Schindler’s List, la pellicola che cambiò il cinema

1 agosto 2012 16:00 0 commenti

Condividi questo articolo

La locandina di "Schindler's List"

Un capolavoro che ha segnato la storia del cinema e, più in generale, il modo di osservare, capire, riconoscere e studiare uno dei momenti più bui dell’umanità. Schindler’s List non è un semplice lavoro cinematografico ben riuscito. Non è il semplice film campione d’incassi. E’ molto di più nel suo intrinseco gioco d’immagini, nella sua sinuosa forma ad incastro come se riuscisse a tirar fuori l’inconsapevole, quelle parti nascoste dello Shoah sotto gli occhi di tutti, eppure mai prese sul serio, accantonate nelle cataste di numeri e statistiche. Schindler’s List non è la drammatica fantasia di un regista fantasioso, come ad esempio “Bastardi Senza Gloria” di Quentin Tarantino, ma la rievocazione della realtà raccolta dal romanzo “La lista di Schindler” dello scrittore australiano Thomas Keneally che per primo ha raccontato i sacrifici di un uomo, di un nemico, di un nazista, per salvare gli ebrei, gli inferiori, i derisi.

La trama. Oscar Schindler era figlio di un imprenditore tedesco del Terzo Reich. Alto, possente, amato dalle donne, straordinario conversatore, oratore di Alcol e feste, ma con il fiuto di chi sa come fare fortuna. Dopo l’invasione della Polonia, Schindler decide di trasferirsi a Cracovia per iniziare una nuova attività produttiva sfruttando ciò che il momento storico metteva a disposizione. Non aveva soldi, non aveva nulla, solo una valigia e qualche foglio immacolato. Riuscì a crearsi amicizie importanti tra le SS grazie al suo “savoir faire” in una compravendita di favori che gli spianano la strada verso il mondo imprenditoriale, ma i fondi utili per l’attività arrivano direttamente dal ghetto ebraico in cambio di lavoro e prodotti vari utili al baratto. Inizia così l’ascesa di Oscar Schindler per la sua produzione di oggetti smaltati utili all’esercito tedesco impegnato sul fronte sovietico servendosi, anche per benefici economici, di manodopera ebrea piuttosto che polacca. Arrivano soldi e notorietà fino a quando il Reich non complica le cose ordinando lo sgombero del ghetto e il trasferimento nel campo di concentramento di Plaszow sotto il controllo di Amon Goeth uno dei più temibili e sanguinosi ufficiali delle SS. Schindler non demorde e grazie all’aiuto del proprio contabile Izak Stern, ebreo, cambia i connotati della propria fabbrica trasformandola da oggetti smaltati (foto) a munizioni e granate. Compra la vita, è il caso di dire, di ben 1500 deportati e sperpera ogni centesimo del proprio patrimonio personale per tenere in vita una fabbrica denominata scadente e a rischio chiusura solo per evitare la definitiva deportazione ad Auschwitz dei propri operai per la soluzione finale. La fine della guerra e la vittoria alleata costringe Schindler alla fuga dopo un ultimo momento toccante nel campo di concentramento di fronte ai suoi ebrei.

Il film. Prodotto nel 1993, ha consacrato definitivamente il regista Steven Spielberg nell’olimpo delle grandi regie con i premi Oscar per la miglior regia e per il miglior film. Stracciate le prime pellicole di Spielberg come “Lo squalo” ed “ET”, fino ad allora pietre miliari della sua carriera. Il film è stato girato totalmente in bianco e nero salvo alcuni frame piuttosto significativi: la scena iniziale, con l’accensione delle candele per lo “Shabat”, e l’ultima scena quando una carovana generazionale di ebrei salvati da Oscar Schindler rende omaggio alla tomba del proprio salvatore. In quest’ultima scena il valore comunicativo è impressionante: i protagonisti di quei drammatici momenti vengono accompagnati dalle figure di allora come angeli custodi a sottolineare la vita generata da una vita salvata. Toccante anche la figura dello stesso attore, Liam Neeson, che porta un fiore alla tomba di Schindler raccolto da una lontana inquadratura quasi come un personaggio mitologico. L’intero film, straziante per certi versi, è carico di significato e ogni scena non è mai casuale. Molto spazio viene raccolto dal “doppiogiochismo” di Schindler che, facendo parte del partito nazista, mostrava atteggiamenti diversi a seconda del contesto trasformando in pura ironia di disprezzo, agli occhi dei soldati, quei comportamenti docili e protettivi verso gli ebrei. Un gioco di luci, musiche e immagini rendono la pellicola unica nel suo genere, senza mai trascendere, esagerare o amplificare l’avvenimento. Tutto studiato nei minimi dettagli. Almeno il 40% delle riprese, soprattutto nel campo di concentramento, sono state effettuate con telecamere palmari per trasferire la confusione e il tumulto del momento anche allo spettatore diventandone partecipe emotivamente. Una pellicola che ha cambiato il modo di vedere il cinema e gli effetti che genera sullo spettatore. Non una storia d’amore incondizionata che continua contro tutto e tutti, ma l’umanità di una semplice persona che va aumentando proprio quando di umano, ormai, non è rimasto più nulla.

La bambina con il cappottino rosso. Molti sono rimasti impressionati, ed è proprio ciò che il regista voleva, dalla bambina con il cappottino rosso, unica macchia di colore del film. Schindler è l’unico a notarla ed è emblematica la scena riprodotta: nel grande caos, la bimba passa inosservata camminando tranquillamente per le vie del campo mentre i soldati raccoglievano i deportati. Un piccolo fantasma che entra in camera come parte integrante e non come protagonista. Ecco il punto centrale della pellicola: trasformare in secondario ciò che invece dovrebbe essere primario. Anche lo spettatore non sembra accorgersi della particolarità e se carpisce il passaggio si sofferma solo ed esclusivamente sulla cromatura del tessuto. Difficile notare l’andatura calma e disinibita della bambina nel caos generale, in pochissimi sono riusciti a tracciare il senso di quella sfumatura. invece, lì, c’è molto di quanto già precedentemente sottolineato. Certamente, il regista, non ha voluto tirare in ballo l’immagine di una persona in particolare per una ragione ben definita: durante lo smembramento del campo, anche la bambina viene riproposta con il suo cappottino senza vita ammucchiata fra gli altri cadaveri. Quella bambina è Roma Ligocka, ebrea – polacca effettivamente deportata ma ad oggi sopravvissuta grazie proprio a quel cappottino. Ligocka, nipote del regista Roman Polanski, raccontò a Spielberg la sua testimonianza attraverso una fotografia che la ritraeva proprio con quel cappottino. Dopo il film, Roma decise di scrivere in un romanzo autobiografico la sua storia intitolato “La bambina con il cappottino rosso”. Ma se quella scena non ritraeva la persona, qual’è il suo significato? Spielberg ha deciso di non rilasciare il proprio significato per indurre lo spettatore a cercarne uno. Effettivamente, quel cappottino, sembra mostrare i valori dell’umanità, la passione, l’amore esistente anche in quei momenti drammatici, ma quando Goth avvia le procedure di sgombero del campo la drammaticità e l’odio estirpano anche l’ultimo briciolo di umanità definito in quel cappottino.

Piccoli aggiustamenti. Anche in un capolavoro del genere è impossibile generare fatti reali in modo totale. Nel film, Oscar Schindler viene arrestato per aver baciato una donna ebrea al suo compleanno, ma in realtà Schindler fu arrestato per ben tre volte per vicende relative al mercato nero e mai per contatti fisici con ebrei. Una delle scene finali mostrano l’impiccagione di Amon Goth, effettivamente avvenuta nel 1946, ma la realtà è leggermente differente dal frame: al momento dell’impiccagione il boia fu costretto a dare la sentenza per ben tre volte poichè fu ripetutamente sbagliata la lunghezza della corda mentre, nel film, il tempo si prolunga per via dello sgabello definitivamente rotto dopo vari tentativi. Il film, inoltre, rievoca buona parte dei luoghi dove la storia ha consumato la sua drammatica, ma durane le riprese del campo e di alcuni luoghi limitrofi fu scelto il centro di Leopoli (Ucraina) in quanto meno oneroso di Cracovia

Curiosità e aneddoti. Molte sono le vicende del “dietro le quinte” che in pochi conoscono e ora cercheremo di renderli visibili poichè anche questo sottolinea la straordinaria conoscenza del regista e lo sviluppo della pellicola.

Partiamo dal titolo del film, sembra un titolo come gli altri, e invece racchiude vari significati:

  • in inglese “Schindler’s List” significa “La lista di Schindler”, mentre in lingua yiddish (lingua ebraica dell’Est Europa) i termini “Schindler’s list” si traducono in “Il trucco di Schindler”. In lingua tedesca “Liste” sta per “elenco”, mentre “List” per “astuzia”, “furbizia”. La traduzione Il trucco di Schlinder, potrebbe derivare anche dalla parola russa lisà (volpe).
  • Il budget per la realizzazione del film fu stimato attorno ai 25.000.000 di dollari riuscendo ad incassarne negli U.S.A. circa 96.065.768 e, globalmente, 321.300.000, risultando così il 9° maggior incasso U.S.A. e il 4° maggior incasso globale dell’anno 1993.
  • Parte degli incassi servirono a creare la “Survivors of the Shoah Visual History Foundation”, organizzazione no-profit per una collezione audio-video delle testimonianze di circa 52.000 sopravvissuti.
  • La produzione del film fu affidata a Steven Spielberg mentre la regia era destinata a Martin Scorsese, Billy Wilder e Roman Polanski che rifiutarono. Il primo credeva che un film del genere dovesse essere diretto da un ebreo e decise di dirigere “Cape Fear” al posto di Spielberg; il secondo dichiarò di non esserne in grado, nonostante avesse già abbozzato la produzione, in quanto molti parenti furono protagonisti nei campi di concentramento mentre Roman Polanski rifiutò per paura di renderlo troppo personale in quanto visse, ad 8 anni, nel ghetto di Cracovia tanto che il bambino di nome Adam nel film sembra rievocare proprio il regista polacco. Polanski diresse qualche anno più tardi un film sull’Olocausto intitolato “Il pianista”.
  • Prima di riprodurre gli scenari del campo in Ucraina, Spielberg tentò di girare nel vero campo di concentramento di Auschwitz, ma prima le critiche di vari ambienti ebraici rallentarono il tutto, poi la cinepresa si ruppe all’ingresso del campo per tornare a funzionare solo una volta fuori dal recinto. Spielberg lo interpretò come un segno e decise di cambiare località.
  • Per il ruolo di Oscar Schindler, il regista aveva richiamato prima Harrison Ford e in seguito Alain Ticke, ma entrambe rifiutarono. Kevin Costner e Mel Gibson si proposero per il ruolo, ma Spielberg rifiutò in quanto la notorietà dei due attori avrebbe potuto decentrare il film.
  • Durante le riprese Ben Kingsley, che interpreta Itzhak Stern, conservava una foto di Anna Frank nella tasca del cappotto. Alcuni anni più tardi Kingsley interpretò Otto Frank, padre di Anna, nel telefilm Anne Frank: ” The Whole Story”.
  • Tim Roth è stato considerato per il ruolo di Amon Goeth. La parte andò a Ralph Fiennes e fu costretto ad ingrassare 13 kg bevendo birra Guinness
  • Nel 2004 il film è stato scelto dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti per essere inserito nel National Film Registry.
  • Steven Spielberg ha iniziato a lavorare sul film in Polonia, mentre Jurassic Park era in post-produzione. Ha lavorato a quel film via satellite con l’assistenza di George Lucas.
  • Spielberg sente particolarmente questo film. Infatti, decise di non è stato pagato. Ha rifiutato di accettare lo stipendio dicendo che sarebbero stati “soldi di sangue”. Inoltre ha sempre dichiarato di voler essere ricordato per questo film e per “E.T.” e, ciò nonostante, si rifiuta di firmare autografi su qualsiasi materiale relativo al film.
  • Per i costumi delle 20.000 comparse la costumista si rivolse alla popolazione. Molte persone povere della Polonia non vedevano l’ora di vendere i loro vestiti dell’epoca.
  • Stellan Skarsgård fu considerato per il ruolo di Oscar Schindler, ma fu scartato in un secondo momento. Lo svizzero Bruno Ganz, invece, rifiutò il ruolo e interpretò il Fuhrer nel 2004 per “La Caduta – Gli ultimi giorni di Hitler”
  • Schidler’s List è il più costoso film in bianco e nero mai realizzato fino ad oggi. Il record precedente è stato detenuto per oltre 30 anni da un altro film sulla Seconda Guerra Mondiale, “Il giorno più lungo”"
  •  (1962).
  • A Juliette Binoche è stato offerto un ruolo, una donna che veniva violentata e poi uccisa, ma lo rifiutò.
  • Embeth Davidtz ha scelto di non incontrare Helen Hirsch, il personaggio che stava interpretando nel film, fino a dopo le riprese.
  • Quando il film doveva essere mostrato nelle Filippine i censori avevano deciso di tagliare alcune scene di nudo e violenza. Steven Spielberg disse che a quel punto avrebbe ritirato il film dal Paese. Il presidente delle Filippine annullò la censura e fu proiettato senza tagli.
  • Steven Spielberg inizialmente doveva fare il film in polacco e in tedesco con sottotitoli in inglese, ma ci ripensò perché sentiva che non sarebbe stato in grado di valutare accuratamente le prestazioni in lingue a lui sconosciute.
  • A Saul Bass fu chiesto di disegnare il poster (foto). La sua versione era un’immagine di filo spinato contenente i nomi delle persone che Schindler aveva salvato ma fu respinta.
  • Si dice che, durante le riprese, l’atmosfera era così triste e deprimente che Steven Spielberg chiese al suo amico Robin Williams se poteva girare alcuni sketch comici.
  • Dopo aver girato questo film Liam Neeson e Ralph Fiennes sono diventati molto amici.
  • Quando Steven Spielberg ha mostrato la prima a John Williams, il compositore era così commosso che dovette fare una passeggiata per alcuni minuti per riprendersi. Al suo ritorno Williams disse a Spielberg che il film avrebbe meritato un compositore migliore. Spielberg rispose: “Lo so, ma sono tutti morti.”
  • Steven Spielberg ha aspettato 10 anni prima di fare il film perché sentiva che non era pronto ad affrontare l’Olocausto, nel 1983, all’età di 37 anni. Egli stesso appare in un cameo: è un Ebreo che attraversa il campo alla fine del film.
  • Le riprese sono state completate in 72 giorni, 4 giorni prima del previsto. Sono state effettuate a Cracovia e dintorni.
  • Quando, durante la liquidazione del ghetto, il soldato nazista si siede al piano a suonare e i suoi commilitoni commentano: “- Was ist das? Ist Bach? – Bach? Nein, Mozart“, in realtà egli sta davvero suonando Bach, per la precisione il preludio della Suite Inglese numero 2 BWV 807

Fabio D’Alpino

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →