Templari e Templarismo oggi

28 dicembre 2013 12:10 0 commenti

Condividi questo articolo

images1Il conte Gian Gastone Ventura da Venezia, ammiraglio della Marina Militare italiana, di antica famiglia comitale e patrizia di Parma, poi veneziana dal 1859, gran Maestro dei Templari e dell’Ordine di Memphis Misraim, dell‘Ordine Martinista, morto il 28 luglio 1981, scrittore, studioso di araldica nobiliare e cavalleresca, storico e direttore del giornale Il Gazzettino di Venezia e collaboratore di vari giornali italiani e francesi, autore di numerosi libri e saggi sull’Ermetismo iniziatico occidentale, viene anche ricordato per un prezioso volume pubblicato dalle Edizioni Atanor di Roma sui Templari e sul Templarismo.

Ventura fu ammiratore del poeta Gabriele D’Annunzio da Pescara e del professor Adolfo Banti da Ancona, a sua volta un illustre ricercatore della storia dei templari italiani nel 1923; l’ammiraglio si mise alla ricerca di elementi che potessero suffragare le vicende dei Templari dopo l’arresto di massa avvenuto in Francia nell’ottobre 1307 e le conseguenti catture di Cipro e in Italia nel marzo del 1308. S’interessò anche al loro infausto processo giudiziario in Francia – avvenuto tra il 1307 e 1312 – studiando la bolla pontificia di scioglimento del loro ordine nel 1312 e la morte dei sommi capi templari, tra cui il Gran Maestro de Molay (Parigi, 1314).

Voleva dimostrare che l’Ordine Templare sopravvisse legittimamente e fu oggetto di fasti di Neotemplari, una sorta di Templarismo moderno

La scrittrice Bianca Capone tra 1977 e 1983 approfondì poi la ricerca delle antiche sedi più nascoste dei templari in Italia; così pure tanti illustri scrittori, tra cui Fulvio Bramato. Gli storici partivano dalla notizia certa che 50 templari erano fuggiti da Parigi con tre carri trainati da buoi trasportando gli archivi e il tesoro dell’Ordine – un mese e non un giorno prima dell’arresto, in settembre 1307 – su ordini precisi di Jacques de Molay.

Nella fuga tre tesorieri con due carri si fecero volutamente arrestare lungo il percorso per il porto di La Rochelle; così anche un quarto templare con il terzo carro, ma vuoto, un giorno dopo a Poissin.

La flotta di 18 navi templari da guerra e 7 da carico aveva preso subito il largo dal porto di La Rochelle prima dell’arrivo delle truppe di Filippo il Bello; sbarcarono all’approdo del castello di Gisors in Normandia 18 cassoni con gran parte del tesoro dell’Ordine; poi un gruppo di cavalieri rientrò in Francia, mentre metà della flotta veleggiò verso la Scozia e la seconda meta si fermò nel porto templare di Tomar in Portogallo.

Da qui nel mese di gennaio 1308 partì una sola nave da guerra templare alla volta di Genova, sbarcando al sicuro Giacomo de Montecucco, Gran Precettore templare d’Italia, ben accolto dai Savoia che l’ospitarono fino alla morte nella pieve di Alessandria in Piemonte. Fino al 1312 i Templari furono protetti dai Savoia e non furono né arrestati né perseguitati nelle loro persone o proprietà, poiché i sovrani erano amici del Tempio e molte famiglie nobili piemontesi avevano parenti tra i Templari.

La nave templare ripartì da Genova per il sud Italia, evitando Cipro e Sicilia; sbarcò a Barletta otto cavalieri templari fuggiaschi che recavano con sé documenti dell’Ordine scritti in latino. Quattro cavalieri si lasciarono arrestare dalla polizia vicereale angioina in Puglia e gli altri fuggirono travestiti da monaci benedettini nel convento di Torremaggiore e da lì per Ariano Irpino e Bovino risalirono tranquillamente con il loro archivio per Avellino, Avella, Tufino, Nola, fermandosi a San Vitaliano, dove nascosero le loro armi in campagna. Insieme con i templari fuggiti dal castello di Cicciano cavalcarono sempre di notte verso Casalnuovo di Napoli, accampandosi nel castello di campagna dei marchesi Caracciolo di San Sebastiano al Vesuvio nel marzo 1308.

I templari di Capua e di Maddaloni fuggirono a cavallo nel vicino vallone di Roccamonfina sfuggendo all’arresto … images2

Otto templari italiani furono processati e torturati a Messina, uno a Cipro e altri 8 a Barletta; non ne furono trovati altri in tutto il Sud né nello Stato pontificio. Alcuni vennero giudicati a Piacenza e uno solo fu ucciso in un’imboscata nell’emiliano.

Altri 500 templari processati in Germania furono addirittura liberati e si rifugiarono nelle file dell’Ordine Crociato tedesco dei Teutonici; altri 500 in Scozia entrarono nell’esercito di re Bruce combattendo contro gli inglesi.

2000 templari in Portogallo non furono perseguitati per ordine del re; la loro fotta venne incorporata in quella reale. Nel 1318 fu creato il famoso Ordine Templare portoghese di San Cristobal o di Cristo, riconosciuto dal nuovo papa di Roma, costituito da ex templari scampati alla persecuzione; portavano le stesse divise, croci e regole originarie. Per questo motivo l’Ordine cavalleresco di San Cristobal è l’unico ordine genuino che ha rispettato in modo continuativo la tradizione templare fini ai nostri giorni.

In Spagna i Templari locali furono incorporati in gran parte nel nuovo Ordine Reale cavalleresco di Montesa, riconosciuto dal papa nel 1318 e altri nobili templari spagnoli si rifugiarono in stato laico secolare negli ordini cavallereschi spagnoli di San Giacomo, di Calatrava e del Toson d’Oro.

Così tra il 1308 e 1309 si misero in salvo tra Portogallo, Spagna, Scozia e Germania ben 5mila templari su 18 mila esistenti al momento del mandato d’arresto del 1307; mille invece vennero catturati, di cui solo 13 divennero spie contro l’Ordine e 77 vennero rilasciati perché sotto minaccia di tortura ammisero ogni cosa.

Nel 1314, 500 superstiti dei 1000 arrestati in Francia furono rilasciati e scelsero di entrare in ordini monastici sia in Francia che in altri Paesi d’Europa; altri 127 furono ospitati nelle file francesi dell’Ordine del Santo Sepolcro, di retaggio pontificio, senza avere alcun problema.

I rimanenti rimasero per qualche anno alla macchia, ospitati da conventi, castelli, fattorie di amici dell’Ordine Templare; come già detto, in Piemonte mille cavalieri rimasero indisturbati nelle loro proprietà fino al 1312, per poi confluire nell’Ordine dei Cavalieri di Malta o tra le fila laiche dei dignitari della corte Savoia.

Dei circa 13mila templari alla macchia, si sa dunque che nel 1311 2mila passarono in quello di Malta, e mille tra i Cavalieri Teutonici.

Inoltre da dati certi riportati in diversi documenti ex pontifici e dei vari ordini cavallereschi, si è appreso che nel 1312 ex templari ricevettero proprietà: 40 templari italiani di Cicciano, Casalnuovo e Napoli, nascosti nel castello Caracciolo, furono accolti nel 1310 nel nuovo ordine monastico di Sant’Antonio abate e altri 9 vennero imbarcati su un mercantile francese per Marsiglia. Questo ultimi raggiunsero segretamente il Precettore templare Marc de Larménius e lo scortarono travestiti da chierici e monaci benedettini nelle fogne e nelle catacombe di Parigi ove in pieno inverno 2010 si nascondevano ancora 2mila cavalieri alla macchia.

Larménius riunì i templari dispersi e riprese l’Ordine, soccorrendo in carcere i fratelli arrestati e torturati, infiltrando i suoi uomini nelle prigioni, a Corte reale e tra i giudici regi, creando una rete templare clandestina molto efficiente.

Quando nel 1314 a Parigi de Molay venne mandato al rogo, nove dei suoi uomini tra cui una donna celata da un saio monacale, avevano raccolto il sigillo, la corazza e la spada del Gran Maestro portandoli in salvo nelle catacombe … images

L’Ordine dei Cavalieri Templari non fu mai veramente distrutto … Perfino Nostradamus nelle sue centurie diede istruzioni cifrate ai templari francesi nascosti alla Corte dei Valois e poi dei Borbone di Francia, dove i Cavalieri fecero parte del famoso partito nobiliare della Fronda che si opponeva al clero e alla Corte e che tanto diede da fare a Richelieu e a Mazzarino …

Il loro archivio segreto dal 1307 si trovava parte nel castello di Gisors e parte a Rennes le Chateu; vi rimase fino al 1943 …

L’Orde du Temple dopo la morte del Gran Maestro Jean Marc de Larmeniùs continuò ad operare in Francia, risvegliando ufficialmente sebbene segretamente l’Ordine templare i in pieno ‘600 e poi nel congresso templare del 1708.

Tra il 1740 al 1786 l’Ordre raggruppò i cavalieri di tutta Europa attorno alla stretta osservanza templare; in Italia Gran Maestro fu il principe Diego Naselli d’Aragona.

La Gran Maestra dell’Ordine Templare italiano ebbe sede a Venezia fino al 1867, quando vi fu il famoso congresso veneziano con venti delegati provenienti da tutto il Paese.

Nell’800 prese vita un Ordine confederato con autonomie locali nel mondo, come nel 1840 quello svedese, nel 1846 quello inglese con i knigth templars, nel 1857 quello tedesco.

La Gran Maestra confederale mondiale templare nel 1873 fu data al principe di Galles; nel 1935 passò ai templari del Portogallo; tra il 1942 e 1960 uno dei Gran reggenti fu Antonio Campello Pinto de Souza Fontes, cui nel 1960 successe il figlio don Ferdinando.

Va ricordata anche la Gran Maestranza in Brasile; tra 1956 e 1960 la Gran reggenza fu affidata al principe Gastone Inellas Paleologo.

I templari francesi presero novello vigore sotto Bonaparte nel 1808; continuarono clandestini e alla morte del Gran Maestro Raimond Fabrè Palabrat nel 1838, il Gran Maestro fu il conte Jules de Moreton de Chabrillan; dal 1841 il reggente Jean Marie Raul; nel 1866 Angel Gabriel Maxim Vernois; nel1892 scrittore ermetico Josephin Peladan; nel 1970 il generele franco-polacco Antoine Daniel Zdrojewskij.

I Templari svizzeri furono diretti dal 1973 da Alfred Zappelli; dal 1987 i cavalieri svizzeri e francesi vennero diretti congiuntamente dal Gran Priore elvetico Joseph Clerc, sebbene coesistessero ramificazioni francesi autonome.

In Italia dopo la morte di Gian Gastone Ventura, avvenuta nel 1981, a Venezia l’attività templare continuò ma in modo frammentario e non unito con Olivari, a Bologna con Caracciolo e a Catania con Gaspare Cannizzo.

Nella Patria del fondatore templare mondiale Ugo dei marchesi Pagano di Bracigliano, patrizi di Nocera e di Salerno, nel 1979 si formarono vari gruppi neotemplari, come quello di Rocco Zingaro di Roma che a San Felice al Circeo fondò la piccola Casa Editrice Templari che dal 1983 rimase attiva fino al 1990, o il gruppo templare di stampo cattolico di Torino di Ferruccio Castoldi. Inoltre, proprio in questa città fiorì il 16 settembre 1983 la LARTI (Libera Associazione Ricercatori Templari Italiani) di Bianca Capone.

I Templari italiani si diffusero poi ulteriormente in Sicilia; nel 2002 infatti si tenne il grande congresso di Messina con la partecipazione della storica templare Barbara Frale.

Templari

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →