Raffaele Viviani e le sue canzoni

15 novembre 2013 08:44 0 commenti

Condividi questo articolo

Raffaele Viviani fu commediografo, attore, musicista, poeta, cantante. Potremmo già limitarci a queste definizioni per descrivere uno dei più grandi e poliedrici artisti che il nostro territorio abbia mai espresso. C’è però ancora un aspetto poco conosciuto della sua arte: fu autore di canzonette, ed è questo specifico settore delle sue opere che cercheremo di analizzare.

L’arte interpretativa e la superba presenza scenica di Viviani resterà un unicum nel campo artistico partenopeo; tutto il suo impegno era soprattutto orientato alla rappresentazione e alla denuncia sociale.

Di conseguenza gli aspetti antropologici che caratterizzavano la vita quotidiana del nostro popolo – peculiarità che il celebre artista non voleva ignorare – erano essenzialmente un j’accuse teso a rappresentare i variegati aspetti negativi di una realtà composita e complessa nella quale Napoli e tutta la sua provincia si dibattevano.

Il suo impegno  artistico-sociale gli creò enormi problemi e la sua stessa carriera venne fortemente condizionata dall’ostracismo e dalla censura di regime che tendevano ad emarginare culturalmente l’uomo e le sue opere; la sua infatti si può considerare una strenua resistenza al fascismo che volutamente ignorava le problematiche che il Viviani denunciava attraverso i suoi scritti e le sue rappresentazioni teatrali.

Raffaele, Salvatore, Catello Viviani nacque a Castellammare di Stabia il 9 gennaio 1888, da Raffaele, di professione cappellaio, e all’occorrenza anche vestiarista (fornitore d’abiti di scena) dei vari  teatrini locali, e da Teresa Sansone, donna di casa.

Del teatro di Viviani  si conosce un po’ tutto grazie alle innumerevoli rappresentazioni,  anche perché dopo il “ventennio nero” le maggiori compagnie teatrali nazionali riproposero e portarono in scena le sue opere.

L’aspetto, relativamente conosciuto se non addirittura considerato di second’ordine, fu quello della sua ricca produzione canora.

Fu anche in questo settore che il Viviani – e non poteva essere altrimenti – si prodigò, rappresentando e denunciando le varie problematiche esistenziali del quotidiano vissuto dal sottoproletariato urbano partenopeo.

Le sue variegate figure legate a personaggi e storie spesso improntate su un’ironia quasi macchiettistica, sorniona, che però celava – e nemmeno tanto – la voglia di rivalsa di un popolo costretto a pagare il dazio maggiore alla indifferenza, alla insensibilità della opulenta aristocrazia dell’epoca .

Titoli come ’A canzona d’’a fatica, ‘A preghiera d’’o zuoppo, Aspettanno, aspettanno, Canto dell’isola, L’emigrante, ’O muort’’e famma si commentano da soli.

Il debutto sulle scene teatrali  di un giovanissimo Viviani avvenne nel 1892 proprio con la rappresentazione di una canzone; si trattava di un duettino, genere molto in voga all’epoca.

Raffaele aveva appena compiuto quattro anni; si esibì in coppia con la concittadina Vincenzina Di Capua a Napoli in zona Porta Capuana sul palcoscenico di un baraccone di legno di infimo ordine, il “Masaniello”, che, si dice, fosse stato addirittura costruito da suo padre.

 

Il piccolo Raffaele Viviani era stato chiamato a sostituire il cantante Carlo Trengi, incaricato dell’esecuzione del brano, che quella sera era influenzato. Il brano era Il cantante e la ballerina, una simpatica produzione di Antonio Barbieri, musicata da Eduardo Galgani, in arte Theo.

Dopo l’esperienza con la Di Capua, durata qualche anno,  la sua compagna d’arte divenne la sorella Luisella (1885-1968), destinata a divenire anch’essa una celebrità.

Il culmine della loro notorietà artistica fu toccato con l’interpretazione di ‘O scugnizzo, di Giovanni Capurro e Francesco Buongiovanni.

Finita l’esperienza del repertorio duettistico, con la crescita e la maturazione, Raffaele Viviani si cimentò nel repertorio macchiettistico; la nuova proposta canora era consisteva in parodie e in cosiddette “risposte” a celebri successi dell’epoca.

Un esempio per tutti Cara mammà … , che Viviani ribattezzò Caro Totò, lanciata nel 1904 dal duo E.A.Mario-Raffaele Segrè; si ricorda che questa fu la prima di oltre 3000 canzoni nate dalla penna dell’autore della Canzone del Piave.

Peculiarità di Viviani era quella d’inserire queste canzoni nel contesto scenico dei suoi celebri e immortali lavori teatrali.

La sua voce è arrivata fino a noi incisa su dischi d’epoca che ci consentono di ascoltare un Raffaele Viviani dalla voce stridente, rauca, intrisa di un pathos interpretativo che ha pochissimi riscontri nel vasto panorama della canzone napoletana.

La quasi totalità delle canzoni furono scritte di suo pugno, versi e “musica”; i suoi spartiti vennero pubblicati dalle edizioni Bideri. Viviani entrò a far parte di questa famosa “scuderia” quando nel 1912 vinse il concorso canoro organizzato dalla celebre casa con ’Nce vevo ‘a coppa!, di Gennarelli, ed. La Canzonetta.

Abbiamo virgolettato “musica” non a caso: ricordiamo che Raffaele Viviani non conosceva il pentagramma e la tecnica adottata fu quella che ci piace definire “gambardelliana”, in riferimento al celebre Salvatore Gambardella (1871-1913) ricordato come la massima espressione di musicista “orecchista”, e di cui quest’anno ricorre il 100esimo anniversario della scomparsa.

Viviani usava il suo stesso sistema: fischiettava o accennava, a volte canticchiando, il motivo parto della sua mente, dando modo al musicista di turno – nel caso di Viviani il più delle volte fu probabilmente, Eduardo Lanzetta (1886-1936) – di fissare le note dettate in modo alquanto “artigianale”sul pentagramma.

Per la cronaca, Il maestro Lanzetta musicò anche una canzone che Viviani scrisse con la collaborazione del bravo e colto poeta Carlo De Flaviis (1885-1939),Quanno jarraie ‘a spusà … pubblicata nel 1917.

Una buona parte di queste interpretazioni vennero stampate su 78 giri dalla celebre casa discografica partenopea Phonotype Record e qualcuna su supporto fonografico statunitense Victor.

Con la diffusione del disco, strumento che certamente poteva raggiungere un numero maggiore di persone, magari  gente che prima d’allora non aveva assolutamente  avuto le risorse per accedere ai teatri, il messaggio sociale dell’autore attraverso le canzonette arrivò dappertutto.Venne dunque accusato di contribuire a turbare l’ordine pubblico.

L’accanimento della censura di regime si irrigidì ulteriormente e lo contrastò anche negandogli gli spazi teatrali; arrivò addirittura a non fargli attribuire la carica – peraltro non sappiamo quanto gradita al Viviani – di Grande Ufficiale della Corona d’Italia, proposta nel 1931dal senatore Nicola Romeo.

Con la fine della guerra iniziò la riabilitazione artistica delle sue opere; bisognerà  però arrivare al 1957, quando per le edizioni ILTE venne pubblicata un’importante selezione dei maggiori lavori teatrali  del  Viviani. Riconoscimento un po’ tardivo, visto che l’artista era scomparso il 22 marzo 1950.

Libero Bovio  pubblicò in un suo scritto: «Penso che sarebbe bene amarli più in vita gli uomini degni, che dopo morti, poiché la lode postuma o è un primo segno di rimorso o un ultimo gesto di ipocrisia».

Mai parole furono più significative per ricordare il nostro caro Raffaele!

Ciro Daniele

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →