La chiesa di Sant’Antonio dispensa arte e cultura

24 giugno 2014 15:41 0 commenti

Condividi questo articolo

DCIM100MEDIAPORTICI – Dopo il grande successo del precedente incontro, nell’ambito della 14esima edizione di Giugno al chiostro il 21 giugno si è ripetuto l’evento Visita guidata al Convento di Sant’Antonio e alla Cappella Reale di Portici,

Giugno al chiostro, organizzato dai frati Minori del Convento di Sant’Antonio e promosso dall’associazione Onlus La Cetra Angelica, che ha sede presso la comunità religiosa, è una manifestazione realizzata in onore del Santo di Padova con  ingresso libero e gratuito.

La visita ai tesori storico-artistici del luogo è stata guidata con grande competenza, chiarezza e scioltezza dalla dottoressa Roberta Avilia; vi hanno partecipato circa 30 persone, informati tramite social-network o perché fedeli del distretto conventuale.

È stato presente anche Raffaele Cuorvo, assessore comunale alla Cultura, che ha commentato soddisfatto: «Queste sono iniziative che meritano».

Il convento è la chiesa più antica di Portici. La sua costruzione risale alla bolla papale dell’11 marzo 1337 con la quale il papa Benedetto XII autorizzò il ministro generale ad accettare «… una chiesa con dormitorio per dodici frati ed orto, che il nobiluomo napoletano Gualtiero Galeota vuol costruire e donare ai frati minori in una villa, che egli possiede nel luogo detto Portici, nei dintorni di Napoli».

L’edificio fonda su lava vesuviana e si trova sopraelevato rispetto alla strada; la chiesa originaria era orientata orizzontalmente, con l’ingresso ad ovest rispetto a quella attuale, e si accedeva attraverso una scalinata e sotto vi si trovava il piccolo borgo e il porticciolo.

Nei secoli il complesso edilizio si è esteso, effettuando inoltre restauri relativi ai dipinti in esso custoditi, e subendo anche saggi esplorativi allo scopo di scoprire eventuali reperti romani presenti al di sotto delle pavimentazioni. Raggi radar hanno rilevato la presenza di una probabile piccola cappella.

secondo pozzoIl convento è legato alla storia di due pozzi: il primo, come narra la leggenda, è legato al miracolo di San Francesco, che con un bastone colpì la pietra lavica da cui scaturì l’acqua; il secondo a quello di Sant’Antonio che salvò un bambino che vi cadde dentro.

Sul portone d’ingresso – ora restaurato – è raffigurato il simbolo francescano che rappresenta il braccio di Dio e di San Francesco che s’incrociano; le borchie del portale risalgono al ‘600.

Il nome originario della chiesa era dedicato alla Madonna della Grazia, a San Francesco e a San Giovanni Battista.

Nel ‘700, sotto Carlo III di Borbone, la chiesa mutò il nome in quello di Sant’Antonio, di cui il sovrano era devoto.

Carlo fece costruire a monte del Convento la sua Reggia, destinata ad essere una residenza estiva; essa si apriva sulla strada per consentire ai sudditi di attraversarla.

 

giardino conventoIl Convento assunse grande importanza proprio per la vicinanza con il Palazzo Reale: la presenza dell’ameno giardino dei frati con discesa a mare, in cui soleva passeggiare il re, dove affacciava la Reggia, divenne il simbolo dello stretto legame con i Borbone.

Entrando nella chiesa, nella navata laterale destra si ammira il dipinto secentesco di autore anonimo Madonna del Rosario con i 15 misteri

La Vergine è al centro, ed è rappresentata anche un’insolita Santa Caterina d’Alessandria in abiti nobiliari e la raffigurazione in basso degli eventi più importanti della sua vita e la Madonna del Carmine, mentre intorno al quadro sono ritratti i 15 misteri. Questo dipinto probabilmente indica che all’epoca nel Convento vi era una confraternita legata al Rosario.

Nella navata laterale sinistra si trova la pala di San Francesco che dispensa il cordiglio francescano, risalente al 1590 circa, di autore anonimo. Si nota il particolare della presenza sul capo di Antonio della colomba dello Spirito Santo e di Dio, esplicito riferimento alla S.S. Trinità.

Questo dipinto dimostra l’esistenza di un’ulteriore confraternita, composta non da frati ma da persone che conducevano vita francescana e ne godettero i benefici, come quello di ricevere l’indulgenza plenaria in determinate festività religiose.

Poco distante, è presente il fonte battesimale del ‘300, che insieme alla copertura in bronzo e alla fine scultura, è state restaurato in parte.

volta del presbiterioNella navata centrale, al di sopra dell’altare, si ammira il polittico raffigurante la Madonna della Grazia con il Bambino in trono, e ai lati, San Francesco  e San Giovanni, con in basso un contorno di predelle effigianti le immagini dei primi otto martiri e santi francescani. Il dipinto è opera di Stefano Sparano e risale al 1513.

Inoltre, sulla volta del presbitero è affrescata La gloria di Cristo insieme ai quattro evangelisti, di Angelo Mozzillo, datata 1793 circa.polittico Madonna col Bambino in trono

Di fronte all’abside c’è il maestoso organo risalente anch’esso al ‘700,  mentre in fondo alla chiesa, sulla destra, c’è la cappella dedicata al Sacro Cuore: essa ha una volta che riporta ornamenti e motivi floreali rococò.

organo convento

 

In quest’ambiente, Roberta Avilia ha mostrato diapositive raffiguranti ciò che si trova al di sotto della struttura conventuale: una cappella dedicata all’Immacolata Concezione eretta durante il ‘500, cripte, ossari e vasche di sepoltura.

Ciò prova l’antica esistenza di una Confraternita devota all’Immacolata Concezione, presso la quale il concetto della morte era molto sentito e si dava grande importanza all’accompagnamento nel momento del trapasso. Lo dimostrano gli affreschi che preparavano all’atmosfera mortuaria, come la lastra dei frati incappucciati, nonché la splendida deposizione di Cristo, gli angeli della morte ed immagini di scheletri e crani.

Il re le concesse il titolo di Reale arciconfraternita, ma per il carattere estivo della reggia, che evocava un’atmosfera più leggera, la confraternita fu trasferita nella chiesa dell’Immacolata Concezione in via Addolorata, sempre a Portici.

Uscendo dalla cappella del Sacro Cuore, si trova la sagrestia, con l’apertura su un cortile ove erano ubicate le vecchie stanze dei frati. Qui è esposta la statua dorata in legno di Sant’Antonio con in una  mano la Bibbia e nell’altra il giglio – questi ultimi in bronzo – risalente al ‘400.

La porta del refettorio, che da accesso alle antiche camere dei frati, priva di restauro, risale al 1785; su di essa è posto il simbolo francescano.

All’interno del convento, dove ora ci sono le stanze attuali dei frati, denominata zona di clausura, il cui accesso era vietato alle donne,  sorge una lapide che attesta il passaggio di Papa Pio IX, che fu terziario francescano.

Vi è anche una lapide che ricorda il santo Frate Salvatore Iovino intorno a cui si sviluppa l’intera esperienza della comunità dei Frati Minori Conventuali.

Il secondo piano, destinato ad altre celle per i nuovi frati, è sorto successivamente; inoltre vi è anche un ulteriore piano.

Sul secondo piano si trova un altare portatile, quasi una piccola cappella ove era solita pregare la regina Maria Amalia di Sassonia; il messale che la correda, meravigliosamente intatto, risale al 1879.

Vi è poi una Biblioteca, i cui libri più antichi sono quelli dedicati ai canti gregoriani.

Nell’uscire, si ammira sul corridoio la pala dell’Immacolata Concezione dove la Vergine schiaccia il serpente, mentre intorno ci sono i simboli delle litanie lauretane; in alto c’è Dio Padre, sotto S. Francesco e Sant’Antonio in atto di adorazione e vi è scritto Opus factum villa Porticus. La scritta dimostra che l’opera venne realizzata a Portici; l’autore è probabilmente Fabrizio Santafede, l’anno il 1593.

Sul piano ci sono altri dipinti non restaurati del ‘700 e dell’ ‘800. Un particolare di grande rilievo è una stanza in cui sono conservati tutti i paramenti sacri antichi, alcuni risalenti al ‘500, segno che a Portici vi era un’industria manifatturiera antecedente all’epoca borbonica, nata e sviluppatasi pertanto prima di quella di San Leucio.

I tessuti sono pregiati, ricamati in oro e gemme preziose ; è conservato anche il paramento che papa Pio IX indossò durante la sua visita al Convento per officiare la Santa Messa.

Nel 1981 la chiesa di S. Antonio divenne Parrocchia.

Dopo la visita alle magnificenze del Convento, i visitatori appagati sono rimasti però amareggiati: tanti tesori della chiesa non possono essere esposti e valorizzati, o restaurati come dovrebbero a causa della mancanza di soldi che la Sovraintendenza ai Beni Culturali lamenta.

Cappella RealeLa Cappella Reale è a pochi passi, sul lato di fronte al Convento. L’apertura delle porte dell’edificio sacro svela il lusso degli arredi e la superba raffinatezza delle statue.

Fatta costruire nel 1738 dallo stesso re Carlo, inizialmente era destinata a teatrino di corte della Reggia, come si può notare dal palco riservato al re e alle regina, dalla presenza di altri palchetti laterali e dalla tipologia della pavimentazione; è probabile che  all’epoca il re e la regina andassero a messa nella chiesa di Sant’Antonio.

È possibile che all’interno della cappella ci fosse un accesso per raggiungere direttamente il Palazzo Reale.

Nel 1758 il piccolo teatro divenne cappella e fu corredata di bellissime sculture di San Carlo Borromeo, San Gennaro, Santa Rosalia e Sant’Amalia, distribuite lateralmente. Al centro, dietro l’altare, c’è la statua dell’Immacolata Concezione interamente dorata con una corona di 12 stelle, forgiata  con i bronzi ricavati dalla fusione degli oggetti non considerati esteticamente gradevoli rinvenuti negli scavi di Herculaneum,  cui diedero il via gli stessi Borbone.

Una lettera di Mozart datata 1770  testimonia la sua presenza alla cappella palatina dove pare sonasse il pregiatissimo organo positivo opera del 1750 di Tommaso De Martino , con due campate ciascuna di nove canne e cassa decorata con volute e motivi floreali. Fu posto nella cappella  nel 1755.

A conclusione della visita guidata, il Rettore della Cappella, nonché presidente di La Cetra Angelica e Superiore del convento, padre Bernardino Fiori, ha dichiarato con malcelata amarezza: «Abbiamo tante cose belle, pezzi importantissimi,  ma il materiale non è ancora esposto perché siamo in attesa delle bacheche».

Lo Speaker non può dire se e quando arriveranno le bacheche, se verrà finalmente valorizzato un tale patrimonio,  purtroppo poco conosciuto. Può sottolineare però l’importanza delle visite guidate che certamente hanno portato luce sulla grande storia e sulla profonda cultura del Convento di Sant’Antonio e della Cappella Reale.

(Foto by Tiziana Muselli)

 Tiziana Muselli

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →