Napoli: le radici, la storia, la cultura

28 agosto 2013 07:14 0 commenti

Condividi questo articolo

In ricordo e difesa della patrie e civiche tradizioni di Napoli, città cosmopolita in ogni secolo, vado ad illustrare la tenacia e il valore culturale dei cittadini di Partenope, urbe dedicata alla dea Minerva, dea della saggezza, le cui origini risalgono all’anno 680 a.C., data della fondazione greca ad opera degli abitanti di Cuma.
Partenope, distrutta qualche secolo dopo, fu ricostruita dai greci cumani nell’anno 516 a.C., più bella e grande e venne chiamata Neapolis, la città nuova, municipio di Roma poi, città che fu il vanto di Svevi, Angioini e divenne splendida con gli Aragonesi, viva anche se oppressa dai vicerè spagnoli, cui spesso tenne testa; si rialzò perfino dalla terribile epidemia di peste del 1656.
Divenne la terza capitale europea dal 1734 con la dinastia dei re Borbone, prima città della penisola italiana per popolazione – 340 mila abitanti nel 1737 – e per tradizioni,  riforme illuministiche, dal 1738 famosa per gli scavi archeologici di Ercolano, Stabia, Pompei,  Paestum, Miseno e Baia, per le grandi opere edili tra regge, edifici pubblici, ponti, canali, strade, bonifiche, porti civili e militari, ma anche per l’imponente Albergo dei Poveri del 1753, per il primo esercito nazionale dal 1743, le prime fabbriche in molteplici settori manufatturieri.
Tutto questo avveniva in pieno settecento tra Napoli e Torre Annunziata fino a Salerno e l’alto casertano.
Certamente va sottolineato il risveglio culturale sociale con l’istituzione della Reale Università degli Studi nel 1735, l’Orto botanico; nel1741 si potenziava il Regio Giardino Zoologico, nel 1782 si apriva la Villa Comunale, la villa del popolo, la raccolta indifferenziata dei rifiuti urbani, l’illuminazione pubblica delle strade dal 1762, il potenziamento delle scuole superiori liceali in Napoli dal 1768, l’ampliamento del Museo Archeologico nel 1743 e 1782, il primo teatro nel 1737, il lirico di San Carlo, l’accademia militare del Regio esercito dal 1772 e nel 1787 della Nunziatella.
Conseguentemente alle alacri opere del Real Cantiere Navale di Castellamare di Stabia i Borbone costituirono la più grande flotta militare italica dal 1779, una grande flotta mercantile dal 1738, incrementando la difesa sistematica dei porti e delle coste dalle scorrerie dei pirati barbareschi con la squadra navale agli ordini del Capitano di Fregata don Giuseppe Martinez.
Il Regno di Napoli fu anche caratterizzato da uno sguardo attento alle politiche economiche creando numerosi posti di lavoro con la Fabbrica di porcellane di Capodimonte nel 1743 e con quella di Portici nel 1762, l’artigianato dei presepi natalizi, assurto a vera e propria forma d’arte nel 1738, ma anche l’assistenza pubblica ai poveri attraverso istituti specializzati, la riforma del Banco di Napoli, fondato nel 1494, l’incremento dei rapporti diplomatici internazionali, perfino con l’imperatore turco con cui vi fu uno scambio di doni tra i quali il gigantesco elefante che era tenuto nel parco della reggia di Portici.
Una delle intuizioni più illuminate dei Borbone fu senz’altro la concessione di libera scelta dell’istruzione gratuita elementare pubblica (1767-’68), la fondazione delle più belle Accademie culturali come quelle di Belle Arti e di Belle Lettere, dell’Accademia Archeologica Ercolanense, dell’Accademia Scientifica Pontoniana e la fondazione del Reale Osservatorio Astronomico di Palermo, in preparazione di quello Capodimonte a Napoli che fu poi inaugurato da Giaocchino Murat.
Inoltre fu aperto l’Istituto per Ciechi di Napoli, vennero riordinati la Casa Regia dei Matti di Aversa e tutti gli ospedali pubblici del regno e si favorì la nascita di quella che sarebbe stata la scuola di pensiero che si batteva per l’abolizione in Napoli e della tortura giudiziaria e per la sospensione di ogni sentenza capitale.
Va sottolineato che dal 1734 non fu giustiziato nessuno a Napoli, sino al 1762, quando venne impiccato a Gaeta il brigante comune Mastrillo; nel 1784 fu giustiziato a Salerno il brigante amalfitano Angelo Del Duca. Dal 1734 al 1792 tutte le sentenze capitali vennero sempre commutate in ergastolo a vita o a 30 anni di carcere.
Si pensò anche a riordinare la disastrata burocrazia con il potenziamento dell’Archivio di Stato, della Ragioneria, della Corte dei Conti, del Catasto, con l’istituzione della Deputazione di Sanità e del collegio degli Imbalsamatori Medici di Palermo nel 1756 e il Collegio Universitario e il Gabinetto di Anatomia Medica nel 1763.
Tra tutte queste riforme illuministiche, certamente ispirate dal ministro Bernardo Tanucci e sposate entusiasticamente dai Borbone, vi fu persino la regolazione della pesca, del commercio del corallo e della manifattura di argenteria e oro.
Molti intellettuali dell’epoca, tra cui scrittori piemontesi e francesi, inneggiarono alla lungimiranza dei regnanti di Napoli, auspicando una loro leadership in un’Italia confederata o unita nazionalmente , ispirata alla fondazione della Repubblica utopistica egualitaria sul commercio della seta a San Leucio del Sannio nel 1782, voluta da re Ferdinando IV.
Venne anche rilanciata la gloriosa Scuola Medica Salernitana dove insegnarono illustri clinici napoletani come il Cotugno, e la Scuola Napoletana di Giurispudenza, la più grande d’Europa, l’Ateneo in cui si formarono personalità di insigni giuristi come Nicola Fraggiani e Paolino Origlia, che operarono nel Foro del Tribunale al glorioso Castel Capuano.
Venne ugualmente dato nuovo lustro alla Scuola Filosofica Napoletana, che affondava le sue radici nella Scuola Stoica Romana di Cuma, che aveva annoverato tra i suoi pensatori un Blossio – al tempo dei Gracchi – e poi Giovanni Battista Della Porta, Tommaso Campanella, arrivando a San Tommaso d’Aquino e al suo allievo Giordano Bruno, a Antonio Beccadelli il Panormita, a Gaetano Filangieri ma anche Antonio Genovesi, il primo professore della cattedra di Economia Politica dell’Università di Napoli istituita sotto il regno di Carlo III, e amico del principe e scienziato napoletano Raimondo de Sangro di Sansevero.
In particolare la Schola giuridica, diretta dal ministro Tanucci, vide un programma di livello europeo di riforme appoggiate e pubblicate per ordine dei Borbone, come l’abolizione della pena della fustigazione e della tortura per civili e militari, della censura vescovile sulla stampa, e, insieme alla concessione della libertà di culto religioso, si effettuò il controllo sul numero degli ecclesiastici, chiese e conventi presenti nel regno, annullando il concordato del 1741, e si eliminò anche il Tribunale Pontificio della Nunziatura.
Molto significativa fu l’abolizione del 1743 del servile omaggio della Chinea al Papa; nel 1746 fu sancito anche il libero rientro degli ebrei in tutto il regno unitamente al diritto del loro culto religiosi, residenza e commercio, cose proibite quasi dappertutto, in specie a Torino e Roma.
Il sistema giudiziario si avvalse inoltre del controllo totale delle cause; nel 1741 istituì le figure del Supremo Magistrato Regio e del Supremo Magistrato di Commercio; nel 1734 rilanciò l’antica Gazzetta di Napoli, che riportava il divieto di arresti e confische senza l’ordine della Magistratura apposita, ma anche il diritto al matrimonio civile dal 1758 in tutto il regno per chi non voleva quello cattolico.
Tanucci dopo l’introduzione del matrimonio civile nel regno dal 1758 aveva posto in studio nel 1776 anche la legge sul divorzio civile che però non venne attuata perché il ministro fu congedato per volere della regina austriaca Maria Carolina d’Asburgo.
Vennero poi istituiti i soggetti della Borsa e della Camera di Commercio, istituzione il Tribunale dell’Ammiragliato con patrocinio gratuito peri poveri per le cause civili e penali, il Supremo Consiglio della Finanza nel 1782 e il controllo regio sulla Zecca e sulla monetazione, e infine l’abolizione nel 1746, tra le prime in Europa, del tribunale della Santa Inquisizione e l’abolizione dei Gesuiti.
In un regno tanto illuminato, amministrato amorevolmente da sovrani attenti a tutte le esigenze del popolo, con un sistema giuridico all’avanguardia, spiccarono naturalmnte molte figure geniali ma poco conosciute al di fuori dell’ambito in cui operavano.
Vorrei dunque parlare del mio quasi omonimo, l’avvocato Michele de Iorio di Procida, ma lo farò nel prossimo articolo.
Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →