Monte Spicco

14 febbraio 2015 11:45 0 commenti

Monte SpiccoSorge in val Aurina. La sua mole si erge a proteggere dai venti freddi del nord il piccolo borgo altoatesino di Selva dei Mulini.

Avevo scoperto quel piccolo paese descrittomi nell’età della fanciullezza dai miei genitori che, essendo produttori e commercianti di legno, in quelle valli si approvvigionavano di tavolame da falegnameria.

Frequentavano la valle Aurina due o tre volte l’anno, cercando il materiale migliore da rivendere ai clienti della nostra zona.

Erano già parecchi anni che andavo in Alto Adige, in particolare a Selva dei Mulini. Seguendo le orme paterne anch’io mi ero avventurato per le vallate altoatesine in cerca di legname.

La passione per la caccia d’alta montagna mi portò a chiedere il permesso di caccia giornaliero, nella riserva del comune.

malgaAllora l’areale della riserva comunale comprendeva anche le montagne sovrastanti il piccolo paese di Lappago. Sperduto tra i monti era formato da poche case. D’inverno gli abitanti rischiavano di rimanere isolati dalle valanghe che spesso scendevano, travolgendo nel loro impeto distruttivo ogni cosa. I valligiani fino all’arrivo della primavera vivevano segregati nei loro masi, accadeva da secoli e  i pochi abitanti erano abituati.

Il paesaggio era ed è da favola. Abeti, larici, pini cembro contornano i monti fino a quasi duemila metri di altezza, poi verdi ed invitanti pascoli allietano le alte montagne dove a pascolare assieme ai camosci salgono d’estate le mucche dalle gambe corte ma forti, che brucano l’erba montana fino all’inizio delle rocce.

Sullo sfondo svettava il ghiacciaio perenne del Neves che riluceva al sole, rilasciando la preziosa acqua accumulata nei lunghi inverni sotto forma di neve che scendeva in mille rivoli invitanti per poi gettarsi nel gran lago artificiale formatosi negli anni cinquanta.  L’Enel aveva provveduto a costruire la diga atta a formare il bacino che avrebbe alimentato la centrale idroelettrica posta a valle.

Per raggiungere la diga,  oltrepassato il paese di Lappago, ci si  inerpicava su per una stradina sterrata ripida che si snodava su orridi scoscesi. La  strada   portava  alle malghe,  dove iniziavano i due sentieri che portavano in alto, uno a est portava al rifugio Porro, il secondo più avanti portava al rifugio Ponte di ghiaccio. Tutti e due   rimanevano aperti  agli escursionisti dalla metà di giugno fino alla fine di settembre, poi restavano a disposizione di chi  si avventurava su quelle alte pendici, fino a che la neve lo permetteva, per cacciare le “bianche”.

pernice biancaLa pernice bianca, è un  tetraonide, e vive  a quote che superano i duemila metri di altitudine, fa parte degli animali che cacciavo con grande passione,  amore e rispetto.

La montagna del Neves era il luogo ideale per la riproduzione della pernice bianca: il suo areale comprendente il ghiacciaio e l’esposizione al sole   mi facevano  considerare quel territorio come la riserva di caccia migliore che un cacciatore potesse desiderare.

Ero riuscito ad avere negli anni, assieme a mio fratello e ad altri due accaniti cacciatori bresciani anch’essi innamorati di quelle montagne, l’esclusiva della caccia alle bianche. Ci dividevamo il territorio di caccia andando a settimane alternate a destra o a sinistra della cima bianca, facendo di questa un confine naturale.

Certamente i cacciatori bresciani erano molto più accaniti di noi. Si fermavano in quota fino a sera, li sentivamo ancora sparare quando già eravamo di ritorno al lago, nel pomeriggio.

Lassù a quelle quote, fra il Mesule, il Gran Pilastro e la Cima Bianca, ho trascorso i più bei giorni della mia giovinezza, camminando per tratturi, ghiaioni, lastroni translucidi di porfido in forte pendenza, dove  potevamo camminare in sicurezza muniti di buoni scarponi.Tanti ricordi  porto nella mente, rivedendo e rivivendo visivamente  come in un film quelle avventurose giornate.

Una fra tutte mi vide in gran difficoltà nell’attraversare un pendio pericoloso per la formazione del terreno, ricoperto da un sottile strato di sabbia e ghiaia. Il luogo era molto pendente, non vi era il minimo appiglio, né sassi né vegetazione. Fortunatamente avevo sempre con me il bastone da montagna. Era  diviso in due con un sistema d’avvitamento che mi permetteva di riporlo agevolmente nello zaino quando imbracciavo il fucile. Con il suo supporto ho potuto attraversare indenne il pericoloso pendio e riuscire a riportarmi in zona più sicura. Mi è rimasto impresso nella mente il ricordo  di quei momenti,  ancora dopo  parecchi anni,   come fosse passato poco tempo.

Mi sovviene alla mente, e racconto agli amici molto spesso, un’altra esperienza particolare.

Era  un pomeriggio di caccia alle pernici. Eravamo  a destra del rifugio, sotto la cima  Bianca.         Si alzarono in volo due uccelli, già quasi fuori tiro di fucile,  tentai ugualmente la sorte.  Sparai ad una di esse, il tiro era lungo, impossibile abbatterla, ma con sorpresa vidi dallo scarto che fece  di averla colpita. Seguii con gli occhi mentre si allontanavano, fecero  un volo lungo, attraversarono  la valle che avevo di fronte finchè atterrarono fra i sassi in un piccolo pianoro. Tenuto a mente il luogo m’incamminai fra rocce e ruscelli, ci misi più di mezzora ad arrivare nei pressi dov’erano calate.

Dik, il mio fido amico di mille avventure, come sempre si diede da fare per scovarle e trovata la pastura giusta si pose alla ferma: partì un’unica pernice, capii che era quella colpita, probabilmente l’altra si era già involata.

Le sparai contro un doppietto mancandola di netto, ma ferita dalla prima fucilata fece un volo di non più di duecento metri, poi si calò ancora fra i sassi. Sicuro di recuperala scesi la breve distanza che ci separava e Dik, ponendosi alla ferma, mi fece capire d’averla ritrovata. Guardandomi pareva mi dicesse «Ora tocca a te».

La pernice ripartì, naturalmente le sparai un ulteriore doppietto mancandola di netto. Malconcia   nel volo scese ancora ed atterrò nuovamente.

Attirato dai colpi di fucile arrivò in zona anche mio fratello, che aveva cacciato per suo conto, ed aveva messo nel carniere un buon numero di pernici. Ci avviammo assieme verso la zona poco lontana dell’atterramento, disponendoci a sparare per farla finita.

Dik ancora una volta si pose alla ferma, la pernice partì in discesa, pur se ferita e con tutte le forze che le rimanevano in corpo. Ancora sparammo i quattro colpi di fucile che avevamo a disposizione, ancora una volta mancandola.  Scendeva in picchiata, volando risico terra in direzione di un grande masso di granito che determinava il ciglio del burrone. Pensai subito d’averla persa.

La pernice ferita  non riuscì a superare l’ostacolo che le si poneva di fronte, andandovi a sbattere contro, così da ammazzarsi da sola. Rivedo ancora  la scena,  la pernice che sbatte e rotola prima di fermarsi per sempre con le ali aperte,  come dicesse «Mi arrendo, non sparatemi più».

Non fu una gran caccia, avevo il cuore amareggiato e ferito. Quando una preda è ferita si deve assolutamente finirla per non farla soffrire, ma questa piccola pernice  aveva una forza incredibile,  voleva volare ancora.

Un altro giorno, un altro momento indimenticabile, avevamo oltrepassato il rifugio Ponte di ghiaccio da poco meno di mezzora.  Con me qualche decina di metri addietro c’erano mio fratello ed un amico anch’egli cacciatore appassionato delle Bianche. Stavo salendo  una  piccola collina  sapendo che sul versante opposto si sviluppava un lungo pendio, dove spesso trovavamo un volo di pernici.  Raggiuntane la cima per primo, rimasi stupito nel vedere ciò che in pochi istanti accadde.

Si sollevò letteralmente il pendio della collina, una nube di penne, piume, e caruncole rosse s’involò all’unisono andando in un unico volo verso il ghiacciaio della Cima Bianca, scomparendo  poi alla vista.

Riuscii a coglierne  con due fucilate due, delle mille pernici involatesi, rimasi stupefatto a guardare assieme agli altri  il  meraviglioso grande dono che la  natura  ci aveva regalato.

Perdemmo poi la concessione  stagionale della riserva: la causa fu la tardata  riconferma primaverile. Feci in seguito molto sforzi per rientrare ma inutilmente, non vi fu alcuna possibilità  ritornare lassù a caccia.

Dovetti perciò accontentarmi di cacciare solo sulle montagne della riserva di Selva dei Mulini  in Alto Adige, a  Predoi, Rio di Pusteria, Acereto, Racines, però non potevano competere con l’areale e la fauna della riserva del Neves

Selva dei Mulini rimase per un lungo periodo la mia base per le vacanze ed il  commercio di legname, l’albergo Rose era il nostro rifugio. Acquistavo tavolame dalle due piccole segherie del paese, diversi pezzi di spek fatto in casa dai vari contadini e poi dal macellaio del paese, burro d’estate nelle malghe, e qualsiasi cosa  potesse concretamente aiutare il commercio della piccola contrada.  A fine estate vi trascorrevo almeno una settimana con tutta la famiglia, compresi i cari suoceri.  Andavamo spesso per funghi nel bosco di fronte l’albergo.

Con il passare degli anni il paese cominciò ad espandersi, il vecchio albergo fu abbattuto e al suo posto sorse una nuova struttura alberghiera all’avanguardia. Poi  la pesca sportiva con il nuovo laghetto a valle dove passavamo il tempo a prendere trote ed altre strutture alberghiere dotate di ogni confort.

Alcune battute di caccia alla bianca le ho fatte sulle scoscese montagne che fanno parte del  territorio della riserva comunale di Selva, però di bianche non  ne trovai mai,  mi capitò di vederne alcune solo a monte Spicco.

Una battuta di caccia sui monti a sud di Selva,  in compagnia di Modesto, l’amico del mio paese che mi accompagnava spesso in giro per l’Italia.

Ci incamminammo quel mattino di fine settembre dalla malga cui un amico ci aveva portato in auto, camminando su per i monti  ad una quota superiore ai duemila metri. Nel pomeriggio ci trovammo dirimpetto  al paese di Lappago, lontani parecchi chilometri dal punto di partenza,  senza mai veder una Bianca o altri animali da cacciare.

val-aurina-map Arrivammo nel pomeriggio inoltrato  in un anfiteatro chiuso ad est da basse rocce, il tutto formava una piccola vallata molto piacevole alla vista.  Ad un tratto ci rendemmo conto del silenzio dintorno, non vi  era alcun rumore. Percepii per la prima volta nella vita  la sensazione del vuoto assoluto. Credetemi, fu un’esperienza sconcertante non udire alcun rumore, alcun alito di vento. Sembrava di essere unici al mondo.

Trovammo più avanti in un ghiaione escrementi di pernici e una penna bianca, null’altro. La sera oramai era incipiente e decidemmo di  ritornare alla civiltà.  Non essendoci  sentieri né tracce di strada, scendemmo lungo ripidi pendii boscosi, coperti di piante di mirtillo ed erika, scivolando sul sedere nei punti ripidi, a quasi a settanta gradi di pendenza.

Giunti alla strada che univa Lappago  a Selva chiedemmo un passaggio ad un auto, tanto eravamo stanchi e lontani dal punto di partenza.

Più volte cacciai le bianche sul monte Spicco ma con scarsi risultati.Vi fu una volta che salii  in compagnia di mia moglie, anch’ella cacciatrice,  e del nostro amico Sepple di Selva. Alla partenza dalla sua casa mise  alcuni capienti sacchetti di plastica i nella tasca della cacciatora, non ne  capivo il perché.

Salimmo con l’auto fino al punto d’incontro del sentiero che ci avrebbe portato al monte, parcheggiammo l’auto e ci disponemmo ad intraprendere la salita. Al limitare del bosco posi subito l’occhio su di un fungo porcino e  nel coglierlo ne vidi altri due, poi altri ancora e ancora.  Salimmo il sentiero raccogliendo funghi, riempiendo numerose borse di plastica fino a che non potemmo più portarne.

Nascosto il carico di funghi fra gli arbusti alla fine del sentiero, c’incamminammo su per la ripida dorsale del monte Spicco senza poi aver la fortuna di trovare le Bianche. Fu una camminata lunga ma non impegnativa.  Capivo che mi trovavo su  una montagna  normale,  di Bianche poteva accoglierne poche visto l’areale sprovvisto di zone ricche di sassolini ed erbetta alpina di cui sono golosi questi volatili.  La relativa vicinanza con la Cima Bianca mi faceva sperare di trovarne, invece nulla.

Scendendo a valle nel primo pomeriggio, entusiasti per il carico di porcini che portavamo , unico bottino della giornata, lungo il sentiero incrociammo un valligiano che scendeva con in spalla un sacco di juta, bello grosso, pieno dei preziosi funghi

Tanto fu l’entusiasmo per la raccolta dei porcini, che nel pomeriggio dopo essermi coricato per un piccolo riposo, non chiusi occhio: vedevo porcini dappertutto e  così fu per tutta la notte seguente ed anche per il riposo nel  secondo pomeriggio. Riuscii finalmente a dormire la seconda notte. I funghi furono poi puliti e seccati da nonno Toni, mio suocero,  gran appassionato e conoscitore del bosco.

Monte Spicco,  l’ultima volta che vi salii per cacciare la Bianca fu ancora in compagnia di Modesto.

Iniziammo la risalita del monte che era mattino appena fatto, la neve caduta nella settimana precedente era compatta, ma non scivolosa. Certo non fu facile camminare sulla neve ma  il sole splendeva nel sereno del giorno.  In lontananza vedemmo un piccolo gruppo di camosci allontanarsi sollecito. Non facevano parte delle nostre prede, pertanto ci fermammo il tempo necessario di goderne la vista.

Arrivando sulla dorsale due pernici bianche s’involarono furtive dal lato opposto della cima, verso la riserva sottostante di Luttago, zona dove noi non potevamo cacciare.

Continuammo  pertanto a salire  la dorsale fino a raggiungerne la cima, poi stanco e affamato io  mi fermai a fare uno spuntino. Pensai bene di aprire una bottiglia di vino e ne bevvi con avidità alcune sorsate.  Ero disidratato ed assetato ma fu un vero disastro.  Il vino in breve mi provocò sonnolenza, le gambe non rispondevano più, dovetti coricarmi e dormire sulla neve ghiacciata,  vi rimasi per circa di mezzora.

Al risveglio, Modesto che aveva continuato la caccia,  mi aveva raggiunto raggiante per aver avuto l’opportunità di abbattere  due pernici.  Ci mettemmo quindi in moto per completare  la ricerca nell’ultima appendice del monte, verso il Mesule. Il cane di Modesto scovò una lepre bianca che lui con un colpo di fucile  ben assestato abbatté.

Vista l’ora tarda pensammo bene di  scendere per ritornare all’auto, ma la lunga dorsale del monte m’ingannò.  Scendemmo più in basso di quanto dovevamo, così il tragitto si allungò di parecchio.

Arrivammo all’auto che era quasi l’imbrunire. In albergo una doccia, una piccola merenda e via,  si   rientra a casa.

Più di duecento chilometri di strada che come sempre furono riempiti dalle chiacchiere di Modesto:  per cento volte mi raccontò di com’erano partite le pernici,  dello splendido doppietto che aveva fatto, di come si era levata la lepre bianca sotto la ferma  della bravissima Diana, la setter che lo accompagnava da anni nella caccia, e avanti così.

Raggiungemmo la prima uscita dell’autostrada di Trento nord, sorpassandola senza accorgermi, tanto mi aveva coinvolto con l’appassionato racconto, arrivò pure la seconda uscita Trento sud, e continuai il viaggio senza badarci.  Mi accorsi dell’errore quando arrivammo sotto il monte che porta il monumento ai tre Martiri. Dovetti per forza uscire a Rovereto e risalire per Folgaria.

Ma fino a casa continuò a parlare, su come si erano involate veloci le due pernici, sul salto della lepre bianca dal suo nascondiglio …

 Gilberto Frigo, l’uomo del Nord

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →