L’anarchia dell’Invalsi

14 giugno 2013 08:05 0 commenti

Condividi questo articolo

Una volta si diceva degli anarchici che erano contro lo stato e in effetti lo erano, soprattutto contro uno certo tipo di stato che era molto meno garantista di quelli odierni e occidentali.

Poi, quest’immagine ha incominciato a prendere una sua aura più romantica e, se si eccettuano gli sporadici salti dai balconi delle questure durante gli anni di piombo, si è sentito parlare di anarchici solo quando i giornalisti, quelli dalla memoria e la cultura labile, li hanno confusi con i casseur e i black blocker, giusto per trovare un esempio più vicino ai neologismi d’oltralpe e d’oltremanica.

Una volta di più con precipua necessità di ridurre tutto a una parola minima e altisonante ma che ti dica, contemporaneamente tutto e nulla su quanto ci accade attorno.

Oggi però si ha l’impressione che l’anarchia, intesa come antistato, si sia insinuata fino ai vertici del potere, in quelli più alti degli ultimi governi. Non parliamo ovviamente dei bombaroli di Émile Zola: quelli cui facciamo cenno le bombe tutt’al più le buttano sugli afgani e sugli iracheni, nelle loro ipocrite missioni di pace.

Facciamo quindi riferimento a tutti coloro che hanno deciso di smantellare in virtù dell’economia e soprattutto di un opportunistico liberismo tutto quel poco di stato sociale che rimaneva in Italia.

In primis ci è sembrato che ad attuare questa tattica sia stato proprio una certa politica ben avvantaggiata da un certo tipo di socialismo anni ‘80, quello che incominciava a muovere i primi passi contro la magistratura.

Con i suoi vari ed eventuali governi – e l’eventualità sta giusto nell’atto di governare, azione opzionale nella logica liberista e qualunquista – con questa politica si è perpetrata un’inesorabile strategia della diffamazione verso tutto ciò che era pubblico, ad esclusione ovviamente di ministri, parlamentari e affini, i quali, anche se pubblici funzionari, si guardavano bene dal fare autocritica e scrollarsi di dosso la sacra aura dell’investitura elettorale.

Se una persona qualsiasi parlasse male della propria famiglia molti storcerebbero il naso, la si guarderebbe con sospetto, perché si sa la famiglia è sacra  … e forse anche per questo la mafia impera in questo Paese, ma questa è forse un’altra storia.

Parimenti, difficilmente si sentirebbe parlar male del proprio gruppo d’appartenenza, sia esso politico, lavorativo e addirittura calcistico, e si sa che il nostro è un Paese corporativista  … e forse ancora per questo mafia e camorra imperano lungo lo Stivale.

Ma la cosa che più ci tocca e francamente ci indigna, è l’anarchica tendenza antistatalista che è esistita e crediamo esista ancora tra le compagini pseudo governative che negli ultimi anni si sono succedute tra gli scanni romani.

Questa tendenza a sacrificare tutto ciò che statale sembra, non ha certo visto solo il centrodestra quale paladino della lotta ma anche folte schiere di sinistrorsi o sedicenti tali che hanno semplicemente sfruttato le brecce aperte dai loro colleghi destrorsi per fare, come per necessità virtù, i loro porci comodi.

Il primo atto di questo lento e inesorabile furto, un furto di diritti, fortemente avallato anche da diversi personaggi, ha permesso l’equiparazione della scuola pubblica statale a quella papalina e privata, creando una fucina di ignoranza e disuguaglianza, dando parità ai diplomifici d’ogni risma e d’ogni dove.

Poi è giunto qualcuno che ha cavalcato la tigre del qualunquismo e dell’ignoranza e ha deciso che gli statali si ammalavano troppo e così ha decurtato loro lo stipendio in quei giorni che s’ammalavano finché è arrivata la mannaia statistica dell’Invalsi, che ha sancito che gli insegnanti dallo stato formati e dallo stato selezionati non andavano più bene e che avrebbero dovuto essere valutati nel loro lavoro da enti terzi e in maniera freddamente statistica, senza quelle sfumature caratteristiche dell’arte  … quando questa merita tale epiteto … dell’insegnamento.

Perché non rendere degni, quali in genere già lo sono i pubblici concorsi, che per quanto strumento imperfetto rimane quello più democratico, giusto e disponibile per selezionare il personale lavorativo?

Invece no! Per accontentare l’idea borghese di una scuola fannullona e di classe, si è creato l’Invalsi (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione) e le sue assurde prove tese a valutare freddamente con la logica del test, come si faceva una volta sulla spiaggia per passare il tempo o molto più incisivamente si vedeva nei film americani.

Così, come due più due fa quattro in maniera algida si decide della vita scolastica e professionale di chi concretamente vive la scuola, alunni e docenti.

In effetti il test in sé non conosce sfumature, non sa decifrare quelle variabili talvolta impercettibili che caratterizzano l’apprendimento.

Il signor Invalsi purtroppo non sta lì fino a 6 ore al giorno se non di più per 3 o 5 anni a seguire l’evoluzione di un ragazzo, non patisce le sue emozioni, non lo segue nei suoi passi, non dialoga con i genitori, non guarda in faccia coloro che sono l’oggetto della sua statistica.

Come può quindi pretendere di valutare l’operato di un docente e l’impegno o il rendimento di un alunno, inficiandone spesso carriera e curriculum?

Semplice, lo scopo è quello di tagliare, di sottrarre i fondi là dove i freddi test indicano uno scarso rendimento, creando così scuole dal differente valore, dove esisteranno classi ghetto in alcune e classi modello in altre, annientando quella meravigliosa idea di scuola pubblica e statale che i nostri padri costituenti avevano immaginato dopo il delirio bellico.

Certo la nostra scuola perfetta non lo è stata mai, ma cosa lo è in questo nostro Paese.

Alla scuola – è questo è lo specchio dell’azione denigratoria e opportunistica attuata dai gruppi di potere – le si è affidato un compito immane ed è quello di risolvere i problemi morali e pratici dell’Italia, ma senza armi o con armi spuntate.

Ma non è questo il suo compito, perché la scuola è una parte di un tutto, è l’ingranaggio che funziona bene solo quando gli altri vanno all’unisono è quindi specchio della nostra realtà sociale non un suo male: non le si potrà recriminare più del dovuto perché la scuola non potrà sostituirsi alla famiglia o alle altre istituzioni.

Purtroppo è risaputo che il prodotto di chi insegna non è quantificabile nel breve periodo, non lo puoi porre su una bilancia e valutarne peso e valore: lo studio e l’insegnamento sono come il sole che sorge e tramonta ogni giorno.

Non lo puoi toccare non lo puoi pesare.

Anzi se lo guardi troppo ti fa anche male perché la verità del sapere, spesso, a molti, fa male.

Ma è indubbio che senza la  presenza del sole non esisterebbe il mondo perché nessuno lo riscalderebbe.

(Foto: web)

Ciro Teodonno

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →