Il racconto: Chi la dice, l’aspetti

6 febbraio 2013 23:03 0 commenti

Condividi questo articolo

Un’atroce realtà lavorativa, fatta di disillusione e meschinità, questo è il bassofondo di questo racconto di Fabio Giampaglia. Una mondo neanche tanto distante dalle nostre realtà quotidiane, tanto povere di significati e di etica. Dove c’è un lavoro che ti annienta e stavolta lo fa, non soltanto fisicamente e mentalmente, ma anche moralmente; ti distrugge nella dignità di uomo tra gli uomini, ti spinge a voler vedere il male dappertutto, ti mostra i fantasmi altrui mentre, la tua anima ne deborda di propri.

Tra le parole di un quotidiano e autoassolutorio registro, tre compagni di lavoro biascicano la loro quotidiana frustrazione, gettando i loro strali verso chiunque reputino asservito al sistema, dimenticando però di essere anche loro vittime dello stesso; la questione è solo una, il prezzo al quale vendersi.

Buona lettura!

Ciro Teodonno

 

Chi la dice, l’aspetti

di Fabio Giampaglia

 

Ciro Scotto stava a gambe aperte piegato con le mani in avanti sulla scrivania dell’ufficio del dottor Morabito.
Con il culo all’aria aveva fatto le chiappe fredde fredde.
Tremava. Sudava. Si stava letteralmente cacando sotto.
Dietro di lui il dottor Morabito, con l’uccello in mano, e con lo sguardo di un mastino napoletano in calore. Due grossi energumeni, vestiti tutti di nero, stavano fermi davanti alla porta.
Chiunque, se gli avessero preannunciato una situazione del genere, si sarebbe messo a ridere.
Ciro Scotto no. Anzi, aveva detto: «Per 500 euro in più al mese, a Morabito gli do pure il culo.»
Furono le ultime parole famose di un povero cristo, impiegato di sesto livello alla Tetrac S.p.a.

Sei mesi prima …

Il distributore del caffè faceva un rumore metallico mentre preparava la bevanda.
Ne uscì un espresso color merda sciolta.
Se lo spartirono in tre. Ciro Scotto, Antonio Romano e Alfredo Mosconi, quest’ultimo soprannominato spruzzino, perché quando parlava sputava dappertutto schizzi di schiuma bianca.
A loro quella merda piaceva.
«Avete saputo degli incentivi?» fece Romano, girando la stecchetta per lo zucchero.
«Ho saputo» rispose Ciro.
«Io no» se ne uscì preoccupato Mosconi.
Romano: «Più soldi per tutti tranne che per noi.»
«Cazzo dici?»
«Dico quello che ho sentito. Tutti tranne che a noi tre» ribadì. «Il sindacato se ne fotte, e il Gran Capo fa quello che cazzo gli pare.»
«Chi, Morabito?»
«Proprio lui.»
«Merda!»
«Da quando abbiamo fatto quel casino pazzesco. Siamo noi che abbiamo alzato la voce per avere gli incentivi, e quello hai capito cosa fa? A tutti e a noi niente. E’ il suo modo di vendicarsi. Ci aveva avvertito che stavamo giocando con il fuoco, e alla fine…»
A Mosconi gli era passata pure la voglia del caffè. Il suo umore, mediamente basso, prese una piega ancora peggiore. Cominciò a bofonchiare qualcosa sputacchiando fiotti di saliva.
«Ho sentito dire un’altra cosa pure» fece Ciro, con la cazzimma di Alfonso Signorini, quando racconta a tutta Italia i cazzi degli altri.
I due lo guardarono trepidanti.
«La conoscete la Brandi?»
«Chi, la troia bionda del terzo piano?»
«Proprio quella la. Ho sentito dire che gliel’ha data a Picciolli, il Direttore Generale.»
Romano sbarrò gli occhi come uno zombie.
Mosconi scatarrò anche il mezzo sorso di caffè che aveva deciso di mandare giù.
«Da non credere, vero?»
«Che zozzona!»
«Che troia! Ecco come ha fatto ad avere l’ottavo.»
Ciro Scotto sapeva i cazzi di tutti. E di questo non c’era da meravigliarsi. Quello di cui c’era da meravigliarsi era come cazzo facesse a saperlo. Era il suo hobby. Scoprire e sapere tutto di tutti. Se eri nascosto nel buco del culo del mondo, stai certo che Ciro Scotto sarebbe venuto a saperlo. Ti avrebbe scoperto.
Ciro Scotto era brutto. Aveva il naso di un maiale e i denti a cavallo. Non era sposato. Non era fidanzato. E quel che è peggiore, è che si credeva pure bello. Aveva le gambe come due rami storti e la pancia di una al sesto mese di gravidanza. In testa aveva un mucchio di capelli, e quando si grattava, faceva strage di pidocchi.
A un certo punto, mezzo divertito, Ciro se ne uscì con un’altra delle sue. «All’incirca un mesetto fa mi è capitato di ascoltare una conversazione tra donne. Una cosa che non vi potete immaginare.»
«Chi sono le galline in questione?» domandò incuriosito Romano.
«A parte la Brandi, che all’epoca era ancora immacolata, c’erano la Piscopo e la Migliaccio. Ero chiuso nel cesso delle donne. Ero talmente strafatto di sonno che non mi sono nemmeno accorto di aver sbagliato bagno. A un certo punto ho sentito un vociare di donne. Solo in quel momento mi sono accorto di aver fatto una stronzata. Comunque, per non tirarvela a lungo, hanno cominciato a parlare di pompini.»
«Pompini?» trasalì eccitato Mosconi, con un rivolo di bava all’angolo della bocca. «E cosa dicevano, e? Dai, raccontacelo.»
«Ho riconosciuto subito le loro voci. La Brandi diceva che se le fosse capitata l’occasione, un pompino a chi sa lei lo avrebbe fatto senza pensarci due volte. Ma da come vi ho detto, è andata ben oltre. La Piscopo invece ha detto che le faceva schifo succhiare l’uccello degli altri. Lei quella cosa la faceva solo a suo marito.»
«E la Migliaccio?» volle sapere Mosconi, con un’espressione tra lo sconvolto e l’arrapato.
«La più sporca è proprio lei» rivelò Ciro. «Ricordo che ha detto: “Mica è la fine del mondo. Bisogna pur fare qualche sacrificio per fare carriera. Se per voi sacrificio vuol dire limitarsi a un pompino…”. A quel punto, la Brandi le ha domandato fino a dove sarebbe stata disposta a spingersi. E sapete che ha risposto?»
«Cosa?» chiesero in coro i due.
Ciro fece segno di tre.
«Una cosa a tre?» trasalì Romano.
«Che zozza!» esclamò Mosconi.
«Dici bene. Una gran zozza.»
Poi Romano imbastì un’espressione seria, anche se con molto sforzo. «Se io fossi una donna, una cosa del genere non la farei mai.»
«Nemmeno io» fece Mosconi.
Ciro Scotto, in totale disaccordo, chiarì subito la sua posizione. «Se io fossi una donna, sarei una gran mignotta. Ma vi rendete conto? Le donne c’hanno un tesoro in mezzo alle gambe, e la maggior parte di loro non se ne rende ancora conto.»
«Effettivamente è un dettaglio che non va trascurato» osservò Romani, «un deterrente da sfruttare però solo in casi estremi.»
«Ragazzi, siamo seri» s’incavolò Ciro. «Per 500 euro in più al mese, a Morabito gli do pure il culo.»
I due scoppiarono a ridere.
Anche Ciro si mise a ridere, ma nel suo sorriso c’era qualcosa di perverso; un ghigno che rivelava la sua natura corruttibile.
Romano tornò di nuovo serio. «Spero tu stia scherzando.»
«No» replicò prontamente Ciro.
«Fai schifo» se ne uscì disgustato Mosconi.
La pausa caffè era terminata.
La paranza si sciolse.
Dopo quei discorsi, a Mosconi era salita una gran voglia di spararsi una sega. Ma doveva trattenersi e aspettare di fare ritorno a casa.

Sei mesi dopo.

Morabito era lì, come un cavallo selvaggio, pronto a castigare la sua preda. Davanti ci aveva il culo bianco formaggino e pieno di peli di Ciro Scotto. Il poverino era terrorizzato. Ma ce l’aveva voluto lui.
«La…la…pre…go, do…t…tore» balbettò. «Ci avrei ri..ri..pensato.»
«Nemmeno per sogno, Scotto. Non può tirarsi indietro. Troppo tardi.»
Ciro si voltò e continuò a supplicarlo.
«Tenetelo fermo» comandò Morabito ai due energumeni.
I due afferrarono Ciro, e lo tennero fermo contro il tavolo, aspettando che il Gran Capo passasse all’esecuzione.
Il poveretto sudava freddo.
Il cuore gli marciava in petto come un tamburo.
Sentiva che stava per svenire.
Meglio.
Schizzato com’era, Morabito lo avrebbe castigato anche incosciente.
Non se ne sarebbe nemmeno accorto.
I gorilla continuavano a tenerlo forte.
Aveva il culo gelato e il buco stretto e tirato come quello di una formica.
Se Morabito sceglieva di andarci piano, come minimo ne avrebbe sentito gli effetti per una settimana. Il pensiero che lo schizzato ci provasse gusto nel vederlo soffrire, gli fece immaginare il peggio.
Ciro aspettava solo di svenire. Di crollare a terra. Di sprofondare nel mondo dei sogni. Sentiva che c’era vicino. Molto vicino.
Ma quando cazzo sveniva?
Provò un ultimo tentativo. «La prego, mi lasci andare.»
«Spiacente» replicò imperterrito come un boia Morabito. «Colpa dei tuoi amichetti che hanno messo in giro questa storia dei 500 euro. Dovevi aspettarti che quei senzacervello non avrebbero tenuto la lingua a freno. Sei stato un ingenuo. E io ho deciso di volerti aiutare. I 500 euro in più al mese te li voglio dare.» E iniziò a smascellarsi con un desiderio sadico stampato sulla faccia. «Sei stato tu a dettare le condizioni» continuò a infierire.
«Verbali, solo verbali» provò a giustificarsi Ciro.
«Verbali o no, io sono uno che mantiene sempre le sue promesse.»
Morabito si lanciò come un mulo.
Ciro non svenne.
Zac. Pochi minuti e fu tutto finito.
Il povero Ciro Scotto tornò placidamente alla sua scrivania, con un aumento di 500 euro al mese e una nuova storiella da raccontare.
Quando si mise a sedere, coraggiosamente, si limitò a una smorfia di dolore.

(Fonte foto: web)

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →