Il racconto: Aurea serenitas

2 ottobre 2013 16:32 0 commenti

Condividi questo articolo

Ancora un breve racconto di Michele Di Iorio, dove la narrazione si sfuma nei toni onirici di una realtà parallela e trascendente, tra ricordi di esperienze già vissute e strazianti aneliti che albergano tenaci nella profondità dell’anima.                                          

Una lettura a tratti forte, stemperata dalla dolcezza dei rimpianti e nello stesso tempo vivificata dall’ansia della comprensione.

Parole tutte da leggere, da meditare, da riconoscere.

Lo Speaker

Aurea Serenitas

Ricordo che avevo appena 8 anni quando una mattina gelida del novembre del 1965 mi svegliai improvvisamente all’alba nell’avita casa in Napoli, per andare all’antica scrivania della biblioteca di mio padre; sedendomi sotto lo stemma baronale dei San Barbato guardai trasognato il motto araldico familiare Aurea serenitas.

Mi posi dunque a scrivere con una delle penne d’oca e inchiostro di nero di seppia, mentre la mia mano era in preda ad uno strano torpore e quindi soffusa di un lieve calore, alternato a freddo, mentre l’aria gelida ma sopportabile aleggiava tutt’intorno e dentro di me, dandomi una misteriosa sensazione di vertigini.

Come un automa vergai fogli su fogli, velocemente e con un sorprendente distacco interiore da tutta la realtà esterna.

Quando stanco e con il braccio indolenzito mi fermai, grande fu il mio stupore nel rileggere un brano storico di cui al momento non compresi nulla. Eppur avevo scritto con la furia veloce di una mano sapiente

Dieci anni dopo rileggendo quei fogli compresi tutto e pubblicai un libro storico in otto volumi, Historia del Reame delle Due sicilie dal 1734 al 1861 e del Ducato di Parma sotto i Borbone dal 1748 al 1859.

L’anno successivo, dopo aver visitato in gita scolastica l’antro della Sibilla di Cuma, tornato a casa provocai inspiegabili piccoli incendi di carte, tende, giornali, elenchi telefonici, tutti fortunatamente e tempestivamente spenti da mia madre.

All’età di undici anni svuotai un vecchio acquario per farne un formicaio dove imprigionai formiche rosse e costruii una pila elettrica rudimentale; due anni dopo scrissi un trattato sulla strategia militare dell’ottocento e iniziai a fare esperimenti di alchimia in laboratorio e di notte cerchi magici evocativi tra candele, fumigazioni di incensi, recitando formule tratte dal libro egizio dei morti o dal kibalion.

Evitai però in seguito di “farmi comandare” la mano per scrivere in modo automatico e quasi incosciente: cominciai invece a comporre versi d’amore.

Brillai a scuola in materie come storia, letteratura, chimica, con approfondimenti sull’archeologia egiziana ed etrusca.

Il 22 marzo 1971, a 17 anni d’età, mentre ero a scuola cominciai a tremare in modo strano, e lampeggiando con gli occhi convinsi compagni e compagne di classe a “fare filone”; ci dirigemmo verso il vicino Museo di Sansevero e rimirammo il Cristo velato, le macchine anatomiche, la statua del Disinganno, la Pudicizia velata, il soffitto affrescato con la Gloria de Paradiso, la tomba dove non fu mai seppellito il principe Raimondo de Sangro, la cripta della Fenice con il suo laboratorio alchemico.

Quello stesso pomeriggio andai in visita in casa del principe d’Aquino di Caramanico:  con lui scoprii la capacità di far parlare antichi documenti, vecchie carte del passato della famiglia de Sangro.

Guardando dal balcone del piano nobile del palazzo la sottostante piazza San Domenico Maggiore, con la chiesa barocca e l’Obelisco della peste al centro, i palazzi nobiliari e gli antichi ruderi romani, la pasticceria di Scaturchio, avvertii nella casa tenebrose presenze del 1590 …

Sul terrazzo interno e lo scalone del 1718, tra gli affreschi del Celebrano dell’androne  e quelli delle 4 stagioni al piano ammezzato sulla destra del portone … ma vidi anche quelli seicenteschi ormai spariti di Belisario Corenzio … accarrezzando le foglie vive di una pianta, rabbrividii ricordando il giovane principe e agronomo Michele de Sangro, morto nel 1891, centovent’anni dopo la morte solo fisica dell’avo Raimondo …

Il giorno dopo mi scoprii studioso in modo ossessionante di aradica nobiliare e divenni esperto di chimica e di alchimia, di fisica naturale, di zoologia, di kabala, di astrologia,di filosofia ermetica occidentale,di teurgia, di ipnosi regressive, di reincarnazioni …

Nell’ottobre del 1977 a Portici ebbi la fortuna di studiare un ermetista famoso morto nel 1893, che aveva un proprio dono geniale dono di annullare la dimensione tempo-spazio:mi riferisco ad Izar, fedele ai sacri dettami della memonica arte del filosofo Giordano Bruno da Nola, al secolo Pasquale de Servis, il maestro di Kremmerz … al secolo Ciro Formisano.

Un anno dopo per l’inaugurazione di una nuova gilda o lodge associativa in Boscoreale, intitolata a Giustiniano Lebano, visitai per la prima volta – era il 9 settembre 1978 -la famosa Villa di Lebano, morto nel 1910 e seppellito nella reale arciconfraternita dei nobili del cimitero di Torre Annunziata.

Fresco di un seminario di studi di Giurisprudenza dell’Università “Federico II”, mi fece un certo effetto ritrovarmi nella casa di un avvocato famoso, in un ambiente antico, disadorno, quasi abbandonato, un’ ampia sala di colore azzurro dall’alto soffitto dove si trovava una biblioteca di noce con 5000 volumi rari e preziosi e 2033 manoscritti ancor più preziosi, in specie egiziani, di cui nove tomi del manoscritto della Maria del Kremmerz, morto a Nizza nel 1930 e seppellito nel cimitero della Fenice della cittadina francese.

Proseguii nella sala continua dipinta in rosso con un finestrone scardinato e poi per la scalea che portava alle cantine; a lato di esse v’era una grossa anfora romana degli scavi di Oplonti.

Scendendo nelle cantine di Villa Lebano, avevo nelle orecchie il rumore del vento che soffiava all’esterno e le grida strazianti di una donna giovane forse in la vestaglia in preda alle fiamme … una mia visione … doveva essere il 1885 … aveva un bambino ancor vivo ma febbricitante in braccio …

Arrivai nella parte centrale della cantina, nel tratto più oscuro, tra botti di vino e scalini di tufo, aprendo con una grossa e rugginosa e antica chiave la porta della cripta ancor più sotterranea con 12 scranni di pietra levigata posti su un pavimento nero e bianco e un’iscrizione sulla parete di fronte.

All’interno di quella camera di sinedrio – ma di cosa non riuscivo a capire – sentivo il respiro di drago del vicino Vesuvio, il padre vulcanico, il dio protettore e distruttore della Campania, la cui linfa vitale creava vita visibile e invisibile da millenni …

Lo sguardo della mia mente ritornò allora a Calata Sansevero di Napoli, ad un circolo culturale, un’associazione di amici pittori e di scultori habitué della vicina Cappella Sansevero tra polvere bianca di proiezione alchemica … a Napoli, in un sotterraneo riaperto il 21 dicembre 1994, tra cancelli e ossa umane simili al Cimitero delle Fontanelle, ma più antico ancora, tra due candelabri con i ceri accesi. Quanti ricordi, quante ricerche che rivivevo con commosso pianto interno.

E poi, varcavo il cappellone del crocifisso nella chiesa di San Domenico Maggiore, guardando l’affresco del Caravaggio e quello dello stesso soggetto del pittore Battistino Caracciolo, in omaggio alla doppia morte, accompagnato dal suono di una musica seicentesca di Baldassare Vitale da Cremona ripresa poi agli inizi del ‘700 da Pergolesi e nel 1770 col titolo di Marcia del Principe da Mozart in un concerto dato al Palazzo dello Spagnolo ai Vergini davanti alla compiaciuta nobiltà partenopea …

E poi tutto sparisce coi ricordi in me come quel giorno del 2007, quando un vento gelido spazzò via la stanza, spegnendo i fuochi dei due candelabri accesi e apparve la giovane sophia , la conoscenza o la non morte fisica, l’arcano arcanorum

Michel di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →