L’intervista: Giovanni Mazzitelli, sceneggiatore di Vitriol

29 novembre 2012 08:53 0 commenti

Condividi questo articolo

Quando arriva all’appuntamento, Giovanni Mazzitelli (foto), lo sceneggiatore porticese di Vitriol, il film italiano uscito nelle sale lo scorso 15 novembre, ha tutta l’aria di un sognatore distratto. Mentre si infila tra le labbra una sigaretta, si ricorda improvvisamente di aver dimenticato l’accendino e lo chiede al cameriere che intanto gli porta il suo caffè. Lo sorseggia lentamente ed è pronto ad iniziare l’intervista.

È un buon inizio: la bravura di un artista è direttamente proporzionale alla distrazione e al suo grado di entropia ovvero un certo disordine che ha in sé come diceva Nietzsche: «Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella che danzi».

Dopo la prima del film, qual è stato il riscontro del pubblico e della critica?                                                                                                                      

«Personalmente mi  ritengo soddisfatto, ma credo lo sia anche lo staff e la produzione a fronte del prodotto che alla fine siamo riusciti a realizzare, grazie a tutti i nostri sforzi e soprattutto alla passione che vi abbiamo profuso.

Credo che ci si debba ritenere soddisfatti anche in considerazione del fatto che il film è stato distribuito in  un periodo che viene definito ”estate del cinema”.

Settembre – ottobre – novembre e dicembre sono, infatti, i quattro mesi più importanti per la distribuzione cinematografica a livello italiano, quindi abbiamo dovuto fare i conti con dei colossi della distribuzione e con dei film che avevano molte più chances rispetto al nostro.

I risultati sono stati importanti dal mio punto di vista e da quello dei miei colleghi. Per quanto riguarda la critica, si dice che quando un film la spacca in due, è un buon film. In questo caso Vitriol ha svolto esattamente questo ruolo, dividendo in due i critici: da un lato quelli che hanno mostrato delle riserve perché più attenti ad un cinema d’autore e a film d’essai, dall’altro quelli che hanno capito la finalità del progetto volto ad un cinema più giovane, più fresco, con un linguaggio dalle tendenze non nostrane».

Quali sono stati i momenti difficili durante la lavorazione?            

«Ce ne sono stati troppi, forse, come troppi alle volte ce ne sono alla base di progetti come questi.

Il più difficile dal mio punto di vista è stato quello di dover sintetizzare tutte le necessità artistiche e storiche che mi venivano richieste dalla produzione.

Dovevo inserire tanto materiale, tematiche complesse in un mockumentary,  la cui tempistica non deve essere molto lunga per evitare che venga meno l’interesse dello spettatore.

Ci sono state diverse difficoltà come quando il direttore della fotografia ha distrutto la camera e abbiamo dovuto mettere in gioco un’altra camera, ma fortunatamente non si tratta di macchine costosissime.

La camera si è rotta quando il Napoli ha vinto la Coppa Italia.

Ma la forza di questo progetto è stata proprio quella di usare il problem solving, come dicono gli inglesi, cioè di poter gestire in pochissimo tempo un problema e risolverlo».

Suspense, fiato sospeso. La scena della seduta spiritica. Molta familiarità con il genere horror. Pensi di confrontarti con questo genere in futuro?

«In realtà l’ho già fatto. Nel mio secondo corto, J, datato 2008,  ho realizzato insieme a cinque persone un progetto interessante. Abbiamo lavorato sulla messa in scena soggettiva di quello che era un thriller-horror.

All’inizio il corto presenta delle connotazioni più da horror, poi si sviluppa come un thriller psicologico. L’interesse verso un determinato genere fa parte di una fase evolutiva ben precisa.

Io ho attraversato fino ad ora tre fasi di filtro ed attualmente ne vivo una di forte transizione in cui ho tanto da raccontare. In Italia le possibilità per realizzare questo genere sono due: o un B-movie, sulla falsariga dei Manetti Bros, oppure acquisire un tale livello di potere mediatico e di forza in questo settore da essere in grado di portare a termine un progetto di valore.

In questo momento non sono interessato a ritornare su questi temi, però ciò non toglie che mi piacerebbe occuparmi dell’alienazione psicologica, figlia della mia epoca e della mia educazione, avvicinandomi non all’horror, ma piuttosto all’introspezione psicologica, in particolare dei giovani tra i 25 e i 40 anni.

In Vitriol molti hanno notato delle analogie con il cinema horror. In questo senso posso dire che film come Rec, Cloverfield, Apollo 18, il Mistero di Lovecraft, Paranormal Activity hanno scavato il fondo del barile di un linguaggio sperimentale, servendosi anche di scarsi mezzi come l’espediente della camera di sorveglianza.

Noi non ci siamo allontanati da questo tipo di innovazione e anzi abbiamo voluto inserire all’interno del film tre diversi linguaggi: soggettivo, finta ricostruzione filmica e riproduzione amatoriale” che collocano il film nell’ambito dell’iperrealismo».

Quali registi ti ispirano maggiormente?                                                   

«Sono affascinato da alcuni registi molto giovani, come Aronofsky, Nolan, Verbinski, ma per quanto riguarda i maestri cito Woody Allen (tutta la filmografia) e Nanni Moretti che ha avuto un ascendente particolare su di me nell’arco di età compreso tra i 18 e i 20 anni.

Mi riferisco a mostri sacri che hanno creato un genere dietro il loro personaggio. Le influenze di Nolan, e di tutta la sperimentazione successiva alla Nouvelle Vague (Godard, Truffaut) mi hanno fortemente influenzato dal punto di vista linguistico».

Esperienze anche da regista. Cosa sceglieresti di essere?        

«Dipende dalle circostanze. Scrivendo tanto metto in scena quello di cui ho bisogno, in un determinato momento, filtrando le mie esperienze e ciò che ho da dire.

Quando scrivo delle sceneggiature, su richiesta, si tratta di un’esperienza ricca, soprattutto nel caso di Vitriol dove si parla un linguaggio che proviene da storie cinematografiche diverse dalle mie.

Non c’è una vera e propria scelta, è normale che se si ha il privilegio di essere produttori, scrivere e dirigere costituisce l’obiettivo; per ora credo che l’unica cosa più importante sia gestire con grande maturità il fermento che Napoli offre.

Al tempo stesso  regista e  sceneggiatore: sei la prima persona che pensa e l’ultima che decide, ed il percorso è più completo perché alcune volte scrivendo una sceneggiatura su richiesta, il produttore ed il regista possono alterare radicalmente il progetto iniziale.

Una sceneggiatura, parafrasando Woody Allen, è bella nel momento in cui viene riposta nel cassetto.Quando scrivi per qualcun’altro, per necessità di produzione, ti si chiede di rispettare dei punti, di rientrare in certi schemi, di tener presente la direzione, il filo della storia.

All’inizio ti chiedi perché farlo, ma alla fine ci fai l’abitudine. Il difficile sta nel momento di transizione, quando ancora ti senti ancora ingabbiato in questi punti».

Com’è essere giovane sceneggiatore a Napoli?                                                       

«Il problema non è essere sceneggiatori a Napoli ma in Italia, poiché ci hanno insegnato ad odiare la categoria degli autori, per la tutela dei quali è stato istituito, a Roma, il movimento dei “Centautori”, una sorta di sindacato per gli sceneggiatori.

Ed è importante, perché nel nostro Paese è una figura che è sempre stata accompagnata dalla figura dello sceneggiatore-regista, per cui fare esclusivamente sceneggiature in Italia è molto raro, anche se abbiamo dei bellissimi esempi come Bruni, Di Gregorio, Brizzi, ma in questo caso si tratta di sceneggiatori poi diventati registi.

Una vera e propria casta degli sceneggiatori in Italia è quella legata alla televisione più che al cinema. Il problema di fare lo sceneggiatore in particolare a Napoli, poi,  è un problema legato al film-maker in generale, che si occupi di regia, di montaggio o di sceneggiatura.

In questa città c’è una grande fermento artistico che però non è regolato, per la mancanza di una struttura che riesca a mettere insieme quelle che sono le grandi sinergie creative.

Alcune persone dicono che c’è bisogno di allontanarsi da Napoli ma per me è importante far crescere il proprio territorio. Il problema è che è stato creato un polo cinematografico che è Cinecittà a Roma ed è lì che si trovano tutte le maestranze.

Le difficoltà a Napoli sono quadruplicate, rispetto a Roma, Milano, Torino. Napoli è una città estremamente artistica ma alcuni autori,sono emigrati per necessità. Credo che alla mia età, però, sia necessario cercare dei frutti partendo dal proprio territorio, e questo è il motivo per cui sono qui … »

Ci sarà il sequel di Vitriol?                                                                                                                  

«A dire la verità non losappiamo se ci sarà un sequel. Lasciare il finale aperto era un’idea che a me allettava tanto da amante del cinema. Se Vitriol diventerà un cult e riusciremo a realizzarne un sequel, è troppo presto per saperlo, dipenderà da dinamiche legate al successo del film e agli incassi.

Ciò che è certo è che la mole di informazioni sull’argomento è talmente vasta che si potrebbe scrivere non una trilogia, ma un’intera saga. Vitriol è un film estremamente sperimentale e questo lo dobbiamo alla tenacia di tutti coloro che vi hanno lavorato.

Rifare un progetto del genere prevede una maggiore consapevolezza di quelle che sono le difficoltà di un secondo capitolo per cercare di offrire qualcosa di inedito.

Adesso non possiamo dire se ci sarà un secondo capitolo. Per ora attorno a noi questa storia già continua e noi possiamo solamente aspettare».

(Foto: scena di Vitriol)

Francesca Mancini

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →