L’intervista: Laura Miriello

7 aprile 2014 08:42 0 commenti

oltreSera tempestosa, vento gelido nei vicoli di Napoli antica, tra strade chiuse da antichi palazzi alti che tolgono visuale e aria del cielo pur presente, con diruti stemmi e blasoni in pietra di casate celebri. Una popolazione variopinta e frettolosa sfila tra vocii, grida inconfondibili: siamo nella Napoli di sempre.

Un palazzo quattrocentesco, restaurato da Carlo Vanvitelli in pieno ‘700 borbonico, con scaloni grigi in piperno e tufo che arrivano al piano nobile dello stabile, il primo piano, da un immenso cortile con il retrostante superstite giardino antico con vasi e statue in marmo di Mondragone, un tempo immacolato.

È la magione dei Miriello; entriamo in una fuga di saloni affrescati, volte dipinte, un semicorridoio con due armature medievali, trofei d’armi e lo stemma di famiglia.

I Miriello, famiglia lucana di Melfi un tempo potente, marchesi amici dei principi Ruffo, diramatasi poi nella vicina Stilo di Calabria, nella loro casa custodiscono ceramiche e maioliche, busti di marmo e di bronzo su colonne di marmo, mobili del ‘700 in stile napolitano e Luigi xv, orologi, porcellane di Capodimonte, antichi arazzi.

Entrando nella biblioteca di famiglia, in un’atmosfera ovattata da tende damascate, tra pareti ricoperte di scaffalature in noce, stracolme di libri e di tomi dal 1600 ad oggi … a migliaia … e due comodissime, antiche poltrone su tappeti, dove ci attende la giovane ricercatrice, scrittrice, storiografa, donna Laura …

Il fascino misterioso di bella donna apparentemente senza età il cui profumo di rose impregna l’aria, il suo sorriso da pantera nera, da bellezza mediterranea; i geni spagnoli e greci rivivono nei capelli castano scuri e ricci, gli occhi a mandorla con baluginii di verde incastonati in una carnagione bianco latte appena appena dorata, i tratti armoniosi del volto, la bella voce, le mani da pianista … Ci accoglie ospitale e comincia una lunga chiacchierata.

Donna Laura, ci parli di lei e dei suoi studi su Napoli.

Mi circondo di oggetti che hanno il sapore antico di Napoli occidentale e orientale, libri, quadri, vasi, anfore, statue, argenti, miniature, orologi, ventagli, pipe, tabacchiere, armi bianche. Un riflesso dei miei interessi personali, della mia famiglia e dei miei studi storici e archeologici.

Rimasta orfana di entrambi i genitori in tenera età in una città cosmopolita, tra fratelli e sorelle poco più grandi di me – non è stato affatto facile, con governante e zii anziani che ci accudivano con severità – mi sono laureata giovanissima alla Federico II in Lettere antiche, seguendo anche corsi di Filosofia occidentale e di Archeologia.

Ho lavorato nella Protezione civile, ho fatto volontariato per l’infanzia, la terza età, le ragazze madri. Ho partecipato al restauro di opere d’arte per la Sovrintendenza e per il Comune di Napoli, come giardini e fontane monumentali e agli scavi archeologici di Ercolano, di Cuma, di Miseno.

Ama gli animali e le piante, da quel che si vede in casa …

Certo, amo la natura e mi circondo di piante vive e fratelli animali domestici: le tartarughe giganti e i due gatti persiani, Artù e Eleonora. E adoro anche i cani e i pappagallini. Sono creature, gli animali, che non ti tradiscono mai … Da piccola ho avuto anche una pantera nera, che poi mia zia regalò allo zoo. Si chiamava Libera …

Donna Laura, lei si sente nobile, monarchica o popolare?

Domanda profonda, la sua. La nobiltà viene dall’animo e un principe super partes, un sovrano che fa gli interessi del popolo – sono affascinata dai Borbone Due Sicilie sia per tradizione di famiglia sia per i fortissimi legami che mantengono col Meridione – io adoro in tutte le sue forme tutto ciò che è popolare, canzoni, tradizioni, dignità. Come pure la lingua napoletana, non un dialetto ma un idioma derivato dallo spagnolo.

Che tipo di studiosa si considera?

Sono storica, ricercatrice storiografica, praticamente mi definisco investigatrice di fatti storici.

A quando risalgono le sue prime ricerche?

18 anni fa, appena laureata, entrai nella Cappella Sansevero e subito seppi in che direzione sarebbero andati i miei studi.

Cosa pensa della figura del principe Raimondo de Sangro di Sansevero?

Fu un genio e una mente poliedrica, un saggio precursore dei tempi e proiettato non nel 1700 o nel 1900 ma nel 3000! Un saggio, uno scienziato, un letterato di cui anche oggi le donne s’innamorerebbero perdutamente e gli uomini ammirerebbero incondizionatamente.

Oltre al principe, quali sono le menti di Napoli che ha sempre ammirato?

Pietro Giannone, il Panormita, Campanella, Della Porta, Giordano Bruno … Ma sono tanti …

E le donne che hanno fatto la storia a Napoli?

Anche qui sono tante … le regine di Napoli, ma anche le brigantesse, le streghe campane, le Sibille di Cuma, Eusapia Palladino, Angelina Lauro, moglie di Achille …

Crede nella reincarnazione e nella magia?

Certamente nella reincarnazione; la magia, poi, per me è sapienza, come diceva Giordano Bruno.

Su cosa sono stati incentrati i suoi studi tra il 2009 e il 2013?

Come presidente dell’associazione culturale Thelema e come ricercatrice storica ho lavorato insieme ad eminenti studiosi partenopei come sul simbolismo delle chiese e monumenti di Napoli, tra cui il Maschio Angioino, come Salvatore Forte, profondo studioso di Bruno, dei Rosacroce e del simbolismo architettonico, e come il ricercatore Davide Lazzaro, studioso del simbolismo, di Castel Nuoivo e del tunnel borbonico.

Come giudica i lavori cinematografici del regista Francesco Afro De Falco?

Sulla scia dei grandi film su Giordano Bruno, De Falco si muove con grande talento, come ha dimostrato in Giordano Bruno e i Rosacroce del febbraio 2012 e, con tenacia ammirevole, nel film V.I.T.R.I.O.L. del novembre 2012. Cosi pure nel docufilm del novembre 2013, La voce del sangue, basato su principi giordanisti, rosicruciani, e della Schola Napolitana ermetica classica.

Che significa essere strega qui a Napoli ai giorni nostri?

Quello di sempre: saggia erborista, guaritrice, naturopata, pranoterapeuta, sciamana. Simile alle sagge della chiesa inglese e americana, simile alle wicca e alle brave streghe di Benevento o alle Sibille di Cuma, antiche sensitive nostrane.

Ce ne sono di autentiche tra le contemporanee?

La medium Eusapia Palladino, Emma Palomba e la vecchia delle bomboniere di Torre Annunziata e un’altra di Pollena, ‘a zia Antonietta, ormai tutte defunte; ce n’è una ancora vivente a Somma Vesuviana. Queste donne erano diverse, non hanno mai avuto niente a vedere con le tante cartomanti, o le cosiddette fattucchiare, o le chiromanti, streghette moderne da barzelletta.

Donna Laura, ci parli dei suoi studi sui Templari.

Anni di ricerche dalle quali è nato un libro, che sarà pubblicato a breve, sull’antica Commenda templare di Napoli, sorta intorno al 1200 – e sparita nel 1308 – nella zona portuale, vicino al Largo del Castello angioino, dove i cavalieri si nascosero nel 1310,  protetti da re Ruggero d’Angiò, nel nuovo ordine monastico di Sant’Antonio Abate.

Lei parla di croci templari presenti al Maschio Angioino. Dove si trovano?

Le croci rosse del Maschio Angioino sono quelle poste sul camminamento di ronda militare del castello, costruito nel 1269 e restaurato per conto dei sovrani da maestranze catalane nel 1470. Hanno la stessa valenza simbolica  delle croci rosicruciane o neotemplari del cammino spagnolo di Santiago di Compostella, un percorso segnato da chiese e castelli templari secondo il progetto segreto dei templari di Francia e di Spagna per salvare gli archivi e il tesoro. Il percorso consta di 12 tappe.

Quindi tutto da Parigi finì in Spagna e poi a Tomar in Portogallo e da lì forse in Nord America, come racconta una cronaca.

No, affatto. Una nave del nuovo Ordine Templare di San Cristobal, alleato dei neotemplari spagnoli di Montesa, partì da Tomar per Genova, portando in salvo archivi e tesoro a Napoli, secondo la missione ordinata da Giacomo de Molay e , dopo la sua morte, fatta proseguire da Marco Larmenius.

Il famoso Ugo dei Pagani, napoletano, scampato alla cattura a Parigi nel 1307, fuggì prima in Puglia e poi fu a Napoli nel marzo 1308; rientrato nel 1309 in Francia, a Marsiglia, da Tomar venne rinviato da Larmenius nel 1320 a Genova, da dove raggiunse il porto di Brindisi; in seguito si recò a Barletta, che poi lasciò a cavallo travestito da monaco benedettino.

Il suo percorso lo portò a Torremaggiore, Castel del Monte, Ariano Irpino, Avellino; si fermò alla chiesa di Santa Sofia di Benevento e poi si diresse ai castelli di Cicciano, di Casamarciano e poi Caracciolo di Volla.

Nel 1324 Ugo si trovava alla ex Commenda templare di Maddaloni: dodici tappe di percorso di salvezza in ex proprietà templari regolarmente registrate nei regesta angioini di Napoli, passate ai Cavalieri di Malta o a potenti famiglie, comei duchi Mastrilli o ai potenti principi di Caserta, i Caetani.

Ma sono solo 9 le tappe di cui lei parla riferendosi al percorso compiuto tra il 1320 e il 1324 da Barletta a Maddaloni: e le altre tre? E cosa c’entrano le croci del Maschio Angioino, risalenti al 1470?

Il gruppo dei Cavalieri di San Cristobal e di Montesa con la guida di fra’ Ugo da Napoli, ripararono a Maddaloni: è la decima tappa del percorso.

Da qui fuggirono tranquillamente con le insegne verso l’ex Commenda templare di Capua: l’undicesima tappa.

Successivamente si diressero ad un luogo templare segreto, sconosciuto fino ad oggi, capace di contenere archivi e tesoro, a 10 km circa da Capua, tra le montagne dell’alto casertano: è la dodicesima e ultima tappa.

Per trovare questo luogo ho setacciato per anni l’Archivio di Stato e la Biblioteca Nazionale di Napoli, gli archivi angioini in cerca dei beni ex templari della Campania, passati ad altri sodalizi su assegnazione del giudice regio angioino di Capua tra il 1312 al 1324.

Nel 2013 ho poi trovato antichi documenti nella biblioteca dei principi Caetani: confrontandoli con quelli degli archivi dei regesta angioini, ho scoperto che il segreto del tesoro templare era proprio in quelle dodici croci rosse incise nel 1470 dai maestri scultori e architetti regi catalani sul camminamento di ronda di Castel Nuovo: sono lì in memoria del percorso di salvezza templare del 1308.

Il mio libro, che uscirà prossimamente, documenta tutto questo: è il coronamento dei miei studi, delle mie ricerche, del mio lavoro di investigatrice storica.

Michele Di Iorio

Articolo correlato:

http://www.lospeaker.it/le-origini-del-maschio-angioino/

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →