Pilone, il sergente borbonico Antonio Cozzolino: la vera storia – III Parte

25 agosto 2013 11:57 0 commenti

Condividi questo articolo

A questo punto facciamo un piccolo riassunto: abbiamo visto come Antonio Cozzolino detto Pilone, militare regolare dell’esercito del Regno delle Due Sicilie, in servizio continuativo da prima del 1860, decorato con la Medaglia d’Oro di San Giorgio, promosso a II sergente per il valore dimostrato nella battaglia di Calatafimi contro gli invasori e avventurieri garibaldini il 15 maggio1860, veterano di Palermo, Milazzo, Nocera, Volturno.

Non era un volgare bandito come affermavano i piemontesi ma un militare fedele e coerente che non abiurò ma il giuramento fatto al re di difendere la sua terra, il Regno delle Due Sicilie.

È quello che da bravo soldato fece: contrastò in ogni modo l’invasione di guerriglieri civili armati, stranieri in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, Abruzzo e Molise.

Quando il governo sabaudo dichiarò l’unità d’Italia, Pilone alimentò rivolte separatiste e guerra civile. Non era neanche un fanatico borbonico, come sostenne qualcuno, ma soltanto un uomo leale che scelse di lottare per i suoi ideali.

Li chiamarono briganti, Pilone e gli altri coraggiosi soldati come lui, ma non lo furono mai. Ed è giunto il momento di fare giustizia e restituire la dignità della memoria a questi valorosi che furono i protagonisti di una Resistenza durata un decennio.

La cosiddetta banda di Pilone era un plotone militare composto da partigiani che arrivò a contare fino a 51 effettivi che intraprendeva azioni militari adottando la tattica della guerriglia.

Ebbe contatti con i comitati borbonici che sorgevano spontaneamente su tutto il territorio, cercando di effettuare azioni in concomitanza di quelle di altri gruppi di partigiani.

L’intelligenza tattica di Pilone era indiscussa: a fine luglio 1861venne nominato dall’emissario borbonico Bishop comandante delle truppe in guerriglia nella provincia di Napoli in nome di re Francesco II in esilio nella Città pontificia.

Chiaramente l’efficacia delle sue azioni non potevano non richiamare l’attenzione della Questura di Napoli, diretta al tempo da Silvio Spaventa.

Iniziarono una serie di arresti di fiancheggiatori o presunti tali: il 24 luglio a Palazzo Frisio di Posillipo furono arrestati monsignor Bonaventura Cenatiempo, dispensiere apostolico, e 5 suoi “complici”.

La notte seguente toccò al principe di Montemiletto, quale consigliere del comitato borbonico di Portici, con i suoi “complici”: il generale Emilio de Cristen,il generale Girolamo Tortora Braida, Ettore Noli, il colonnello Pagano, il barone Francesco de Angelis, Meneghini, Cornelio Roeber, Santa Berretta, il duca di Caianiello. il marchese Domenico De Luca e il barone Achille Luigi Caracciolo di San Vito.

Quest’ultimo già capitano dell’VIII battaglione Cacciatori, aveva preso parte in Calabria ad uno scontro con i soldati italiani al seguito del generale spagnolo Josè Borjes, inviato ufficiosamente dal “consanguineo” trono di Spagna per dare man forte alla guerriglia, ed era stato superiore e amico di Pilone; gli altri erano tutti consiglieri del comitato borbonico che si riuniva in modo riservato nel Caffe Nocera di Napoli o in un ristorante, luoghi che non davano nell’occhio così da potersi riunire anche di giorno.

Il capo, Ricciardi conte di Camaldoli, sfuggi alla cattura.

il 31 luglio 1861 la polizia italiana di Napoli espulse il cardinale Riario Sforza perché colpevole di amicizia con il comitato borbonico; perquisì la villa di ritiro dei Ricciardi a contrada Leopardi in Torre del Greco e la casa del presidente del comitato, il conte di Camaldoli, che si nascose però nel Castello Medici di Ottaiano, salvandosi insieme al barone Carbonelli.

Proprio nel Castello la notte del 31 dicembre 1861incontrarono in gran segreto Pilone.

Nel frattempo quello che restava del comitato borbonico di Napoli faceva scoppiare più volte bombe carta nei vicoli e strade e anche davanti al Teatro di San Carlo; dai ponti della Città, tra cui quello di Chiaia, gettava manifestini borbonici di propaganda e inscenava manifestazioni e tumulti popolari inneggiando al ritorno di re Francesco II sul trono.

A Napoli tra giugno 1861 e marzo 1862 la polizia arrestò tre emissari borbonici venuti da Roma, la principessa Sciarra, il signor Quattromani e il signor Bishop. Confiscarono le carte in codice che portavano con loro; i documenti, una volta decifrati rivelarono fatti importanti, come i vari rapporti e la topografia dei luoghi delle bande in Campania, compreso quella di Pilone.

il 19 luglio 1862 la banda di Pilone sequestrò in periferia di San Pietro a Patierno l’ingegner Felice Abate, delegato del municipio di Napoli, mentre faceva i sopralluoghi per individuare come sfruttare al meglio la portata dell’acquedotto romano Claudio per la Città.

il 28 luglio 1862 la polizia diretta dal nuovo questore Nicola Amore, con un’operazione congiunta di ufficiali e di due poliziotti infiltrati nella banda Pilone, catturò due “briganti” travestiti da domestici che avevano rubato un cavallo nel palazzo del principe di Francavilla al Chiatamone; il piano prevedeva anche il sequestro del nobiluomo, scrittore francese filogaribaldino e direttore del giornale napoletano L’indipendente.

I poliziotti rinvennero anche una lista di 22 nomi di liberali borghesi da sequestrare o pugnalare in Napoli e provincia; tra questi c’era anche l’avvocato Giustiniano Lebano.

il 25 dicembre 1862, la banda Pilone armata con i fucili sottratti alla guardia nazionale attaccò a Terzigno un convoglio ferroviario per svaligiarlo, ma arrivarono le guardie nazionali locali, carabinieri e una compagnia di bersaglieri, oltre mentre altri uomini di un battaglione mobile arrivarono in treno.

Nello scontro due uomini del guerrigliero rimasero uccisi e 15 catturati; Pilone sfuggì con 26 uomini andandosi a nascondere nei crepacci del Vesuvio; nella fuga purtroppo perse il suo cappello bianco, la bandiera borbonica e un grande striscione che riportava la scritta Viva Francesco II e Maria Sofia.

Il patriota Pilone non si perse d’animo e contattò il comitato borbonico; fece nuovi arruolamenti nel vesuviano: la banda da 26 componenti rimasti risalì a 40 effettivi ai primi del 1863.

il 13 gennaio venne catturato in Napoli il nobile de Sangro duca di Casacalenda, che due notti prima aveva incontrato Pilone nella sua casa di Villa Campolieto ad Ercolano.

IL 30 gennaio la banda di Pilone fermò in pieno giorno in piazza Annunziata a  Boscotrecase la carrozza privata del marchese Avitabile, direttore del banco napoletano di San Giacomo, mentre andava a caccia con un colono nel suo fondo agrario in località Trecase.

Sequestrato il marchese, s’impadronì dei beni, della carrozza e dei cavalli e del fucile da caccia, lasciando libero il colono, che ebbe il compito di consegnare alla famiglia del marchese la richiesta di un riscatto di 20 mila ducati entro due giorni, pena l’uccisione del prigioniero.

Il colono tornò invece con 10 mila ducati – gli altri li aveva nascosti in casa sua – ma Pilone si accontentò comunque dei 10 mila; liberò quindi l’Avitabile tra i crepacci della Valle dell’Inferno quasi in cima al Vesuvio e gli restituì carrozza e fucile, non prima di avergli spiegato che non erano banditi ma soldati e ufficiali borbonici devoti a re Francesco II; mostrò anche un decreto del re del 1861che lo nominava Cavaliere di San Giorgio e della Riunione, ordine cavalleresco borbonico, e un secondo attestato sempre del 1861 che lo nominava colonnello e comandante d’avanguardia militare dell’armata d’occupazione della provincia di Napoli di Francesco II di Borbone Due Sicilie.

Il tiro delle azioni di guerriglia di Antonio Cozzolino detto Pilone si spostava decisamente sempre più in alto: il principe ereditario Umberto I di Savoia, figlio di Vittorio Emanuele II venne in visita a Napoli nel 1864 e 1865.

Pilone tentò prima  sequestrarlo nel territorio vesuviano che gli era più familiare, ma non riuscendovi la mattina del 4 febbraio 1865 fermò con un’imboscata la scorta reale e la carrozza del principe sulla strada nazionale Napoli-Caserta in località San Nicola la Strada,verso San Leucio.

A cavallo e ben armati, la banda svaligiò il veicolo impossessandosi dei cavalli e delle armi da caccia,impreziosite da intarsi e con lo stemma sabaudo impresso sul calcio; poi  ritornarono tranquillamente sul Vesuvio nonostante l’allarme generale dei battaglioni dei soldati, carabinieri, bersaglieri, guardie nazionali di Caserta in tutta la zona.

La truppa italiana non riuscì però a trovare la banda; avvisata da due informatori la sorprese mentre tentava di svaligiare un treno a Terzigno, dopo aver assaltato il posto di guardia locale e aver disarmato i militi.

Inseguiti fino a dentro il paese, venne anche ferito il fratello di Pilone e quindi catturato insieme con sette compagni.

Vennero pure arrestati i fedeli fiancheggiatori di Pilone, l’oste Luigi Buono, suo zio Ferdinando Cozzolino Martorelli, il taverniere Gennaro Lettieri, il merciaio ambulante Gennaro Alderisio e il sarto Vincenzo Vangone, praticamente tutti i collegamenti con i comitati borbonici di Portici e di Napoli.

Continuando nella massiccia caccia all’uomo, nel 1865 le truppe italiane sorpresero più volte Pilone e i suoi uomini in situazioni in cui si nascondeva, come quando si era riparato nella stalla del cognato a Boscoreale, o nei conflitti a fuoco, in un uno dei quali il nostro valoroso soldato rimase leggermente ferito e tre “brigant” renitenti alla leva catturati.

Pilone però riusciva sempre a fuggire.

Per adesso ci fermiamo qui, riservandoci di raccontare la fine dell’epopea di Antonio Cozzolino nella IV e ultima parte.

(Foto: web)

Michele Di Iorio

Articoli precedenti

http://www.lospeaker.it/pilone-il-sergente-borbonico-antonio-cozzolino-la-vera-storia/

http://www.lospeaker.it/pilone-il-sergente-borbonico-antonio-cozzolino-la-vera-storia-ii-parte/

Nessun commento

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →