Maria José, una principessa scomoda

15 dicembre 2014 15:49 0 commenti

Maria JoséMaria José, principessa reale di Sassonia Coburgo-Gotha, nacque nel 1906 re Alberto I del Belgio, eroe nazionale nella guerra del ’14-’18 contro gli invasori tedeschi.

A 16 anni, quando era in collegio a Firenze, venne promessa in sposa del principe italiano Umberto Savoia. Le nozze avvennero l’8 gennaio 1930 nella Cappella Paolina del Quirinale. Maria José aveva 23 anni, Umberto 25. Entrambi alti e belli, il loro matrimonio si svolse alla presenza di molte teste coronate d’Europa, diplomatici, in un clima di fasti coloniali, telefoni bianchi e grande sfarzo.

Maria José era socialista come suo padre e soffocava nell’austerità della corte sabauda e del fascismo. Anticonformista, non seguiva l’etichetta di corte ispirata da suo suocero Vittorio Emanuele III per le principesse Savoia e continuò a tenere salotto con le sue consuete amicizie personali.

Amava l’arte pittorica moderna, prendeva lezioni di musica, andava in bicicletta e galoppava vestita da uomo, come era solita fare il suo ideale, Maria Sofia, l’ultima regina del Regno delle Due Sicilie.

Maria Josè infatti ebbe a dire a sua cognata la principessa Maria Jolanda 23 settembre 1932 palazzo reale del Quirinale: «Io devo essere libera di girare come sono abituata senza scorta e senza le etichette delle principesse Savoia in Italia, perché io sono una principessa reale del Belgio e tra i miei antenati, alberga in me il sangue dei Wittelsbach di Baveria. In me rivive l’indipendenza femminile di ogni donna d’Europa, rivivendo in me lo spirito libero di Maria Sofia di Baviera, l’ultima regina di Napoli, la vergine delle rocce del poeta Gabriele D’Annunzio. Crocerossina volontaria di guerra che S.E. Benito Mussolini, il primo ministro d’Italia, ha fatto seppellire con tutti gli onori a Roma, pochi anni fa, insieme a suo marito Francesco».

La regina Elena intervenendo rispose: «La moglie di Francischiello di Napoli?!?»

Al che Maria Josè rispose: «La moglie bella e devota di Re Francesco Borbone di Napoli, un re giovane saggio e sfortunato, che insieme con la moglie, nel 1860 a Gaeta, testimoniavano con il loro coraggio i valori di una giovane coppia di sovrani e leali con tutti, degni di essere cittadini di Napoli e perché no cittadini d’Italia».

Crocerossina anch’ella durante la guerra coloniale, cercava di evitare le pose ufficiali per la vittoria militare italiana in Etiopia nel 1936 e preferiva tenere amicizia con le altre infermiere e con le servette di corte di colore.

La principessa cercò di imporre a corte un salotto letterario come ai tempi della regina Margherita. Non presenziava a molte cerimonie ufficiali, anzi andava spesso in trattoria e in tram anonimamente e con poche amiche, sempre senza scorta.

Al Palazzo del Quirinale si era fatta attrezzare una stanza con un bagno personale, dove sognava un mondo ermetico e iniziatico, caro degli antichi cavalieri templari e dei filosofi rosacroce del ‘600 e ‘700, l’ideale cristico del Santo Graal.

Maria José avrebbe preferito dunque essere membro di qualche monarchia europea nordica dall’etichetta semplice, piuttosto che di quella Savoia dall’etichetta austera ed opprimente. Inoltre non simpatizzò mai con il fascismo, avversando le leggi razziali.

Infatti non volle prendere la tessera del PNF: fu però obbligata a farlo nel 1940 per poter partecipare alle missioni della Croce Rossa. Fu comunque simpatizzante del gerarca Cesare Balbo, oppositore di Farinacci e della politica guerrafondaia di Mussolini. Infatti era convinta che la sua morte non fosse stata accidentale, avvenuta quando nel 1940 fu abbattuto – si disse allora da fuoco amico –  dalla contraerea di un incrociatore italiano mentre sorvolava il porto di Tobruk.

A Maria Josè stava anche stretto il ruolo di secondo piano in cui Mussolini teneva suo marito Umberto e lo appoggiò sempre nella sua politica segreta antifascista.

Donna trasparente e coraggiosa, criticava apertamente Mussolini per gli errori strategici, come quello fatto nel 1940 contro gli inglesi in Egitto, che in poco tempo portarono a perdere i possedimenti di Somalia e Etiopia, così come la infelice partecipazione italiana alla campagna nazista di Russia. Quest’ultima campagna espose l’Italia a massacri, sconfitte e bombardamenti aerei, non solo al grande sacrificio delle truppe, mandate al massacro.

Nel 1942 secondo documenti la polizia politica fascista si mise in contatto con esponenti massonici e antifascisti di corte, come Bonomi, Badoglio e il conte Ciano, genero di Mussolini, suscitando l’apprensione di suo suocero e del ministro di corte conte Acquarone.

Elogiò sempre l’eroismo delle truppe italiane, ma denigrava i generali e i gerarchi fascisti per la loro incapacità strategica. Perciò incitava Umberto a deporre il regime e Mussolini e fare un armistizio separato con gli Alleati per salvare l’Italia e la monarchia.

Maria Josè amava in particolare il sud: dimorava con suo marito nella Reggia di Caserta, ma spesso visitava Napoli per constatare i danni dei bombardamenti aerei alleati del 1943. Spesso veniva anche a Portici, dove si fermava dai cugini a Palazzo Lauro Lancellotti a prendere il te con una sua amica crocerossina, Celeste Corsi.

Per salvaguardare la sua incolumità e dei suoi figli, venne dunque mandata in Piemonte a Racconigi e poi a Montreaux in Svizzera. Grazie a questo tempestivo trasferimento evitò la cattura da parte dei tedeschi nel settembre 1943. Visse in alberghi modesti, facendo beneficenza. Inviò nel 1944 anche una donazione di viveri, di tabacco, dolci, cibo, vestiario ai prigionieri militari italiani in Lombardia.

Instancabile e determinata, plaudì allo sbarco alleato a Salerno, alla rivolta delle 4 Giornate della sua amata Napoli nel 1944 e alla liberazione di Roma e di Firenze.

Rientrò nell’Italia liberata nel maggio del 1945. Aveva fatto il cammino a piedi dalla Svizzera attraversando le Alpi e sostando al San Bernardo con una guida alpina e un gentiluomo di corte. Quindi in treno fino a Torino e poi in aereo a Roma.

Il marito Umberto era stato nominato Luogotenente Generale d’Italia al posto del padre Vittorio Emanuele III, che aveva pensato bene di defilarsi riparando a Brindisi, gesto che Maria Josè non condivise assolutamente, perché di fatto abbandonò la popolazione italiana alla reazione tedesca. Plaudì alla caduta di Mussolini e si unì agli intenti del Proclama agli Italiani pur mantendosi ufficialmente estranea alla politica italiana .

Umberto e Maria Josè s’impegnarono a reggere l’Italia: soli 27 giorni di regno dopo l’abdicazione del suocero del 9 aprile 1946. In quel breve periodo insieme furono in visita con i figli a Napoli, Torino, Milano …

Maria Josè partì da Napoli con i figli il 6 maggio, dopo un breve soggiorno a Posillipo a Villa Maria Pia per l’esilio in Belgio.

Il marito Umberto rimase a Roma fino al Referendum, che vide la discussa vittoria della Repubblica. Poi il 13 giugno partì in aereo da Roma per Cascais in Portogallo, dove visse in esilio a Villa Italia fino alla sua morte.

I re di maggio, di caratteri opposti vissero il lungo esilio separati: Maria Josè si stabilì infine nel castello di Merlinge in Svizzera dove condusse vita ritirata.

Umberto durante il suo esilio ricevette spesso giornalisti e nostalgici monarchici nel suo studio ricco di quadri sabaudi, bei mobili intarsiati e i 40mila volumi della sua biblioteca personale. Si spense il 18 marzo 1983 e fu seppellito nell’Abbazia benedettina di Altacombe nell’Alta Savoia in Francia, luogo d’origine della sua famiglia.

Il 27 gennaio 2001 morì anche Maria Josè, guardando il bel ritratto fattole nel 1931dalla giovane pittrice napoletana Fortunata Ariano.

Per suo volere venne sepolta accanto al suo Umberto.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →