L’eredità di Leone Caetani

29 marzo 2014 10:46 0 commenti

leone caetaniLeone Caetani, raro esempio di libero spirito risorgimentale italiano dal tratto autenticamente aristocratico bianco, nacque primogenito a Roma il 12 settembre 1869 da don Onorato principe di Teano e duca di Sermoneta, patrizio napoletano e patrizio coscritto romano, degli antichi principi di Caserta, una delle più grandi famiglie principesche romane rivali dei principi Colonna, e da lady Ada Bootle Wilbraham, parente dello scrittore inglese sir Bulwer-Lytton.

La casata dei Caetani, signori di baronie, contee e marchesati in territorio papalino e casertano, annoverava Cavalieri di Malta e di vari ordini cavallereschi pontifici, avi illustri tra alti prelati, vescovi, cardinali e papi, ambasciatori, governatori.

In famiglia vi furono anche Cavalieri dell’impero palatino asburgico; nel 1241 furono fedeli a Federico II, a Manfredi e Corradino di Svevia. Si legarono poi ai nobili Frangipane, nemici di Corradino, e passarono all’obbedienza dei re angioini.

I Caetani furono nemici della potente famiglia romana dei principi Colonna; il 3 maggio 1297 Pietro Caetani, nipote di papa Bonifacio VIII, che li proteggeva dagli abusi della famiglia avversaria, nel 1298 ebbe il feudo e il titolo di duca di Sermoneta e il feudo di Ninfa già dei Frangipane.

I principi Caetani, illustri uomini d’armi oltre che prelati e letterati, nel 1303 scatenarono una vera e propria guerra civile contro i Colonna mettendo a ferro e fuoco i loro feudi di Velletrie e di Palestrina, riconquistando dopo l’episodio dello schiaffo di Anagni, i feudi di Sermoneta e di Ninfa, assoggettati dai Colonna.

Dal 1307 al 1311 i Caetani diedero rifugio nelle loro terre laziali e casertane ai templari laziali, di Capua e di Maddaloni, ignorando gli ordini di cattura emessi nei loro confronti da papa Clemente V, dal re di Francia e da re Carlo II d’Angiò; inoltre, dal 1312 occuparono i beni ex templari dei loro feudi per evitare che cadessero in altre mani.

Nel 1706 donna Caterina Caetani sposò don Antonio de Sangro; dall’unione nacque a Torremaggiore in Puglia il famoso principe Raimondo, che a sua volta sposò nel 1735 donna Carlotta Caetani Merode, figlia dei conti di Conversano e di Marzano, del ramo minore del casato.

Legati alla famiglia imperiale degli Asburgo, tra il 1734 e il 1744 al ramo principale furono poi confiscati molti feudi nell’alto casertano, e persero i titoli di principi di Caserta e di Caserta vecchia; solo nel 1750 riacquistarono la loro potenza con l’avvento dei Borbone Due Sicilie.

Furono fedeli principi dell’aristocrazia nera papalina fino al 1870, pur rimanendo leali ai Borbone in esilio con Onorato Caetani, padre di Leone.

Con i Savoia la famiglia conservò il ducato di Sermoneta e il principato di Teano, oltre una decina di feudi minori tra Lazio e casertano.

La cultura del giovane principe Leone Caetani fu influenzata da sua nonna Ersilia Caetani Lovatelli (1840-1925), profonda conoscitrice della letteratura greca, del latino, del sanscrito indu, amica di famosi archeologi tra cui il De Rossi, Momsen, Gregorovius e autrice lei stessa di tanti lavori sull’antico mondo pagano classico di Roma e della tradizione aristocratica del senato romano tra Repubblica e Impero.

Ersilia Caetani Lovatelli pubblicò nel 1884 anche un libro su di un balsamario vitreo con figure di Roma a rilievo, rappresentanti una scena del culto dionisiaco; nel 1888 il secondo libro Amore e Psiche e ancora nel 1891 uno scritto sui santuari pagani classici lungo la via Campana.

Leone Caetani si laureò con brillanti voti all’Università Cattolica di Roma La Sapienza nel 1891 con una tesi di laurea su Paolo Alaleone de Branca, Maestro di Cerimonia pontificio.Giovanissimo, era già Cavaliere di Malta, di San Gregorio, di Santo Stefano pontificio e dell’Ordine Piano del papa, nonché suo Cameriere segreto.

Mostrò sempre uno spiccato amore per la cultura romana classica, e per l’Islam, studiando, oltre al greco e al latino, il francese, lingue orientali come l’Hindi e il Bengali, ma soprattutto l’arabo e il persiano; ebbe interesse anche per il Berbero, il Somalo e l’Etiope. Studiò kabbala ebraica, cultura islamica, filosofia araba sufa, leggende berbere e il mito di Atlantide, approfondendo la tradizione dell’Arca dell’Alleanza e la storia della religione cristiano copta dell’Etiopia, l’astrologia sumera e babilonese, l’egittologia.Leone_Caetani in Egitto

Studiò inoltre algebra, alchimia, antichi testi di medicina e filosofia araba, dedicandosi a leggere nel suo poco tempo libero il Kitab, o libro del Picatrix sull’antica magia araba preislamica, e testi sulla cultura sabea preislamica dello Yemen.

Nel 1905 le sue fatiche letterarie confluirono nella pubblicazione del primo volume degli Annali dell’Islam, riscuotendo il plauso di molti orientalisti e islamisti europei e di tanti studiosi arabi: fu colmato di onorificenze cavalleresche, e fu ammesso all’Accademia romana dei Lincei.

Nello stesso anno lesse in inglese la traduzione delle opere sumere e babilonesi su tavolette d’argilla raccolte alla Biblioteca Reale Assira e poi Persiana di Ninive, presenti al British Museum, tra cui il poema della Creazione del 3000 a.C. – e quindi più antico ancora del libro Egizio dei Morti – del famoso poeta sumero Enuma Elish.

Lesse avidamente le opere dei cardinali e letterati della sua famiglia pubblicate dal 1200 in poi, in particolare di sua nonna Ersilia; visitando necropoli nel Lazio e in Capua s’innamorò degli Etruschi e della possanza senatoriale dei Romani.

Leone Caetani cominciò a scrivere i successivi tomi degli Annali dell’Islam, iniziati nel 1905, mentre visitava le città italiane custodi di antiche vestigia, fino al completamento dell’intera opera nel 1926.

Non tralasciava di frequentare i salotti principeschi dell’aristocrazia romana; continuava i suoi viaggi in Africa e in Medio Oriente, raccogliendo tesori d’arte, libri per la preziosa biblioteca della sua nuova casa che si era fatta costruire nel 1905 sul Gianicolo,la bellissima villa Il Miraggio, dove conservava opere rarissime delle culture islamiche, occidentali, orientali ed egizie.

Leone Caetani si recò anche in visita agli scavi archeologici della Campania, le sue ville, le sue residenze reali, i suoi musei, ammirando le vestigia greche, romane ed etrusche.

Nel 1901 sposò a Roma la bellissima principessa donna Vittoria Colonna, sancendo finalmente, dopo secoli di ostilità, per la storia italiana e araldica la pace tra i Colonna e i Caetani.

Gli sposi viaggiarono per Napoli via mare, dove si fermarono un certo tempo, non tralasciando nulla di quanto la città offriva in cultura ed eventi mondani, per poi imbarcarsi per la crociera nuziale che li portò in Egitto e in altri luoghi dell’Africa del Nord; rientrarono a Roma nel 1905.

Leone Caetani, studioso appassionato, e sua moglie donna Anna, bellissima e in continua ricerca di piaceri mondani, ben presto cominciarono ad allontanarsi;dopo la nascita del figlio Onorato, dalla salute psicofisica malferma, il matrimonio andò sempre più in pezzi; ognuno per conto proprio continuava a frequentare i suoi ambienti d’elezione.

Leone nel 1911 fu eletto Senatore nell’ala socialista. Contrario alla guerra di Libia, allo scoppio del I conflitto mondiale combattè sull’Isonzo contro gli austriaci come sottotenente di artiglieria da montagna, raggiungendo poi il grado di capitano aiutante maggiore alla fine della guerra.Caetani al fronte

Massone dal 1890, Caetani, iniziato dopo il viaggio in Egitto dal barone romano Musso, nel 1891 aderì alla Società Teosofica italiana di Roma, dove approfondì l’amicizia con il duca Pasquale Del Pezzo di Napoli, con il quale nel 1906 passò nella filiazione romana di piazza del Gesù.

Nel 1919 aderì al Martinismo entrando nella loggia romana Il Silentium con l’avvocato Alessandro Sacchi, su presentazione del poeta Gabriele D’Annunzio, del professor Banti di Ancona e del conte Ottavio Ulderico Zasio di Venezia, conosciuti quando prestava servizio militare.

Ritornò a Napoli varie volte, nel 1909, 1910, nel 1923, 1924, dove strinse amicizia con i seguaci di Lebano, ovvero l’idraulico Vincenzo Gigante da Torre Annunziata, il duca Prota di Torre del Greco, Antonio Ariano.

Il nonno materno di Ariano, Antonio Pasquale De Santis, già colonnello borbonico e esule a Roma fino al 1870 e poi guaritore, era stato amico del nonno di Leone, il principe Michelangelo.

Caetani s’incontrava a Palazzo Lovatelli con scrittori, massoni, poeti, ma anche archeologi, storici; frequentava anche il medico Giuseppe Cuccurullo, genero del Lebano.

Leone Caetani nel 1922 aveva tentato un riavvicinamento a Kremmerz con lettera autografa, dopo dissentito pubblicamente sul giornale kremmerziano Il Commentarium di Bari nel 1910 sulle pubblicazioni troppo diffuse del Kremmerz di testi ermetici e perciò consegnate ad un pubblico di massa. Nel 1906 scrisse una bellissima lettera a Giustiniano Lebano.

Nel 1923 fu ricevuto in Roma tra i Neotemplari; nel 1924 divenne progressivamente 33, 90, 95 dell’Ordine Egizio di Napoli.

Alla fine del 1924 era proprio a Napoli quando Mussolini ordinò la chiusura di tutte le logge della massoneria scozzese egizia, dei kremmerziani. Rimase disgustato dal fascismo italiano nel 1925 e rientrò subito in treno nella sua villa romana.

Leone Caetani considerava Mussolini non il vate dell’antica Roma senatoriale ma solo un dittatore illuso e pericoloso per la pace. Vedendo che la situazione in Italia peggiorava sempre di più, e che la Libertà d’espressione continuava a diminuire, alla fine del 1926 con la moglie morganatica Ofelia Fabiani e la figlia Sveva, nata nel 1917, partì per la Columbia inglese, stabilendosi a Vernon in Canada, ove nel 1927 acquistò una fattoria.

Sveva Caetani

Sveva Caetani

Qui visse negli ultimi anni, alternando viaggi agli scavi archeologici di Gran Bretagna e di Francia e incontri negli ambienti degli esuli liberali italiani e di letterati e storici francesi, egittologi, massoni egizi, kabbalistici, gnostici e neotemplari, islamisti devoti al Guenon di Francia,i nascenti martinisti.

Nell’aprile 1935 Caetani prese la cittadinanza canadese a Vancouver per protestare contro l’invasione italiana dell’Etiopia: il governo fascista per ritorsione lo privò della cittadinanza italiana e della qualifica di socio della Real Accademia dei Lincei.

Leone Caetani morì a Vancouver nel Natale del 1935, confortato da amici italiani e canadesi devotissimi, allievi delle sue stupende idee, ma soprattutto dall’amore di sua moglie Ofelia e della figlia diletta Sveva.

Caetani houseSveva Caetani continuò la tradizione paterna in Canada, tenendo vivo il ricordo del padre e dei suoi scritti, firmati con pseudonimo di Ottaviano, diffondendo la tradizione osiridea cara ai seguaci di Raimondo de Sangro, di Lebano, di Kremmerz.Caetani centre

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →