parigino tenendo in ostaggio i clienti, dopo averne prima ucciso quattro poveri malcapitati colpevoli solo d’esser di origine ebraica. I fratelli Kouachì si sono asserragliati nella tipografia tenendo in ostaggio il titolare. I tre terroristi sono stati poi freddati durante il doppio blitz delle forze speciali francesi avvenuto in contemporanea in entrambi i luoghi.

A distanza d’una decina di giorni l’orrore e lo sgomento hanno poi lasciato il posto alla paura, allo stato di allerta che si è innescato dapprima in Francia e immediatamente dopo nel resto d’Europa. E così è scoppiato nuovamente l’allarme terrorismo che alimenta ulteriormente i sentimenti di xenofobia nei confronti dello straniero, dell’immigrato di fede islamica, mentre le istituzioni si interrogano sulle misure di sicurezza da adottare.

L’opinione pubblica italiana guarda con sospetto le moschee e tutti i luoghi di culto islamici come centri d’aggregazione e reclutamento di potenziali terroristi pronti a colpire anche nel nostro Paese.

Come deve porsi l’Italia nei confronti di questo preoccupante fenomeno? Deve temere un qualche tipo di sanguinoso attentato come quello avvenuto a Parigi o come quei ben più tragici avvenuti nel corso degli anni a Madrid, a Londra e prima di tutto a New York l’11 settembre 2001?

Indipendentemente dai sentimenti xenofobi alimentati da una certa parte dell’opinione pubblica che non aspettava altro per tornare a puntare nuovamente il dito verso l’immigrazione straniera, è doveroso precisare che allo stato attuale è giusto porsi il problema della sicurezza ed è dovere sacrosanto delle nostre istituzioni usare tutti i mezzi possibili per la lotta al terrorismo. Perché non vi è dubbio che il mondo occidentale è sotto attacco da parte di una organizzazione terroristica che agisce con l’alibi della guerra ideologica.

Geograficamente localizzata in alcune regioni del Medioriente tra la Siria e l’Iraq, l’Isis da diverso tempo combatte contro le forze armate alleate della comunità internazionale che tentano di ristabilire l’ordine e rovesciare il regime dittatoriale del califfo jihādista Abū Bakr al-Baghdādī.

Ma il fenomeno delle “schegge impazzite” che in Europa agiscono in nome della jihād, dell’Isis o di Al Qaeda, senza che sia mai stato confermato un reale collegamento tra di loro, merita una riflessione a parte.

Innanzitutto occorre ricordare che i tre attentatori, Amedi Coulibaly e i fratelli Kouachì, non erano degli immigrati entrati clandestinamente in territorio francese armati di kalashnikov, sfuggiti ai controlli della polizia di frontiera, ma erano cittadini a tutti gli effetti, di origini africane (fanco-algerini i fratelli Kouachì e malesi le origini di Coulibaly) ma nati e cresciuti nel Paese.

Infatti la Francia, ex potenza coloniale, così come lo è stato anche il Regno Unito, da poco più di un secolo ha assorbito una buona parte di popolazione proveniente dagli stati del Nord Africa come la Tunisia, il Marocco e l’Algeria, un tempo vassalle del colonialismo durato fino agli inizi degli anni ‘60.

I cittadini nordafricani venivano considerati parte integrante dello Stato e godevano della cittadinanza francese. Fu uno dei principali riconoscimenti dati ai soldati coloniali reclutati in massa durante la seconda guerra mondiale per ricostituire l’esercito francese in Nord Africa durante l’occupazione nazista.

In seguito, finita la guerra durante il processo di decolonizzazione molti cittadini provenienti dalle ex nazioni occupate (di cui gran parte di madrelingua francese) immigrarono in terra di Francia, che accolse ben volentieri tutta questa fiorente forza lavoro proveniente dalle ex colonie. Ed è stato proprio questo vasto fenomeno avvenuto nel secolo scorso a generare una progressiva diffusione della cultura islamica oltralpe. Ragazzi come Coulibaly e i fratelli Kouachì non sono altro che figli o addirittura nipoti, di seconda o terza generazione della immigrazione dalle ex colonie africane, cittadini francesi a tutti gli effetti di fede musulmana.

Paradossalmente questa tipologia di popolazione, a causa del radicato sentimento di nazionalismo francese, è sempre stata relegata ai margini della società, isolati in degradati agglomerati di periferia come le banlieue parigine, note all’opinione pubblica per diversi episodi di violenza urbana e spaccio di droga.

I figli di quella immigrazione di massa avvenuta negli anni Sessanta e Settanta, pur godendo sulla carta dei diritti di cittadinanza all’atto pratico non sono però mai stati accettati completamente dalla comunità, maltrattati dalla polizia, espulsi dalle scuole del centro e costretti ad arrangiarsi con lavori poco gratificanti.

Questa contraddizione ha generato una sorta di francesi di “serie B”, guardati con diffidenza dal ceto medio, e perciò facilmente influenzabili da certe ideologie anarchiche e sovversive che possono anche spingere questi giovani emarginati a ribellarsi contro il sistema anche con atti estremi come quelli avvenuti a Parigi una decina di giorni fa.

È facile immaginare che alcuni di questi giovani emarginati possano essere stati influenzati da certe particolari guide spirituali islamiche integraliste – gli imàm predicanti la delirante causa jihādista – a lottare per la liberazione del sedicente stato islamico in Siria. Hanno trovato una nuova “ragione di vita” in grado di riscattarli dal loro stato di cittadini inferiori. Probabilmente il messaggio ricevuto dai leader jihādisti in Siria dev’esser stato del tipo: «Se la Francia vi considera dei reietti, noi vi affidiamo una nuova missione e vi consideriamo degli eroi». Non è difficile immaginare come si sia potuto arrivare ai tragici eventi di Parigi.

La situazione in Italia è decisamente diversa. Tutti gli immigrati che entrano nel Paese lo fanno principalmente per trovare lavoro, anche il più modesto, oppure perché hanno abbandonato il loro per fuggire dalla guerra.

La seconda generazione di queste persone è formata per la maggioranza da individui nati in Italia oppure arrivati in fasce. Bambini che frequentano le nostre scuole assieme ai bambini italiani, che imparano la lingua, la cultura e le abitudini, pur conservando la loro fede islamica. Li si vede giocare a pallone con i bambini italiani, mentre i loro genitori lavorano umilmente nelle fabbriche, nei ristoranti, nelle imprese di pulizie o nelle imprese edili.

Accolti con benevolenza dalle comunità si sono integrati con facilità, prendendo le distanze dagli atti terroristici compiuti in nome dell’islàm, tranne pochi isolati fanatici facilmente identificabili, che di certo non dispongono né di mezzi né dell’organizzazione militare necessaria per compiere tragici atti terroristici.

Infatti non è un caso se negli ultimi anni in cui altrove sono avvenuti tragici attentati in Italia non sono mai avvenuti fatti del genere. Anche perché non è affatto facile per questi immigrati procurarsi armi ed esplosivi di tale entità in grado di causare simili stragi: in Italia il mercato clandestino delle armi è gestito dalla criminalità organizzata.

Da questo punto di vista l’Italia, nonostante un latente razzismo dovuto per lo più all’ignoranza, si è rivelato un Paese molto più tollerante di tante altre nazioni europee, in grado di accogliere e adottare come “figli” chi passa per le sue sponde con estrema facilità. E così è sempre stato da secoli.

Un esempio storico di questa capacità di integrazione lo si ritrova al tempo del secondo dopoguerra, quando i soldati angloamericani passeggiavano per le strade sentendosi praticamente a casa. E proprio in quel periodo tra le truppe americane si registrava un anomalo e diffuso fenomeno di diserzione soprattutto da parte dei militari afroamericani, che sparivano dalla circolazione nascondendosi un po’ ovunque con la speranza che il loro plotone facesse ritorno in patria senza di loro. Preferivano infatti rimanere in Italia, piuttosto che far ritorno negli U.S.A.

Infatti nelle le città della penisola scoprivano di poter godere di una libertà che nemmeno nel loro Paese possedevano: gli Stati Uniti d’America in quel periodo erano ancora soggetti a una diffusa apartheid, soprattutto negli stati del Sud, che non permetteva ai neri nemmeno di sedersi allo stesso posto dei bianchi sui mezzi pubblici.

In pratica integrazione culturale e tolleranza sono le qualità che almeno a monte possono rivelarsi per l’Europa le migliori risorse antiterrorismo, prima ancora di qualsiasi piano di sicurezza nazionale.

Francesco Bartiromo

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →