L’affondamento del Colleoni a Capo Spada

4 ottobre 2013 16:13 0 commenti

Condividi questo articolo

Venti di guerra soffiavano impetuosi: in Germania dal 1933 vi era il nazismo con Adolfo Hitler al potere; i tedeschi nel 1938 avevano occupato Austria e Sudeti e nell 1939 ha invaso la Polonia.

L’Italia fascista di Benito Mussolini, alleata della Germania dall’aprile dal 1939 occupò invece l’Albania, mentre le truppe tedesche nel 1940 invasero Belgio e Olanda  d vittoriose in Francia dal nord.

Il Mussolini da Roma proclamò lo stato di guerra contro Francia, Gran Bretagna e i loro alleati il 10 maggio 1940;  i tedeschi entrarono a Parigi il 14 giugno 1940, mentre italiani attaccarono a sud l il 21 giugno attraversando il confine a Ventimiglia.

La Francia del maresciallo Petain firmò l’armistizio coi tedeschi il 17 e con l’Italia il 24 giugno.

Intanto Mussolini il 28 giugno inviò la divisione navale dell’ammiraglio Casardi con a Tripoli per attaccare gli inglesi in Egitto: il governatore italiano della Libia Italo Balbo si preparò all’invasione per il 15 luglio. Alzatosi in volo di ricognizione con il suo aereo militare venne però abbattuto da “fuoco amico di contrarea” dall’incrociatore italiano Trieste, ancorato nel porto di Tripoli.

Fu una morte misteriosa quella di Balbo, perché fiorirono le voci riguardo un ordine segreto: sbarazzarsi di un governatore militare come balbo, scomodo per il suo carattere, ma popolarissimo e amato dalla gente. Si disse che l’ordine fosse stato dato dal gerarca Farinacci o dallo stesso Duce.

Il nuovo governatore italiano della Libia, il maresciallo Graziani, chiese più tempo a Mussolini per organizzare l’attacco all’Egitto, protetto da 30mila soldati britannici del governatore sir Archibald Wawell.

Nel frattempo venne ordinato alla divisione di Casardi di pattugliare le acque greche dove vi era un intensa attività di navi inglesi e supermarina.

Il Comando militare navale di Roma il 15 luglio ordinò all’ammiraglio di trasferire all’isola di Lero due incrociatori da battaglia per ostacolare il movimento dei mercantili di rifornimento inglesi.

Da Tripoli partirono due incrociatori gemelli costruiti a Genova dall’Ansaldo nel 1938, il Giovanni dalle Bande Nere e il Bartolomeo Colleoni; a bordo del primo salì lo stesso ammiraglio Casardi e gli incrociatori salparono alle 21 per raggiungere l’Egeo.

in un mare azzurro e stupendo, la divisione navale dei due mezzi italiani all’alba venne avvistata da un ricognitore inglese, mentre la ricognizione italiana aveva riferito che non vi erano movimenti aerei o navali inglesi in zona.

Era il 19 luglio: i due incrociatori alle 6,20 avvistarono a ore 12 – gergo militare per indicare il lato di prua – quattro cacciatorpediniere inglesi, navi più piccole di un incrociatore ma più grandi di una torpediniera; le due navi italiane aprirono il fuoco e inseguirono le unità nemiche, che fuggirono ad elevata velocità dotto il fuoco italiano  impreciso per la distanza e la foschia della mattina che aleggiava sul quel luogo bellissimo …

All’altezza di Capo Spada calò una nebbia incredibilmente fitta; le due navi italiane vennero colpite da salve nemiche di cannone, ma senza serie: risposero inutilmente al fuoco mirando sulle vampe d’artiglieria avversarie.

Alle ore 7.30 dal banco di nebbia uscirono due grandi unità inglesi da combattimento da 7mila tonnellate: l’incrociatore Sydney al comando del capitano di vascello – rango equivalente al grado colonnello d’esercito – Collins. e il cacciatorpediniere York, mentre gli altri 4 cacciatorpedinieri inglesi si fermarono minacciosi aprendo i fuoco sugli italiani, spostandosi a da est ad ovest.

L’ammiraglio Casardi pur considerando il pericolo rappresentato dalla disparità di numero , invece di fuggire verso est, punto libero dagli inglesi e salvarsi a Lero, si diresse a sudovest accettando il combattimento; innalzò cannoni navali da 152, bandierine rosse – segno internazionale di attacco – e diede ordine di fare fuoco ai due.

Bisogna sottolineare che i due incrociatori facevano parte della classe leggera Giussano, costruiti tra il 1928 e 1931in 6 prototipi gemelli da 5mil tonnellate, quindi molto più leggeri delle due navi principali inglesi; erano dotati di 16 mitragliere antiaeree, posamine da mare, 8 cannoni navali da 152mm, binati e 4 lanciasiluri binati, motori turbo Belluzzo ad ingranaggi, 2 eliche, 6 caldaie, velocita max 37 nodi orari, 507 uomini d’equipaggio di cui 186 provenienti dal sud Italia, tra Gaeta, Pozzuoli, Sorrento, Procida, Ischia, tra cui 48 tra ufficiali e marinai erano di Napoli.

Dopo un ‘infruttuosa ora di fuoco da ambo le parti, un colpo fortunato del cacciatorpedienire York centrò la sala macchine del Colleoni, provocando l’arresto dei motori e la loro distruzione; un’esplosione fece strage di macchinisti e marinai, motoristi, una quarantina di morti e feriti tra cui il comandante della stessa nave italiana.

Alle 8.37 le unità inglesi concentrarono il fuoco sul Colleoni, mentre l’altro incrociatore italiano alzò un cortina fumogena e fuggì verso Bengasi in Libia, abbandonando il teatro di guerra di Capo Spada.

Molti gli ufficiai feriti: rimanevano al comando del Colleoni solo il capocannoniere Agnes e il maresciallo maggiore silurista Antonio Ariano che continuarono a ordinare di far fuoco contro i nemici.

Intanto a bordo la carneficina continuava: un ragazzo dei siluristi fu mortalmente ferito una granata in bocca; un altro di 22 anni accecato dalle schegge cadeva in mare colpito da colpi di mitragli; un terzo di 32 anni venne fatto a pezzi da una cannonata. Anche il capocannoniere Agnes dilaniato cadde sul ponte della nave sul posto di combattimento.

Alle ore 12 il maresciallo Antonio Ariano con 3 ferite gravi abbracciò dunque il comandante del Colleoni Navaio, ferito e ustionato in nodo irreversibile in 17 punti del corpo, che aveva tentato di salvare i giovani macchinisti gettandosi tra acqua e nafta bollente; espresse il desiderio di morire con la sua nave, fasciato dal tricolore.

Il Maresciallo Ariano contando 93 morti e 316 feriti tra i 507uomini dell’equipaggio, fece dunque segnalare agli inglesi con le bandierine navali la richiesta di cessare il fuoco, poi il segnale di resa con la bandiera bianca.

Gli inglesi calarono prontamente dallo York scialuppe di salvataggio, ma aerosiluranti italiani giunti in volo da Rodi alle 12.37 spararono sui soccorsi uccidendo anche parecchi italiani che si erano gettati in mare dal Colleoni

Subito vennero messi in fuga da aerosiluranti inglesi giunti da Malta; ripresero cosi le azioni di soccorso: vengono raccolti in mare circa 200 feriti.

La nave inclinata di fianco e prossima ad affondare di poppa, con il fuoco a bordo in tutti i locali, senza scialuppe di salvataggio perché distrutte in combattimento e dalle esplosioni e incendi, contava 150 morti e 157 feriti.

Il maresciallo Ariano ne gettò e ne fece gettare ben 155 in acqua per salvarli dall’affondamento; poi andò a prua e lego a sé con la cinta il suo comandante agonizzante. Afferrò quindi la bandiera tricolore, recitò il Padre nostro e il Benedici, la preghiera dei mariani italiani. Alle 14.07 il Colleoni affondò rapidamente di pozza a prua.

Antonio Ariano, stretto al corpo ormai senza vita del capitano di vascello Navaio, affondò con la nave per circa 80 metri; poi nuotò in lenta risalita aiutato da una fanciulla che lo guidò per mano verso l’aria, verso la vita. Lui la seguì docile pensando di essere morto: quella fanciulla doveva essere la Madonna o sua madre Concetta venuta ad accompagnarlo nel suo ultimo viaggio.

Poi vide intorno a se un piede di legno di un tavolo, un mappapondo del Colleoni … Si rese conto che il suo comandante era spirato, e vide la ragazza che nuotava vicino sorridente … Infine, ecco la scialuppa di salvataggio che veniva a recuperare il ferito e il morto.

Sulla nave inglese York per disposizione del capitano di vascello Collins, un picchetto d’onore sparò una salva di fucileria per il comandante italiano morto da eroe, con i rituali fischi dei nostromi, 16 salve di cannone e rullìo di tamburi. Dopo il Padre nostro recitato ad alta voce dall’ufficiale, la salma di Navaio venne gettata in mare tra i saluti militari inglesi e italiani.

A sera i britannici scortarono i prigionieri per le vie di Alessandria d’Egitto; seminudi, laceri e sanguinanti, la popolazione locale prese a lanciare loro sputi e sassate, ma la giovane che Ariano aveva visto in mare ricomparve in piazza e in silenzio misein fuga la folla …

I prigionieri di guerra dopo aver segnalato con telegramma della Croce Rossa Internazionale del 2 agosto 1940 notizie alle loro famiglie in Italia, partirono per il campo di Ramgar n 19 di Calcutta in India.

Antonio Ariano fu capocampo per i prigionieri italiani; sarà poi rimpatriato su una nave ospedale da Tunisi nel 1941 fino a Malta e poi in Italia.

Nel 1942 dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, fece parte della ricostituita Marina militare monarchica; combattè contro i tedeschi a Bastia, Genova, Sardegna, Capri e Anzio. Promosso tenente di vascello, nel 1944 prese parte alle 4 giornate di Napoli con alcuni giovani marinai; poi sbarcò a Livorno Viareggio e infine a Genova.

Venne ancora promosso dal generale Raffaele Cadorna junior, capo della resistenza italiana, al grado di capitano di fregata; pluridecorato, capocampo dei profughi esteri a Bagnoli con il generale Di Lorenzo, fu direttore dello spaccio della Marina Militare fino al 1946.

Divenne poi vicesindaco comunale del quartiere San Lorenzo e Vicaria fino alla sua morte, avvenuta nel 1956.

Antonio Ariano fu in muratoria dal 1918 e membro della Società Teosofica di nNapoli dal 1921; templare ed egizio dal 1923 e fu 18esimo grado nel 1925, arrivò al 33esimo  nel 1949.

Cultore di studi sulla Cappella Sansevero, fino alla morte credette nella reincarnazione, rimanendo sempre convinto che la fanciulla che l’aveva aiutato in mare fosse una manifestazione della dea egizia Iside.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →