Intervista al regista Marco La Gala

22 ottobre 2014 09:15 0 commenti

Marco La GalaTerra dei Fuochi. Terra baciata da Dio e maledetta dagli uomini. Una terra dal nome romantico, che evoca esotici orizzonti.

Niente di tutto questo; quei fuochi sono il male che ne distrugge le viscere, che semina morte e patologie cancerose e metaboliche. Una morte lenta ed inesorabile, se non s’interviene.

Marco La Gala, giovane regista di Nola, città della Campania spesso teatro degli incendi di rifiuti speciali, nel 2013 ha prodotto il film “ Nella Terra dei fuochi”, dove tratta dello scempio perpetrato sulla nostra terra.

Il docufilm non è un semplice atto di denuncia ma piuttosto vuole lanciare un messaggio di speranza.

Per saperne di più Lo Speaker è andato a Parigi  per intervistare Marco La Gala.

Qual è stata la tua formazione professionale?

A Napoli ho studiato Lettere Moderne ala Federico II. Poi mi sono trovato in Francia per lavoro e qui ho iniziato a studiare cinema all’Università Parigi8.

Il tuo è un docufilm con personaggi reali che vivono questo problema sulla loro pelle. Hanno accettato di buon grado di farne parte?

Si. L’idea di questo film è abbastanza vecchia: mi è nata nel 2008 quando un mio amico di Nola, studente di medicina, mi chiese di collaborare con lui ad una ricerca sui rifiuti del territorio.

Nella nostra ricerca ci trovammo davanti a rifiuti di ogni tipo, non solo immondizia: rifiuti speciali e quant’altro, ma soprattutto ad un container abbandonato nelle campagne di Acerra. Pensai che fosse pieno di sostanze tossiche: intorno aleggiava una puzza tipica che pizzicava in gola e faceva bruciare gli occhi … Non so cosa fosse, ma sicuramente non faceva bene, è poco ma sicuro.

Dopo questa esperienza abbiamo fondato un’associazione, un gruppo che si chiama “Rifiutarsi”.

La lotta ambientale divenne per me un impegno: avendo passione anche per il cinema decisi allora di girare un documentario.

Iniziai a fare ricerche sul campo, andavo nei posti dove scaricavano rifiuti. Man mano incontravo persone potenziali protagonisti del film.

Poi i sono reso conto che dovevo andare ancor più in profondità, cioè il problema c’era, anche se ne parlavano in pochissimi. Il problema dell’eliminazione dei rifiuti che viviamo in Campania infatti è molto più radicato in profondità di quanto riusciamo a vedere.

Poi ho incontrato Nunzia Lombardi, un’attivista ambientalista storica della zona di Marigliano. In quel momento Nunzia cominciava a lavorare con la cooperativa sociale “Ottavia”, legata alla cooperativa “Libera”.

In quel momento ho capito che quello che stavano facendo era la storia che volevo raccontare. Nunzia e “Ottavia” stavano recuperando un terreno agricolo abbandonato da più di quindici anni. Lo stavano ripulendo dai rifiuti che vi erano stati scaricati. Per “fortuna” si trattava solo di rifiuti urbani.

Terminata l’operazione di pulizia, l’hanno riportato alla sua fruizione originaria di terreno destinato alla produzione di beni agricoli. La piccola cooperativa, composta da quattro persone, senza aiuto è riuscita a riprendersi un pezzettino del nostro territorio. Solo mezzo ettaro, ma sono riusciti a ottenere prodotti puliti, sani facendo ricorso all’agricoltura tradizionale.

Ecco perché ho fatto un film su di loro: erano i protagonisti ideali.

Perché i rifiuti tossici vengono sempre sversati negli stessi luoghi?

È molto semplice: non ci sono i controlli necessari. Per esperienza diretta so che vengono depositati sempre negli stessi posti e alla stessa ora. Volendo seriamente  intervenire, le autorità preposte dovrebbero metterci più impegno e avere a disposizione mezzi adeguati. Così si riuscirebbe ad arginare il problema, se non a farlo scomparire del tutto.

Lo sversamento illegale dei rifiuti è imputabile solo alla camorra?

Per quanto riguarda quelli tossici, senz’altro. Poi ci sono i cittadini che abbandonano nelle strade sacchi di rifiuti domestici.

Altri rifiuti sono depositati illegalmente da piccole industrie che magari lavorano in nero. Lavorando in nero non fatturano e quindi non possono sversare se non a nero, scaricando nelle campagne. Se qualcuno che esegue un lavoro per noi e ci chiede di non fare fattura, magari proponendo uno sconto, tutta i materiali in surplus, macerie, pneumatici, batterie esauste o quant’altro, finisce sversato illegalmente, e non può essere diversamente. Paradossalmente, paghiamo anche una tassa per i siti di sversamento autorizzati.

Ci sono altre connivenze? Se i rifiuti speciali hanno una loro tracciabilità, possibile che lo Stato non si sia mai reso conto che succedeva?

Su quest’aspetto ci sono tantissime indagini in corso. Si dice che centtrssero in qualche modo i servizi segreti. Ma la situazione non è per nulla chiara. Ad esempio nel 2009 si è introdotto il SIS.TR.I., il sistema di tracciabilità satellitare dei rifiuti industriali, ma ancora oggi non è enrato in vigore. Al di là delle mille promesse, dopo la grande attenzione sulla Terra dei Fuochi non è stato attuato nulla. La situazione non è cambiata: i rifiuti continuano ad essere scaricati, bruciati. Non si dice che se negli anni passati il problema principale era l’interramento dei rifiuti, adesso si ricorre più spesso alla pratica ben più pericolosa i bruciarli. Se i rifiuti interrati inquinano suolo e falda acquifera, quelli bruciati rischiano di inquinare tutt’e tre le matrici ambientali: acqua, terra e aria.

Ai Vigili del Fuoco, Carabinieri, ARPAC (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale in Campania) mancano tutti i mezzi per arginare il fenomeno.

Al di là dell’accertamento del nesso di causalità, non è una cosa normale che si continuino a bruciare rifiuti. E chi ci rimette è sempre il cittadino. Gli unici che realizzano un guadagno sono i criminali, che riescono a sguazzare in questa situazione indefinita, nebulosa.

Qualche giorno fa il tuo film è stato proiettato a Washington D.C. Com’è visto all’estero il problema Terra dei Fuochi?

Il fenomeno devo dire che viene seguito con molta attenzione. Abbiamo cercato di informare, di far capire che il vero problema non sono i rifiuti urbani, ma l’eliminazione illegale di quelli industriali e speciali. Spero che il mio film dia un piccolo contributo e faccia sapere al mondo che non si sta distruggendo solo un territorio, i suoi abitanti e un’economia, ma una cultura millenaria e il suo grande patrimonio.

Come sarà il futuro della nostra terra?

Anche in Italia oggi c’è molta più sensibilità, le cose sono cambiate e chissà che un giorno si riesca veramente ad eliminare questo scempio. Certo, si dovrà controllare non solo la grande industria ma anche quella piccola e media, perché se il problema non si monitora alla base si rischia solo di spendere soldi.

Lo stesso discorso vale per le bonifiche. Bonifiche di cosa? Ci sono aree come ad esempio le cave Resit e Roccaraìnola, Masseria Monti: lì c’è proprio di tutto. Buona parte dei rifiuti dovrebbero essere spostati, smaltiti in modo sicuro. Ma sono varie sostanze tossiche che si sono amalgamate, ormai. Chissà cosa ne è venuto fuori.

Da queste aree escono fumi: non sono fumarole, ma veleni chimici. L’aria è irrespirabile: più d’una volta ho dovuto effettuare le riprese con la mascherina a doppio filtro.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Farò un altro film, ma non sul tema ambientale, anche se rimarrò comunque impegnato attivamente con “Rifiutarsi”. Sul sito si possono seguire le nostre attività, concentrate soprattutto nel nolano. Siamo pochi, ma stiamo comunque cercando di avere in concessione un terreno confiscato alla malavita organizzata. Non so se ci riusciremo, ma ci stiamo battendo per questo.

Uno dei temi del mio film e proprio quello dell’abbandono dei campi. Mi sono reso conto che i terreni abbandonati cadono nelle mani della camorra che poi vi interra rifiuti o ve li brucia sopra. Dagli anni ’90 in poi sono venute fuori queste realtà e man mano hanno generato la psicosi che tutti i terreni sono contaminati e così i contadini non riescono a vendere i prodotti della terra. Si è instaurato un circolo vizioso. L’agricoltore abbandona i campi perché non riesce più a guadagnare; i terreni cadono nelle mani della camorra.

Nel film sottolineo che è proprio questo che cerca di fare la cooperativa “Ottavia”: interrompere il circolo. Ma non solo loro: ce ne sono altre, come “Resistenza” la “Nuova cucina organizzata”, “Libera terra”e ne stanno nascendo ancora Riprendersi pezzetti del proprio territorio significa non solo arginare i fenomeni malavitosi, ma è anche un modo di difenderci con un’agricoltura più pulita possibile e creare posti di lavoro. Dal Vesuvio fino a Terra di Lavoro la zona è sempre stata agricola, ma purtroppo stiamo perdendo questa tradizione. Sarebbe questo il modo di proteggere noi stessi e il territorio dando una mano all’economia.

Non vedo la situazione della nostra terra completamente nera: qualcosa si sta muovendo. Lentamente, ma le cose stanno cambiando.

Cosa pensi della campagna mediatica negativa di cui la Campania ultimamente è al centro?

Assolutamente sbagliata. Bisogna dire con forza che, se è vero che ci sono zone estremamente inquinate, sono microaree su cui bisogna intervenire e metterle in sicurezza. La stragrande maggioranza del territorio campano è sano e i nostri prodotti sono più puliti di quelli delle zone agricole del nord Italia. Prima della rivoluzione industriale, i nostri fertilissimi terreni riuscivano a dare fino a tre raccolti all’anno senza aiuto di fertilizzanti o pesticidi. Grazie ad un clima formidabile, la terra era una ricchezza enorme. Ce la stiamo bruciando con i rifiuti. E per questa psicosi alimentata da certi mass media i nostri prodotti non si vendono più. I cittadini non si sentono tutelati e ovviamente si preoccupano. Sta dunque allo Stato intervenire.

Per quanto riguarda il cinema?

Farò un altro film, ma non sul tema ambientale, anche se rimarrò comunque impegnato attivamente con “Rifiutarsi”. Sul sito si possono seguire le nostre attività, concentrate soprattutto nel nolano. Siamo pochi, ma stiamo comunque cercando di avere in concessione un terreno confiscato alla malavita organizzata. Non so se ci riusciremo, ma ci stiamo battendo per questo.

(Foto by Marco La Gala)

Tonia Ferraro

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →