Racconti di viaggio: la Finlandia

13 giugno 2013 09:31 0 commenti

Condividi questo articolo

L’aereo sorvola il Mar Baltico, si avvicina alla terra ferma, si cominciano a vedere laghi e foreste, betulle, pini, abeti: il mio cuore mi dice che sono tornato a casa.

Come tornato a casa, non sei  italiano? Si, è vero sono italiano ma il mio cuore sta in Finlandia.

Riparte l’aereo per un volo interno che ci porta a Rowaniemi, la capitale del nord.

Suomi, terra dei mille laghi, delle foreste infinite, delle paludi, dove c’è l’occhio della palude, cioè un foro circolare di 40/50 cm di diametro, fatto a cono in cui c’è solo acqua e se ci vai a finire dentro è un bagno assicurato.

Più di 20 anni or sono è capitato di finirci dentro ad Elena, una nostra giovane accompagnatrice, interprete finlandese: è uscita come un pulcino bagnato.

La prima volta che sono rimasto incantato dalla Finlandia avevo 30 anni.

Viaggiavo con mio fratello Tito ed i suoi amici, già stati al nord altre volte.

Siamo tutti cacciatori e le nostre prede preferite sono i tretraonidi: il gallo cedrone, il gallo forcello e la pernice bianca, che lassù viene chiamata  riekko, il francolino di monte, ma non disdegniamo neppure la lepre bianca.

E naturalmente il massimo come preda è cacciare il gallo cedrone, molto difficile da abbattere per le sue prerogative di sicurezza: fugge in genere al primo avviso di vicinanza umana.

Un giorno al mese però, il giorno dopo il colmo di luna, quest’uccello sembra quasi distratto, si lascia avvicinare e questo vale anche per gli altri tetraonidi.

Pare che la luna eserciti sulla fauna uno stato d’allarme e  man mano che cresce,  gli animali sono sempre più nervosi.

Il giorno dopo la luna piena  c’è una pausa, sono tranquilli e più avvicinabili, però non è facile capitare sempre da quelle parti nella giornata giusta, visto che la caccia a quella specie si fa solo da settembre a fine ottobre.

Arrivo a Rowaniemi, sosta di una notte all’albergo Polar: la sosta era un’abitudine per  poter organizzare il giorno dopo l’incontro con la guida e l’interprete ed affittare l’auto che sarebbe servita nei giorni seguenti.

Potrei raccontare ogni momento vissuto in Lapponia.

Fortunatamente, proprio di fronte al Polar al tempo era nata una nuova agenzia, con lo scopo di portare i turisti nei dintorni in tutti i periodi dell’anno.

Conosciuto il giovane proprietario Matti Saari e la sua giovane fidanzata Kaisa Siren che fortuna nostra sapeva parlare italiano, siamo entrati subito in rapporto amichevole con loro.

È così nata un’amicizia che a tutt’ oggi è salda, pur senza vederci spesso.

Ci sentiamo solo per telefono, magari per gli auguri di Natale, ed è come se ci fossimo lasciati il giorno prima.

Ma torniamo all’arrivo in agenzia.

Fatto un programma si parte per la zona di caccia situata nei pressi di Kuusamo, cittadina che si trova una trentina di chilometri fuori città.

In riva ad uno dei mille e più laghi c’è la casa che da allora affittiamo per pochi giorni, una casa vacanza che tutti vorremmo avere: è fatta con tronchi di legno lavorati a blok-house, con doppi serramenti, senza balconi ma con pesanti tende, piccola e molto accogliente.

In centro da il benvenuto un bel camino acceso per riscaldarci, e attorno ad esso si sviluppa il soggiorno e la piccola ma funzionale cucinotta.

Vicino alla finestra più grande sta un bel comodo divano-letto, destinato al mio amico Jussi Tiitola, lappone purosangue, un uomo tutto d’un pezzo, preziosa guida e amico sincero: lui non parla italiano ma solo sa qualche parola d’inglese; io parlo solo la mia lingua, l’italiano,  eppure ci capiamo perfettamente, ci comprendiamo a gesti, a monosillabi, con uno sguardo come e più se fossimo fratelli.

La caccia.

L’indomani al nostro arrivo, di mattino presto, c’incamminiamo, mio figlio Umberto, mia moglie Stella, Jussi ed io.

Armati di fucili e cartucce c’inoltriamo nella verde foresta di abeti e betulle.

Ogni mattina è una nuova avventura, si cambia zona, poiché basta andare ad ovest un giorno e il dì seguente a nord e così via: il territorio è così vasto che si cammina tutto il giorno senza quasi mai incontrare né villaggi, né baite, né persone sulle strade larghe e sterrate, bianche e dritte per chilometri.

Non passa un’auto per giorni e, anche se fosse, la si sente da lontano e la si evita.

Perché strade bianche? Perché si fa caccia in quel posto?

Dopo tanti anni di caccia ho imparato che i tetraonidi amano mangiare i sassolini delle strade, fatti di carbonato di calcio, sostanza indispensabile per la loro costituzione, e quindi il cedrone, il forcello e la pernice passano le prime ore del giorno ai margini delle strade, dove trovano cibo abbondante, vermicelli, insetti, germogli e si fanno letteralmente il bagno a secco nella sabbia,  strofinando per bene le penne.

Camminando entro nei primi trenta metri dal ciglio stradale dove è molto facile imbattersi in qualche animale della foresta, molto più spesso che all’interno della stessa.

Vi sono pure zone dove gli alberi sono stati abbattuti e quindi il terreno arato con grandi trattori ad una profondità di quasi un metro e la terra offre un vastissimo e fertile nuovo pascolo.

Soprattutto la pernice artica in questi territori è molto difficile da cacciare in quanto è tutto un salire e uno scendere su terra, radici, sabbia.

Non sempre vi è abbondanza di fauna, nemmeno nella sconfinata tundra finlandese.

La natura fa la differenza ogni anno: se il tempo nel periodo della schiusa delle uova è clemente nascono molti piccoli, di tutte le specie.

Se il clima in quel periodo è freddo, piove o addirittura nevica, si blocca la rinascita degli animali: niente mirtilli, fiori, bacche e soprattutto nel periodo da fine maggio ai primi di giugno, niente zanzare e mosche, cibo proteico indispensabile allo sviluppo dei piccoli nuovi nati.

Tutto si ferma e muore, allora.

L’autunno è quasi un deserto di selvaggina, solo pochi individui vecchi che scappano al primo passo; carniere scarso.

Rimane però sempre l’emozione del paesaggio, laghi, paludi, boschi … le albe ed i tramonti indescrivibili, spettacolari, l’incontro furtivo con un’alce che scappa, i piccoli gruppi di renne, col  klic-klac degli zoccoli, che brucano i licheni e molto schive si allontanano.

A mezzogiorno ci si ferma per una frugale colazione.

Jussi prende dal suo zaino fatto di pelle di renna che avrà più  o meno 50 anni il pane, il formaggio, i würstel, ma soprattutto, nera di fuliggine, la teiera per il caffè.

Al più vicino rivolo d’acqua la riempie, fissa un ramo secco nel terreno a supporto, raccoglie un po’ di legna, che naturalmente non manca mai, ed usando la corteccia fresca di una betulla, adattissima allo scopo, accende un bel falò sul quale si abbrustoliscono würstel e bistecche di renna, sostenute sempre dal solito ramo secco che lui riesce a fissare in modo sicuro ed utile allo scopo.

In quei momenti il caffè è il più buono che si possa sorbire, il gusto della carne, del pane è fantastico.

L’acqua, che qualcuno magari dice non è pura, in Finlandia nella foresta ha un sapore fresco e leggero, ne berresti a litri.

Il ricordo di quelle colazioni in mezzo alla foresta, al silenzio, al klic-klac delle renne che a volte ci passavano vicino, mi accompagna sempre.

A sera si rientra a casa; una buona bevuta di birra finlandese, che va giù a fiumi, soddisfatti dopo una giornata di cammino, sospeso letteralmente sopra un tappeto di mirtilli neri e rossi, di bacche di palude … si ha la sensazione di passeggiare su un morbido cuscino … ed ogni tanto, ma non spesso, si prende una manciata di mirtilli per rinfrancarci: mani nere, violette e un buon sapore in bocca.

Il panorama varia continuamente: dalla fitta foresta di abeti, pini e betulle, si passa alla distesa senz’alberi, completamente arata ed immediatamente rimboscata, alla palude,al margine di un’infinita strada bianca, poi al lago che si deve costeggiare per lunghi tratti, con un cielo che va dall’azzurro più puro al grigio delle nubi, che sembra di toccare allungando una mano.

Spesso c’è una pioggerellina che cade leggera, leggera o il tramonto del sole con mille riflessi di infiniti colori.

Il crepuscolo poi dura fino a tardi.

E che dire quando a volte la sera fa già buio e la volta celeste è tersa, incomincia il freddo e in cielo c’è uno spettacolo inimmaginabile: l’aurora boreale con le sue varianti continue in lampi di luce  colorati, è un gioco celeste di mille arcobaleni.

I finlandesi chiamano l’aurora boreale ravuntoli; mia moglie invece dice di immaginare tante  fanciulle danzanti.

È uno spettacolo veramente affascinante.

La sauna è d’obbligo in quei giorni, poi ci si sente risollevati, in pace col mondo e con se stessi.

Se poi capita che quando esci dalla sauna e stai per prendere il secchio dell’acqua da trenta litri, attinto poco prima dal lago, e te lo stai versando addosso per la famosa reazione … in realtà ci si dovrebbe immergere direttamente nel lago … capita di sentire un rugliare prolungato: bene, può essere un orso!

L’ultima sera di quell’anno dalla parte opposta del lago si è fatto sentire questo richiamo forte nella foresta.

Quando Jussi mi ha avvertito che era il verso di un orso, ho cominciato a rispondergli a tono e così siamo andati avanti per più di mezz’ora a forza di urla prolungate mie e sue, botta e risposta, finchè non è scesa la notte.

Per il pensiero che l’orso potesse avventurarsi dalle nostre parti, richiamato dall’odore della selvaggina appesa all’interno del tepee, classica costruzione lappone in legno, dove ci si ristora e si cuoce il pesce pescato con le nasse nel lago, in un fornello costruito all’uopo.

Sapendo che quest’animale ha un fiuto finissimo abbiamo preparato i fucili nell’eventualità di una sua sgradita visita.

Fortunatamente non si è fatto vivo, ma  non abbiamo dormito molto tranquillamente quella notte.

Mi raccontava Jussi che tanto tempo addietro, quando ancora esistevano branchi di renne selvatiche non ancora marchiate, lui ed il suo amico Pavo, grande cacciatore di lupi ed orsi, durante una battuta di caccia alla renna ne avevano abbattute due e si erano poi fermati per fare un piccolo spuntino.

Lasciate renne e fucili vicino al fuoco acceso, si sono allontanati per pochi passi al ruscello vicino per attingere l’acqua per il caffè.

Dal fitto della foresta è uscito un orso bruno, probabilmente li seguiva da  tempo, e senza batter ciglio ha preso sotto ciascuna zampa anteriore una renna e se le è portate via ballonzolando tranquillamente, lasciandoli a bocca aperta.

Che sia realtà o favola non posso asserirlo: così Jussi me l’ha raccontata e così la racconto io.

Lui è un lappone vero, sincero e non racconta né storie, né favole, a parte un episodio che voglio narrare.

Un pomeriggio, durante un’altra battuta di caccia, era il primo anno che lo conoscevo, ho sparato ad una lepre, ferendola purtroppo.

L’abbiamo persa e lui mi ha detto che non importava, perché era buona cosa che rimanesse nella foresta dove i “folletti” potevano cibarsi con la sua carne.

Pavo, amico di Jussi, l’uomo dei lupi e degli orsi, una sera ci ha ospitati presso la sua casa che naturalmente si trovava isolata in mezzo alla foresta, circondata però da un grande prato.

Erano tre giorni che i miei amici, Piero, Sergio, Jussi ed io non ci lavavamo.

Cortesemente il sig. Pavo ci ha preparato una sauna fantastica, confortevole, e rami di betulla per poterci massaggiare e darci sollievo.

Ad accoglierci al nostro arrivo fuori dalla sauna c’era una giovane e piccola renna femmina, così graziosa che Sergio e la renna “s’innamorarono” … si fa per dire …  l’uno dell’altra.

Lui l’accarezzava facendole tante coccole e lei lo seguiva fin sulla porta della sauna, aspettandolo poi all’uscita.

Da allora, ogni qual volta ci si ritrova anche con zio Piero, si ricorda il fatto e lo si prende un po’ in giro.

Pavo, il padrone di casa, non il vecchio Pavo Locca, bensì l’altro piccolo e grassoccio, non aveva paura di nulla e dava la caccia all’orso quando era in letargo, dentro le caverne in inverno, entrando nella tana per abbatterlo e urlando: «Orso dove sei?»; cacciava anche il lupo finlandese molto più grande di quello italiano.

In soggiorno, accanto alla sedia a dondolo della moglie che tranquillamente lavorava a maglia, faceva bella mostra un lupo grigio-nero imbalsamato, che faceva paura anche a noi al solo vederlo.

La testa era molto  grossa, con mandibole eccezionali da far spavento, e la posa del corpo era aggressiva con le zampe anteriori più in alto di quelle posteriori, dava un senso di potenza selvaggia

Fuori appese ad un filo ad asciugare vi erano pelli di lupo, volpe ed altri animali del nord.

Ricordo il tragitto dalla nostra capanna di soggiorno denominata slivoviz alla casa di Pavo.

Un viaggio durato più di un’ora a bordo di una vecchia jeep senza  più ammortizzatori su di una strada bianca disseminata di buche e di ponti su fiumiciattoli.

Lo zio Piero sussultava sul sedile posteriore dell’auto ad ogni buca, sbattendo continuamente la testa sul tettuccio ma, tosto e cocciuto, non si abbassava neanche a pagarlo.

Credo che il ricordo di quel viaggio gli faccia dolere ancora la testa ed il sedere da tanti salti e cornate che ha avuto.

Quei cinque giorni trascorsi a slivoviz sono sempre presenti nella mia mente.

Mangiando come lupi siamo riusciti a perdere quasi cinque chili a testa e spiego perché: il

merito è delle difficoltà sostenute nel vivere in quattro persone in otto metri quadrati, qual era la superficie della capanna.

Era costruita su palafitta, situata in mezzo alla foresta, nel fitto per non essere notata, e per entrarvi bisognava salire cinque gradini. Era costruita con pannelli di faesite da 4 millimetri, con un tetto di lamiera e un pavimento di tavole d’abete.

Se uno si alzava gli altri dovevano sedersi: non c’era posto, era piccola, metri 4 x 2 scarsi.

Per dormire vi era un tavolaccio rialzato da terra con stese pelli di renna per materasso, posto per tre persone.

Jussi dormiva su una panchina di legno  larga nemmeno 50 centimetrie lunga due metri, posta all’entrata.

Il tavolo per mangiare da  60 x 60 si trovava sotto una piccola finestra; per cucinare e riscaldarci usavamo una stufa, ricavata da un mezzo bidone del petrolio con sopra una lastra di ghisa atta ad appoggiare le pentole.

Si mettevano a bruciare mezzi tronchi di betulla o pino recuperati da piante morte nella foresta.

Una volta accesa il caldo era tremendo ma appena si spegneva il fuoco, verso mezzanotte si doveva chiudere oltre la porta anche una piccola apertura da cm 7 x 15, all’altezza del tavolaccio per dormire, altrimenti ci si gelava.

Alle tre di mattina bisognava riaccendere il fuoco e così via.

L’acqua corrente veniva fornita da un piccolo ruscello vicino e non dico quant’era bello lavarsi al mattino con quella fresca e gelida acqua.

Per toilette c’era tutta la foresta, ma sempre attrezzati col fucile, detto kivari.

Ricordo una notte chiarissima quando Jussi ed io siamo usciti armati di fucile, sperando di poter cacciare qualche tetraonide talmente la notte era lucente.

Alle 24 è apparso in cielo un disco dorato: il sole a mezzanotte: si era già a fine settembre.

Rivivo vivamente quei giorni, trascorsi intensamente, e le pernici artiche che abbiamo cacciato.

Una sera, erano circa le 20, eravamo già coricati per la notte, la porta ancora aperta per il gran caldo quando sentiamo bussare alla parete della baracca.

Con grande sorpresa, perché in realtà pensavamo di essere soli in quel posto, si presentò un signore finlandese.

Faceva parte di una  compagnia di cacciatori, ospitati nelle dacie costruite per il raduno delle renne in prossimità del grandissimo recinto, dove in autunno tutti gli animali di proprietà del sig. Pavo Locca, proprietario di quei terreni, venivano marchiati,  radunati o macellati.

C’invitò ad unirci a loro per bere un tè.

Accettammo volentieri l’invito e giù dal letto … tanto si dormiva vestiti.

Messi gli scarponi, ci siamo avviati alla dacia del ritrovo; dentro c’erano circa quindici uomini che fatte le dovute presentazioni cortesemente ci offrirono il tè bollente.

Al primo sorso ci si accorse che era un po’ alcolico: una parte di tè e due parti di rhum a 60°.

E via un’altra tazza ma alla fine, dopo qualche, chiacchiera a cenni visto l’incompatibilità della lingua, salutammo ringraziando, accettando il loro invito per il mattino seguente per cacciare l’orso.

Erano attrezzati e accompagnati con cani da orso.

Alle sei e mezza del mattino ci presentiamo alla dacia: lo spettacolo che sì e presentato era molto colorito.

Tutti ubriachi, ancora svegli dalla sera prima e ancora bevendo tè e rhum con allegria.

Ovviamente abbiamo salutato e ripreso la nostra strada nella foresta.

Pavo Loca.

Quel signore viveva alla bell’età di quasi ottant’anni da solo in mezzo alla foresta.

La sua casa era composta da un’unica stanza costruita in pietra e legno, per pavimento terra battuta, un camino di pietra grezza per riscaldarsi, un tavolaccio di legno e pelli di renna per giaciglio, una madia per dispensa ed una piccola tavola e due sedie.

Fuori sotto una tettoia era riparata una motoslitta per l’inverno e quando voleva andare in città chiamava via radio l’aereo.

Era proprietario di una zona immensa con un lago grandissimo che portava il suo nome.

Il recinto per il raduno delle mandrie di renne era talmente vasto che per non perdere tempo ad aggirarlo per andare a caccia in quella zona abbiamo preferito salire la staccionata ed attraversarlo.

Ci ha raccontato che, al tempo della guerra tra Finlandia e Russia, una sera d’inverno, di rientro dal suo reparto per una licenza a casa nei pressi del suo villaggio, sentì il richiamo della civetta.

Abituato da lappone ai suoni della foresta subito ragionò: ”E’ inverno, la civetta non c’è”.

Capì al volo che si trattava di un’imboscata.

In realtà  il suo villaggio era stato attaccato da una pattuglia russa, raso al suolo e ammazzati tutti gli abitanti.

Messosi in allarme e capito la gravità del momento, si è messo alla caccia dei soldati ed uno ad uno li ha abbattuti tutti.

Era un grande vecchio, rimasto attaccato ai tempi difficili della sua gioventù.

Sono trascorsi ormai più di vent’anni da quando l’ho conosciuto ma non lo dimentico.

(Foto: web)

Gilberto Frigo, l’uomo del Nord

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →