La romantica vita di George Byron

29 ottobre 2014 18:06 0 commenti

Byron1978. Alla scuola romana di archeologia un’ampia scalinata porta ad un grande edificio bianco, la cui parte central ricopia il modello di un tempio greco.

Il pronao è inframmezzato da otto colonne corinzie che sorreggono il frontone. Vi sono tre porte d’accesso. Quella centrale, la più grande, è l’ingresso della scuola.

Studenti vanno e vengono, si deliziano nel sole, guardano l’orologio, si fermano nell’atrio, voltandosi verso una porta laterale chiusa dove staziona un custode napoletano.

Sir John Lyon Emerich Acton barone di Dalberg e Aldemham, nato nel 1907 a Bordighera da Richard Maximilian lord acton, 1870.1924, ministro and ambasciatore di Gran Bretagna, e da lady Dorothy Lyon di Appleton.

Sir John è il figlio maggiore del ramo inglese della famiglia, diretto discendente dell’ottavo baronetto di Emmerich dell’antica famiglia, di cui si hanno notizie sin dal1643.

Il nonno John Acton barone di Aldemham fu primo ministro di Ferdinando IV di Borbone dal 1779 al 1811. Ambasciatore in Germania e dal in Italia, fu deputato liberale e cattolico e dal 1869 lord della Camera dei Comuni britannica.

Massone e antipapista, nel 1870 fu ambasciatore A Roma presso il Regno d’Italia. Dal 1895 insegnò Storia all’Università di Cambridge. Morì mentre era in vacanza in Baviera il 19 giugno 1902.

Suo nipote John, che abbiamo ritrovato alla scuola romana di archeologia, sposò a nel 1931 la nobile Daphne Strutt. La coppia si stabilì a Mancar del Valle, nell’isola di Maiorca, dove svolse l’incarico di console britannico. Ebbero 10 figli.

John si trovava a Roma con suo cugino del ramo italiano don Francesco Eduardo Maria Acton barone di Leporano, figlio di Alfredo, che nel 1959 fu direttore del Museo Civico “Gaetano Filangieri” di via Duomo di Napoli e del Museo Correale di Terranova a Sorrento, nonché di quello di Villa Livia e vicedirettore del Centro Numismatico Internazionale di Napoli, governatore della  Fondazione –Real Monte Manso di Scala e del suo archivio in Napoli, Gran Croce dei Cavalieri di Malta, dei Cavalieri di San Gennaro e del Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio.

I due erano in compagnia in compagnia delle rispettive mogli, Daphne e la bella donna Maryda d’Ameglio.

Le due coppie dopo aver visitato il Cimitero degli Inglesi si fermarono all’ambasciata britannica. Nel pomeriggio andarono il Caffè Greco di via Margutta. Poi salirono la scalinata di Trinità dei Monti dove in una delle case abitò il poeta Percy B. Shelley, grande amico di lord Georges Byron.

Si ritrovarono poi con un noto studioso italiano di Byron, il barone di San Barbato, nato a Napoli nel 1954 e funzionario NSA (National Security Agency) negli U.S.A. dal 1977, storico, scrittore, araldista, appassionato di archeologia, mumismatica, filatelia, di nota famiglia borbonica, amico di famiglia degli Acton di Leporano, tanto che fece il suo viaggio di nozze nel 1992 a Palma di Maiorca, dove risiedevano.

Gli Acton e lo studioso napoletano in quei giorni presero ad approfondire la figura del grande poeta e scrittore romantico inglese George Gordon Byron.

George Byron nacque a Londra il 22 gennaio 1788 in Holles Street. L’infanzia la trascorse in Scozia, ad Aberdeen con sua madre la nobile Catherine Gordon, la cui famiglia era legata ai re scozzesi Stuart.

Nel 1798 divenne sesto barone di Rochdale del castello normanno di Newstead succedendo al defunto zio lord William Byron. In quegli anni studiò all’aristocratico collegio di Harrow e quindi all’Università di Cambridge, ove nel 1808 si laureò in lettere a pieni voti.

L’anno seguente George Byron entrò alla Camera dei Lord nelle fils dell’opposizione del partito Laburista.

Viaggiò per due anni all’estero dal 2 luglio 1809, visitando Spagna e Portogallo poi Albania e Grecia innamorandosi di Atene e di Giannina. Frequento pascià e governatori turchi, spingendosi fino a Costantinopoli. Non disdegnò mai il fascino femminile e nei suoi viaggi ebbe molti amori con donne straniere.

Nel 1811 divenne famoso con il suo libro “The Harold’s pilgrimage”.

Folleggiava nei salotti mondani di Londra: tante amanti, tra cui Caroline Lamb, la moglie del ministro lord Melbourne, ma anche la sua sorellastra Augusta Byron.

Si sposò il 2 gennaio 1815 a Londra con Anna Isabella Milbake, poetessa e matematica, da cui ebbe la figlia Ada. Si separarono ufficialmente il 15 gennaio 1816.

Al che Lord Byron lasciò di nuovo l’Inghilterra alla volta di Ostenda, Olanda, e poi passò in Svizzera, dove a Ginevra strinse amicizia con il poeta Percy B. Shelley.

Il questo periodo pubblicò varie opere tra romanzi e poesie.

Arrivato in Italia, a Milano conobbe lo scrittore Stendhal e l’inglesina Claire Clairmont, da cui ebbe la figlia Allegra.

Si stabilì dunque a Venezia a palazzo Mocenigo sul Canal Grande, con 16 domestici al seguito, cani e pappagalli, vendendo con fortuna libri di opere e di poesie, oltre che i suoi beni inglesi per 95mila sterline.

Qui ebbe una liasion con la veneziana Margherita Cogni e poi con donna Teresa Gamba Guiccioli dei conti di Ravenna, che diciottenne era andata sposa ad un nobile sessagenario.

Con quest’ultima visitò nel 1816 Roma per la prima volta, rincontrando l’amico inglese Shelley a Trinità dei Monti. Con Shelley brindò in un teschio che si portava dietro da Newstead insieme ad altri 4 portati dalla Grecia.

Byron credeva nella reincarnazione, ed era convinto che una maledizione avesse colpito la sua famiglia e quella materna dei Gordon. Attraverso i teschi compiva evocazioni spiritiche e magiche. Consultava anche la kabala, l’astrologia e le divinazioni, completando il perfetto quadro dell’uomo britannico originale e romantico.

Poi si trasferì a Firenze nel 1817, arrivando a Napoli nel 1818 per un breve soggiorno. Visitò Capri, il Vesuvio, gli scavi di Ercolano, Pompei, di Stabia, Paestum, Baia, Capua,la necropoli di Ischia, la regge di Caserta, di Capodimonte e Portici.

Nei due mesi in cui soggiornò nella città delle sirene strinse legami com massoni e carbonari della loggia “La vigilanza” del conte e scrittore Pietro Colletta e con quella dei “Figli della Sapienza” del barone Lorenzo di Montemayor, Gran Maestro del rito egizio di Cagliostro e del Misraim di Francia,

Byron fu amico anche dell’abate calabrese Ierocades e della famiglia Gamba Guiccioli.

Raggiunta Ravenna lord George si stabilì proprio nel loro palazzo, entrando nella locale vendita carbonara.

Nel 1820 plaudì alla rivoluzione carbonara di Napoli e di Nola e ai moti spagnoli di Cadice e Madrid e così a quelli in Emilia Romagna.

Nel 1821 l’esercito austriaco forte di 51mila soldati occupo facilmente i ducati di Parma e di Modena e i territori ribelli pontifici di Ferrara e di Bologna e avvicinandosi velocemente a Ravenna. Byron e i Gamba Guiccioli fuggirono a Pisa, nel tranquillo territorio granducale toscano, che lord George non mancò di visitare minuziosamente.

Il grande poeta romantico inglese viaggiava sempre accompagnato da 5 carrozze personali con il suo guardaroba, 16 domestici, il segretario personale, il Polidori, il medico personale Francesco Bruno, nonché un serraglio con un corvo, pavoni, pappagalli, gatti, cani, tra cui il suo preferito, un terranova. Il suo nutrito  seguito era diretto dal suo fedelissimo maggiordomo Flecter.

L’inquieto George Byron da Pisa, facendo rapida tappa a Firenze e a Arezzo, visitò di nuovo Roma il 16 aprile del 1821 fermandosi al Caffè Greco di via Margutta, il famoso ritrovo letterario e il Cimitero degli Inglesi. Fu assiduo delle osterie con il suo grande amico Shelley, frequentando massoni e carbonari.

Nel 1822 prese parte al rogo di cremazione di Percy Shelley, perito nel naufragio del suo battello Ariel nelle acque di Lerici, in provincia di La Spezia.

Quando il corpo fu restituito sulla spiaggia di Viareggio, dopo un lungo iter burocratico ottenne il permesso dai ministri del ducato di Lucca di cremarlo, secondo il desiderio dell’amico. Con grande commozione seppellì poi le ceneri a Roma nel cimitero inglese.

Colpito e ammirato della rivolta dei Greci contro l’occupante turco, dalla Toscana partì via mare per andare a combattere contro gli ottomani, sempre accompagnato dal suo seguito al completo e le sue donne.

Era il venerdì 17 giugno 1823. Nonostante la sua forte superstizione, volle vincere le sue paure spronato dall’esempio del conte piemontese Santorre di Santarosa, caduto contro i turchi a Sfaceteria.

Attraversò lo stretto di Messina e sbarcò a Cefalonia. Su appello del principe Mauro Cordato, uno dei capi della resistenza greca e membro della setta carbonara di “I Filadelfi ed Esperia”, si spostò come osservatore militare e finanziatore presso i combattenti greci a Missolungi, ove fu nominato capitano dei Dragoni a cavallo greci.

Dimenticati tutti gli agi che si era sempre portato dietro ovunque andasse, lord Byron dormiva su un lettino da campo.

Teneva sempre a mente la profezia che una zingara gli aveva fatto a Roma il 16 aprile 1821 per i vicoli di Santa Maria di Trastevere: gli aveva predetto la morte al compimento dei 36 anni. Gli disse anche che sarebbe tornato a vivere in reincarnazione in suo nipote, che avrebbe avuto il suo stesso ciclo di vita.

Dopo una passeggiata di ispezione militare a Missolungi sotto un terribile uragano, bagnato fradicio e infreddolito, contrasse la polmonite che al crepuscolo del 19 aprile 1824 lo portò alla morte. Aveva 36 anni.

Suo nipote, ottavo barone di Rochendale, George II Byron, letterato e romantico, mori anch’egli a circa 36 anni …

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →