La storia dell’antica Taverna del Cerriglio

16 febbraio 2015 16:12 0 commenti

Cerriglio1Su licenza di re Roberto d’Angiò nel 1310 venne aperta a Napoli la Taverna del Cerriglio, tra le attuali piazza Borsa e via Guglielmo Sanfelice, accanto a dove si ergeva la torre Mastria, scendendo dai gradoni della via san Giuseppe, non lontano da via Mezzocannone e dal vicolo Sedile di Porto, in quello che si chiamava vicolo del Cerriglio, al numero civico 3. La taverna oltre al piano terra dove si trovava la locanda aveva due piani superiori per alloggi notturni, dove gli avventori potevano dormire da soli o, con cifra irrisoria, essere confortati dalle prostitute del luogo. Agli ospiti di riguardo era destinato al primo piano o piano nobile con buon letto, biancheria pulita, sapone, tinozze da bagno, zipeppe (vaso da notte) di porcellana o d’argento, tende infiorettate alle finestre e balconi. Il Cerriglio era un’osteria di rango europeo tra 1300 e il 1600. Fino al 1740 fu di proprietà delle suore napoletane di Santa Chiara. Il primo gestore della locanda era detto ‘o Ricciulillo. Il terraneo del Cerriglio consisteva in un grande stanzone diviso da due archi e aveva due ingressi. Un’altra stanza sorretta da archi sostenuti da colonne era prospiciente al vicolo di Santa Maria la Nova, e dava su di un cortile con una fontanina e un terrazzino. Nella prima sala tra lanterne e lumi fumanti c’erano il forno e i fornelli che divampano di continuo, caldaie e pentole di rame che fumavano, padelle zeppe di fritture, tortiere lucide con trofei di cavoli, broccoli, maccheroni, casseruole piene di alici, pizze fritte e al forno. Tre pizze al forno avevano il costo di un solo tornese, un piatto di pasta un grano. Bottiglie polverose di buon vino di ogni prezzo, dall’Asprino al Lacrima Christi, dalla Falanghina alla Cerella, al Gragnano, al Solopaca e il pranzo del menu offriva ai visitatori che giungevano da tutta Europa sbarcando al porto di Napoli ottimo soffritto, fegatielli e cervellatine, salami, polli, tacchini, maiali arrostiti, agnelli. E ancora polpi e pesce fritto o arrostito, sempre e a tutte le ore, preparati da tre solerti garzoni aiutanti e dal taverniere e dal cuoco, con tre o quatto servette che portavano le pietanze ai tavoli, alcune bellocce e compiacenti. La taverna è stata menzionata dai toscani Cino da Pistoia e da Giovanni Boccaccio, lo scrittore il Cortese e dal duca del Balzo, nonché da letterati napoletani come Giovan Battista del Tufo e da Basile nel seicento. Ne scrisse anche il portoghese Francesco Delgado nella sua opera “Lozana andaluza”, e cosi lo spagnolo Cristobal de Villalon in “Viaje de Turquia” e Miguel de Cervantes riportò che el Cerrillo era molto frequentato da visitatori militari e civili spagnoli. Non solo letterati italiani ed europei frequentavano il Cerriglio ma anche balordi e malfattori. Vi alloggiò anche il grande Michelangelo Merisi da Caravaggio nel suo soggiorno napoletano. Proprio lì, la sera del 24 ottobre 1609 il Caravaggio vide 4 uomini intrufolarsi tra i tavoli della taverna e venire verso di lui con fare minaccioso. Il pittore dalla vita dissoluta si alzò prontamente e fuggì per i vicoli maleodoranti del porto.  Inseguito e raggiunto fu atterrato a pugni e a calci e sfregiato al volto con coltello dai  misteriosi aggressori che sparirono di corsa per evitare la ronda di polizia chiamata dal taverniere gestore, il signor Giansarvo. Si vociferò che il pittore si fosse inimicato i cavalieri di Malta perché aveva offeso il gran maestro Alof de Wignacourt. La polizia sospettò invece una vendetta dei parenti di Ranuccio Tomassoni, ucciso tre anni prima durante una rissa in una bettola romana dalla spada del Caravaggio. La polizia spagnola vigilò sul grande pittore fino al 1610, quando fu chiamato dal principe Doria di Genova e lasciò Napoli via mare per Roma. Sbarcato a Ostia il Caravaggio morì misteriosamente sulla spiaggia romana, dopo una caduta da cavallo … Dai giornali del tempo si apprendono notizie riguardo la taverna: in una delle camere al II piano, nel 1671 la polizia vicereale aveva arrestato uno schiavo mussulmano che esercitava a pagamento prestazioni di magia sessuale su donne del popolo e che venne mandato al capestro a piazza Mercato. Al Cerriglio tra il 1300 e il 1700 soggiornarono altri uomini famosi, tra cui l’avvocato filosofo Chianese di Chiaiano, che vi andava a mangiare e dormicchiare per due o tre ore e scrivere trattati. Vi passarono Felippo Sgruttendio de Scafato, alias Giulio Cesare Cortese, il Basile, Emmanuel Bidera, Vincenzo D’Auria. Ancora l’abate Carlo Celani, l’abate Gorani e l’abate Galiani, il romano Silvio Fiorillo, Volpone e tanti artisti, poeti, scrittori, pittori musicisti, scultori, architetti e ingegneri. Sulle pareti delle stanze ai piani superiori i viaggiatori usavano lasciare scritte sui muri: «Dio te guarde de povere arruccute», «Amore de patrone e vino da fiasco la sera è buono e la mattina è guasto», «È ffritto ‘o fécato!», «Chi serve in corte a lo pagliaro more». La taverna del Cerriglio nel 1580 era annoverata nell’elenco stilato dal Comune delle 212 locande napoletane, che citava come mastro gestore e cuoco Alfonso Gallo di Napoli. Così era citata nella lista delle taverne dei quartieri del 1699 a cura del marchese di Crispano consigliere comunale e assessore al Fisco e Annona. Nel 1740 la proprietà del Cerriglio passò a don Bartolomeo Pompilio di Napoli. Rivaleggiava in affluenza di clientela con la taverna del Crispano e con la taverna Florio, che si trovava vicino la chiesa di San Leonardo a Mergellina. Quest’ultima, gestita dal Florio che era anche farmacista, era famosa anche per i dolci e per le esibizioni di musicanti di villanelle, canti popolari del tempo. Altra rivale era la taverna di Pintauro a via Toledo, fondata nel 1785 da Vincenzo Pintauro, cuoco e pasticciere, che poi aprirà la pasticceria nel 1818 e l’albergo relativo nel 1819. Divenne famoso per la produzione delle sfogliatelle, in particolare per la creazione delle ricce.

La taverna del Cerriglio perdeva sempre più avventori: avevano ben da scegliere con tutti gli altri esercizi di lusso che nascevano in città, come quello della locanda delle Crocelle o il Casanova al Chiatamone, un esercizio con trattoria anche per dame nobili, e cosi l’Albergo Reale di Santa Lucia dove soggiornavano archeologi, viaggiatori di gran cultura e persino l’ambasciatore di Russia. O il Victoria in palazzo Sanna già Statella vicino la Villa Reale che annoverava ospiti di prestigio, diplomatici e principi ereditari in viaggio in incognito. O la locanda albergo La bella Venezia. Tutti concorrevano con servizi alberghieri puliti e eleganti e con cucina molto lodata dai turisti rispetto l’antica taverna del Cerriglio, che rimaneva di stampo popolare.

Nel 1785 divenne proprietario e taverniere del Cerriglio un tedesco residente a Napoli e nel 1798 passò a Gaetano Corvino di San Giovanni a Teduccio. Nonostante la storica taverna avesse perso clienti tra i nobili e diplomatici, artisti e pittori, conservava ancora la clientela composta da lazzaroni, pescatori, marinai, viaggiatori borghesi e popolani, militari di bassa forza e qualche artista squattrinato.

Nel 1811 sotto il regno di Murat si diffusero alberghi alla francese, ma il Cerriglio teneva sempre duro. Passò di proprietà a Nicola De Nicola di Napoli che beneficiò della costruzione del larghetto con giardini davanti la taverna, inaugurati dalle autorità murattiane con la distribuzione al popolo di 3mila sacchi di farina, distribuiti da 42 belle ragazze del quartiere tra canti e suoni tra i tavoli del nuovo Cerriglio, da dove il 17 gennaio prese inizio la Cuccagna di Carnevale, secondo quanto scriveva Domenico Piccinini, in visita a Napoli ospite dell’impresario teatrale del San Carlo Barbaia, e da Tito Del Bono. Nel 1844 la sua clientela era ormai tutta equivoca. Vi si verificavano risse violente e continue tra ubriaconi e giocatori, tanto che il povero tavernaro De Nicola per paura che la polizia gli chiudesse il locale dopo aver sedato a botte ben tre risse cambiò il nome in Cantina del Cerriglio. Un solo ingresso al n 3 del vicolo e un quartino al primo piano e un quarticello al secondo piano con camere da letto modeste, come da regolamento per locali del settore. Salvatore Di Giacomo la frequentò da studente, quando era chiamata Trattoria dei Fiori. Dopo 460 anni di attività continua il Cerriglio venne chiuso. I locali furono adibiti a deposito di mobili nel 1870 dal signor Vincenzo Troise.

Dieci anni fa l’imprenditore edile Giuseppe Follari era alla ricerca di un adeguato deposito. Scovò l’antica sede della taverna storica del Cerriglio, e con sua moglie Angela decise di ristrutturare e riaprire l’antica locanda. Diede così inizio ai lavori di ristrutturazione, rispettando l’antica sede con un unica porta d’ingresso e la sala originaria a piano terra per degustazione di vini e aperitivi e di una sala al primo piano per ospitare eventi e persone. Il 17 novembre del 2014 l’antica Taverna del Cerriglio ha ripreso vita.

La nuova Taverna del Cerriglio

La nuova Taverna del Cerriglio

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →