La battaglia di Velletri

29 novembre 2013 18:17 0 commenti

Condividi questo articolo

Trionfo di Carlo di Borbone alla battaglia di Velletri, Francesco Solimena, 1744, Reggia di Caserta.

Nel 1734 Carlo III di Borbone, Infante Reale di Spagna, mosse dal Ducato di Parma con un grosso esercito ispagnolo, ricco di mercenari esteri, tra cui albanesi, valloni, irlandesi, corsi, francesi,tedeschi, svizzeri, italiani vari alla conquista del regno di Napoli e di Sicilia, combattendo contro le truppe austriache vicereali.

Vinse facilmente ed entrato a Napoli organizzò da subito un Regno, ridando l’indipendenza al Sud; con l’aiuto del toscano Benardo Tanucci, ministro di Grazia e Giustizia, Affari interni, Casa reale, Poste reali ed in seguito Primo ministro, attuò una politica di riforme illuminate, soprattutto contrastando gli abusi ecclesiastici e feudali, promovendo costruzioni edili pubbliche e private di primaria necessità, riforme giuridiche, incremento della Difesa costiera, favorendo la rinascita manifatturiera e industriale, ampliando gli scavi archeologici.

Inoltre fece rifiorire degli studi universitari, snellì il sistema fiscale e giurisprudenziale, protesse scienziati , letterati e filosofi tra cui il famoso Raimondo de Sangro.

Intanto l’Europa si muoveva nel quadro di una guerra di successione sl trono di Polonia, con le sue prime tre battaglie sui vari fonti di guerra dal 1743 al 1744, a Dettingen, Campo Santo, l’assedio di Cuneo e Battaglia dell’Olmo nel 1744, l’invasione del ducato di Modena, alleato dei franchi-spagnoli contro austro-inglesi-piemontesi,e una Prussia che tra 1741 e 1743 aveva militarmente annesso la Slesia sottraendola gli austriaci.

Carlo III aveva avviato una radicale riforma della flotta militare dopo l’onta del 1742 ad opera degli inglesi nel porto di Napoli e il 23 novembre 1743 aveva emanato un editto reale di costituzione del Reale Esercito Napolitano.

La compagine militare borbonica era composta da 32 reggimenti di fanteria di linea, di cui 6 di veterani spagnoli che avevano seguito Carlo sin dal 1731 in poi, 7 del Real Corso, 8 della Real Macedone, 4 reggimenti di veterani valloni, i reggimenti Hainaut, Namaour, Anversa, Borbogna, 4 reggimenti svizzeri al comando del colonnello Tschudy, zio del barone Henry, amico del principe di Sansevero, il Wirz, il Jaunch, il Besler,il reggimento albanese Corona, cui aggiunse i reggimenti provinciali del Regno con elementi nati in quello di Napoli e in quello di Sicilia.

A questi si unirono anche 16 reggimenti di fanteria indigena, esattamente il 17esimo Real Palermo,il 18esimo di Val di Mazzara, siciliano, al comando del colonnello principe di Calvaruso, altro amico del de Sangro, il 19 di Val di Noto – che dal 1763 prendera il nome di Siracusa, il 20esimo di Terra di Lavoro, i 21esimo di Capitana di Foggia, al comando del colonnello Raimondo de Sangro di Sansevero, il 22esimo del principato Citra il 25esimo di Abruzzo Ultra,il 26esimo di Abruzzo Citra,il 27esimo di Basilicata, il 28esimo di Otranto, il 29esimo di Bari, il 30esimo di Calabria Citra, il 31esimo di Calabria Ultra, il 32esimo di Fucilieri di montagna.

La cavalleria in particolare constava di 6000 Cavalleggeri: Dragoni, Lancieri, Ussari, Cacciatori a cavallo tra Linea e Guardia al comando del maresciallo di campo e ispettore della Cavalleria don Francesco Eboli duca di Castropignano.

Il reggimento Dragoni Borbone, era stato costituito a Parma con dragoni spagnoli e poi ricostituito a Napoli con elementi parte spagnoli e gran parte indigeni; il reggimento Ussari del Re venne invece formato nel 1735 e comandato dal colonnello Grimau, il reggimento Rossiglione, tutto di militari indigeni, di Stanza a Secondigliano, comandato dal colonnello Gabriele Carrascosa.

Nell’ambito della guerra per la successione d’Austria Carlo III dovette affrontare l’esercito imperiale austriaco, che constava di 35mila soldati, di cui 20 mila fanti di linea e 6mila cavalieri, 2mila dragoni a cavallo ungheresi, e centurie sciolte di Traci, Silvani, Illirici e 6mila Croati, al comando de generale principe Johann Georg Christian von Lobkowitz, che, partiti da Milano e da Mantova, si riunirono a Parma e da lì marciarono su Firenze Granducale, sebbene fosse neutrale, per poi ritrovarsi in campo trincerato a Civitacastellana nel Lazio pontificio; dunque mossero in due ondate, di cui una minore, con i duemila dragoni ungheresi verso L’Aquila e l’atra attraversando Roma si mosse verso Albano laziale e Viterbo, accampandosi a Velletri nel luglio del 1744.

L’esercito napoletano al comando dello stesso re Carlo e del Capitan generale spagnolo, il conte di Gages schierò 30mila soldati in Campania, di cui undici reggimenti tra spagnoli, valloni, svizzeri, albanesi, 500 dragoni spagnoli e 3000guardie del duca di Modena, ospite e alleato di Napoli,20 mila soldati esteri e in più 22 reggimenti di fanteria di linea e 5 squadroni di cavalleria napoletana di linea, e altri 19 mila soldati indigeni; altri reparti dal 1742 presidiavano le frontiere degli Abruzzi.

Le truppe napoletane in allarme si erano adunate a Sessa Aurunca e trincerate a Gaeta e da li avevano varcato di notte lo storico fiume Garigliano e per San Germano, Cassino, Pontecorvo avevano raggiunto Albano laziale nel luglio del 1744, accampandosi davanti a Velletri di fronte al nemico.

Il 10 agosto i reggimenti napoletani Corona e i Macedone, formati da mercenari albanesi e irlandesi, corsi e greci, avevano portato un rapido e improvviso attacco serale alle posizioni avanzate austriache di Velletri sul monte Gennaro; gli imperiali accusarono il colpo, ma il giorno dopo di notte rilanciarono attaccando a sorpresa l’accampamento dell’esercito napoletano.

Gli austriaci tentarono di catturare il re che dormiva con il duca di Modena in casa Ginetti, al centro di Velletri, mentre attaccavano a fondo il reggimento Corona, il Macedone e il Capitanata, uccidendo in battaglia il colonnello Mcdonald che tentava di dirigere la scorta verso il re, che intanto era stato avvisato da una vecchia contadina locale e fuggì seminudo a cavallo con il duca di Modena riparandosi in salvo tra il grosso dell’esercito napoletano.

Da fuori Velletri. il principe di Sansevero, sebbene febbricitante, diresse il suo reggimento Capitana per contrastare gli austriaci che avevano già occupato la cittadina e saccheggiavano le case.

Sebbene gli austriaci contrattaccassero in forze, le truppe napoletane reagirono duramente dai sobborghi con il generale Beaufort comandante della Brigata Vallone e don Francesco Saverio Statella principe di Mongialino, aiutante del re.

Costretti ad arretrare i nemici, i borbonici lasciarono di guardia due cannoni e i soldati di Fiandra con la loro cavalleria al comando del colonnello don Placido de Sangro.

I napoletani pur perdendo tra morti e feriti 1400 militari ebbero la meglio e occuparono Velletri; gli austriaci persero 2600 uomini tra caduti e feriti e 2000 ungheresi vennero fatti prigionieri, per poi passare subito al servizio di re Carlo III.

Gli austriaci chiesero e ottennero una tregua per seppellire i caduti e recuperare i feriti, approfittandone però per fuggire e riparare a Viterbo; inseguiti dalle truppe napoletane, passarono per Ponte Milvio a Roma e di li si rifugiarono a Monteriggioni in Toscana.

Re distribuì generosamente gradi, onorificenze, premi in denaro a ufficiali, sottoufficiali e soldati; inoltre elevò il conte di Gages a duca. Sciolse il reggimento Corona e fece ricostituire con volontari pugliesi il Capitanata del principe di Sansevero, copertosi di gloria ma decimato in battaglia.

Il giorno successivo l’esercito napoletano fu rinforzato da 6mila soldati spagnoli sbarcati a Terracina con l’infante reale don Filippo fratello del re di Napoli e Sicilia, sposato a Margherita de’ Medici di Firenze, dove Carlo III fu ospite mentre il suo esercito inseguiva gli austriaci sempre in ritirata verso Parma; si scontrò nel giugno del 1746 a Piacenza, dove tra i soldati napoletani vi furono 4mila caduti, mentre vi furono 8mila tra morti e feriti per gli imperiali, oltre a 2mila prigionieri. Occuparono poi la Città il 26 giugno 1746.

Il 22 dicembre arrivarono a Genova, dove la popolazione era insorta contro gli austriaci; intanto il principe reale don Filippo fu proclamato duca di Parma , Piacenza e Guastalla.

Il reggimento Capitanata del colonnello Sansevero fu mandato di guarnigione e ricostituzione a Gaeta.

Con il trattato di Aquisgrana del 1748 gli austriaci dovettero riconoscere indipendente il Regno di Napoli e Sicilia sin dal 1734 e ratificare il principe Filippo legittimo duca di Parma, dove questi entrò solennemente il 9 gennaio 1749 accompagnato dagli ambasciatori di Spagna, Francia e Napoli.

Il 23 novembre di 290 anni fa nasceva il Real Esercito Borbonico; nel suo primo cimento bellico fu vincitore, ma fu solo la prima vittoria di una lunga serie.

A Velletri rimasero a testimonianza del valore borbonico molti segni, soprattutto nelle opere militari e civili, come le strade scavate dal Genio militare napoletano sul monte Artemisi

(Foto di copertina: “Trionfo di Carlo di Borbone alla battaglia di Velletri”, opera di Francesco Solimena, 1744, Reggia di Caserta)

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →