La mano dell’angelo: da Sammartino a Luca Nocerino

2 dicembre 2013 08:29 0 commenti

Condividi questo articolo

Luca Nocerino

NAPOLI – Luca Nocerino, 29 anni, napoletano. Figlio d’arte – il nonno cesellatore, il padre scultore -, una storica bottega ai Ponti Rossi, Luca ha raccolto in sé i semi sparsi dalla sua famiglia vivendo l’Arte a tutto tondo: disegna, dipinge, scolpisce, crea gioielli, ma trova anche il tempo per insegnare, perché un vero artista sa quanto sia importante trasmettere alle nuove generazioni.

Luca ha già fatto tante cose; si era già distinto quando frequentava ancora l’Istituto d’Arte “Palizzi”, dove i suoi lavori vennero riconosciuti validi e originali tra tutti quelli degli altri studenti, ha partecipato a collettive, imponendo un suo stile personale; ha collaborato al film Vitriol e al recentissimo docufilm La voce del sangue di Francesco Afro De Falco con la riproduzione in scala reale della celebre opera scultorea dei Giuseppe Sammartino, il Cristo velato della Cappella Sansevero, una copia unica come la stessa statua, visto che assolutamente non ne esistono altre.

Lo Speaker ha incontrato Luca in un freddo pomeriggio, davanti ad una calda, corroborante tazza di te verde al gelsomino e ha chiacchierato un po’ con lui.

Com’è nato il sodalizio con Francesco De Falco?

Io e Francesco abbiamo studiato insieme: frequentavamo l’Istituto d’Arte. Poi ognuno ha preso la sua strada: io ho continuato con l’Accademia, lui ha approfondito specializzandosi nel campo cinematografico. Comunque condividiamo la stessa idea dell’Arte, sebbene da un punto di vista differente. Quando Francesco ha preparato i suoi progetti, ha perciò chiesto la mia collaborazione.

Cosa hai pensato quando l’amico regista ti disse cosa voleva da te?

Pensai che riprodurre fedelmente la statua del Cristo velato per girare le scene di Vitriol fosse un’impresa impossibile. È uno dei lavori più duri cui mi viene di pensare: non so trovare un paragone della stessa importanza … Quest’opera marmorea era innanzitutto una delle più difficili da copiare, soprattutto per la velatura del Sammartino.

Poi c’erano da superare altri ostacoli, come le dimensioni, la veridicità del modello, la mancanza delle esatte misure della statua …

Cosa significa essere figlio d’arte?

Mio padre, Ciro Nocerino, ha una bottega di scultura nella zona antica dei Ponti Rossi, dove c’è l’Acquedotto Romano. Sono nato e cresciuto in questo mestiere, così come mio fratello minore Marco. Già nostro nonno paterno Gennaro era cesellatore …

Io, mio fratello e mio padre - 1991 Bottega Luc di Nocerino - Photo Carlos Freire

Perciò, nonostante la mia giovane età, sono stato tra persone importanti, con i miei lavori ho partecipato a mostre collettive.

In fin dei conti il Cristo è nato su commissione, ma sono così impregnato d’arte che faccio tante cose di mio: modello, scolpisco, dipingo, creo gioielli, progetto. Mi farebbe piacere citare uno dei miei lavori commissionati da un’imprenditrice di Portici: il Geven Project, un’insieme di sculture da me progettate e realizzate in lega di alluminio con il procedimento della fusione a cera persa, istallate in pianta stabile nella reception della sua azienda, la Geven.

Come definiresti il tuo stile?

Durante il mio percorso di studi ho coltivato un mio stile, e, come succede a tutti gli artisti, man mano evoluto, pur mantenendo sempre la stessa linea.

La scultura Memorie Contemporanee - Durante la modellatura in argilla

All’inizio la mia linea era figurativa, poi col tempo l’ho sintetizzata fino alle ultime opere. Poi, dalle sculture sono passato ai gioielli, che sono ancora più sintetici. Praticamente sculture da indossare.

Parlaci della tua linea di gioielli.

Intrecci, realizzati con la tecnica della microfusione tipica dell’oreficeria. Gli oggetti sono in argento e in bronzo, lucentissimi, trattati perché questa lucentezza a specchio rimanga inalterata nel tempo. Uso le pietre pochissime volte, perché quello che mi interessa è soprattutto la forma, l’intreccio tra spigoli appuntiti, tanto che spesso diventano difficili da indossare, magari lacererebbero gli abiti: sono più che altro da esposizione, li considero così. Linea che in effetti riproduce quella delle mie sculture.

Uno dei gioielli in bronzo -  Realizzati in microfusione

Per un po’ Luca Nocerino si sofferma a gustare il suo tè, lodandone l’aroma: gli ricorda l’odore della campagna dove abita …

Poi ha un pensiero per la sua ragazza, Elena, scultrice come lui: è russa e adora il te: vuole farglielo assaggiare.

Luca Nocerino pittore. Come ti racconti?

Ho dipinto tele sempre sul non-figurativo che riprendono quella che è la mia cifra stilistica: forme che rompono, che spaccano, che s’intrecciano ad altre forme, aculei che le penetrano … È questo il fulcro della mia ricerca personale, che si allontana da quelle che possono essere le diverse commissioni.

Come s’inserisce nel tuo lavoro la ri-creazione del Cristo velato?

Al di là di quello che è, ovvero una commissione, il mio Cristo c’è capitato in mezzo; l’ho realizzata nel 2008, quando sarebbe dovuto uscire il film. Sebbene sia un artista non-figurativo, mi sono cimentato con una plasticità di tipo accademico. Ed è stata una bella soddisfazione ri-creare nonostante le mille difficoltà un’opera unica, re-inventare quella velatura che fu certo abilità del Sammartino, ma che venne anche esaltata dalla qualità di quel magnifico marmo, dai segni del tempo …

All’epoca avevo circa 23 anni; ero un po’ titubante: un’opera troppo grande, un’impegno gravoso …

Francesco de Falco per convincermi ad intraprendere l’opera mi rassicurava che per il suo progetto cinematografico sarebbe bastata anche una riproduzione approssimativa, quasi un manichino, un oggetto scenografico da inquadrare senza primi piani.

Invece, quando ho cominciato a lavorarci, un po’ la mia natura perfezionista, un po’ mio padre col suo occhio critico – a volte sentivo di avere un supervisore cui dare conto più dello stesso committente e diventavo ansioso – mi spingevano a fare le cose al meglio. Mi svegliavo di notte, facevo sogni strani, ma pian piano la creazione trovava spazio dentro me, diventava sempre più grande, fino a raggiungere quel risultato che me l’ha fatta sentire mia. Una semplice copia si fa col calco: invece quell’opera l’avevo ri-creata, con la mia propria cifra stilistica, la mia identità, perché l’opera è soltanto il medium attraverso il quale si esprime l’artista.

Ancora oggi conservo il mio Cristo velato con grande cura; vorrei collocarlo in un luogo adatto, ma in verità non riesco a staccarmi dalla mia creatura!

Insegni nelle scuole. È importante per te farlo?

Sono abilitato per l’insegnamento delle Discipline plastiche, e insegno questa materia da cinque anni, anche se non sono di ruolo. È fantastico stare con i ragazzi! Nell’ultima supplenza, ad esempio, in occasione di una lezione, ho mostrato agli studenti di una IV classe, i procedimenti e le tecniche impiegate per realizzare la riproduzione del Cristo velato attraverso i vari step. I ragazzi ne furono entusiasti: era un modo di trasmettere cultura, di insegnare tecniche tradizionali, di far apprezzare i tesori artistici del nostro territorio, e di far capire loro praticamente cosa significava la mia materia, Discipline plastiche, e quali erano gli sviluppi dell’apprendimento di questa specifica tecnica in ambito lavorativo. In questo modo affrontammo l’impiego della scultura nell’ambito cinematografico, perché in quell’occasione andava realizzata un’opera quanto più vicina possibile all’originale e tecnicamente funzionale, leggera e facilmente trasportabile sul set.

Senz’altro i ragazzi appresero così che il gusto estetico è sempre indispensabile, anche per fare una cosa semplice, come imbandire una tavola o presentare un piatto.

Con questa lezione catturai completamente l’attenzione degli studenti, e sono sicuro che quell’insegnamento rimarrà per sempre dentro di loro, perché penso che i ragazzi vadano stimolati con cose che sentono vicine e con le quali possono misurarsi, che suscitino il loro interesse, adottando metodi innovativi molto vicini al loro mondo, come le nuove tecnologie.

Quando insegni, giovane tra giovani, ti capita di essere scambiato per un alunno?

Sì, sì, mi succede … Ma lo vedo come un complimento, che mi fa apprezzare ancor di più la fortuna di poter insegnare alla mia età.

Anche se a volte è faticoso, porto avanti parallelamente tutte le attività che faccio: oltre all’insegnamento, perseguo sempre il mio filone artistico, che mi ha portato ad avere gli stessi intenti di Francesco de Falco, partecipare alle collettive e a Premi, essere inserito addirittura nelle loro commissioni giudicanti …

Soprattutto seguo la bottega di famiglia, la LUC di Nocerino, la trentennale attività di mio padre che a sua volta ha rilevato da mio nonno ceselletore, dove ancora oggi portiamo avanti l’arte del bronzo con le sue numerose fasi di lavorazione. Utilizziamo tecniche antiche come quella della fusione a cera persa, del cesello, realizziamo restauri e lavoriamo con artisti importanti che si rivolgono a noi soprattutto perché insieme alle tecniche antiche, siamo sempre pronti a sperimentare anche nuove tecniche e materiali, come l’utilizzo delle resine, delle cere plastiche; una delle ultime collaborazioni che abbiamo avuto è stata quella di realizzare le statue per il nuovo museo delle cere “Le Muse”, occasione in cui ci siamo avvalsi della collaborazione del maestro Peppe Ciolli, scultore accademico, che considero una persona importante per la mia formazione artistica.

Dove trovi il tempo per fare tutte queste cose?

Non lo so: è stata dura, ma non mi sono mai fermato. Ho fatto cose su cose. Ho fatto sacrifici. Quando, ad esempio, ero impegnatissimo con la ri-creazione del Cristo, il mio amico regista mi chiese di realizzare altri pezzi necessari alle riprese: non volevo farli, ero troppo preso, ma ho rubato tempo al tempo e li ho fatti. Tanta fatica, è vero, ma oltre alla soddisfazione artistica collaborare a “Vitriol” mi ha fruttato l’attenzione della stampa, la notorietà, che si rinnova adesso con l’uscita del nuovo lavoro cinematografico di de Falco “La Voce del Sangue”, presentato appena pochi giorni fa al cinema Astra, cortometraggio incentrato sulla figura del Sammartino e la scultura del Cristo Velato.

La riproduzione del Cristo Velato - In esposizione al cinema Metropolitan in occasione delle prima di VITRIOL

Ecco perché a 29 anni ho realizzato tanto: non riesco a stare con le mani in mano. E se tornassi indietro rifarei tutto quello che ho fatto con le mie sole forze, con lo stesso ritmo, con la stessa energia, con la consapevolezza che non potevo fare di meno. Solo con il massimo impegno si possono fare grandi cose.

(Foto gentilmente concesse da Luca Nocerino)

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →