Il galoppatoio coperto, una meraviglia riscoperta

9 giugno 2014 08:10 0 commenti

DCIM100MEDIAPORTICI – Il maneggio coperto di Palazzo Mascabruno, all’interno del sito Reale di Portici, fu completato nel 1799; una meraviglia simile si trova solo a Vienna; sebbene quest’ultimo sia più alto e riporti archi interni, è proprio dalla meravigliosa opera porticese che è stato tratto il progetto del galoppatoio di Schönbrun, realizzato solo tre anni dopo.

La direzione dei lavori per il Restauro e recupero funzionale è affidata all’architetto Ciro La Greca.

Lo Speaker ha avuto la possibilità, in anteprima, di visitare il cantiere, grazie alla disponibilità dell’assessore all’urbanistica Architetto Stefania Caiazzo dell’Amministrazione comunale di Portici, committente dei lavori con i Fondi PIU Europa. I lavori sono di una certa complessità tecnica, in particolare per quanto attiene il restauro della struttura lignea costituita da capriate in stile palladiano a supporto della copertura e del controsoffitto, sempre ligneo, quest’ultimo di una bellezza unica di arte e tecnica.

Prima di affidarci a Massimiliano Sampaolesi, direttore restauratore della ditta Giovanna Izzo Restauri,  per la visita al cantiere l’architetto La Greca ha sottolineato che «il lavoro è completamente documentato in ogni sua fase. La tecnica cammina pari passo con il restauro, anche per ragioni di sicurezza pensando alla futura destinazione, a grande spazio coperto capace di ospitare circa trecento persone. Non è dunque solo un problema di restauro, ma anche di consolidamento, e nel contempo bisogna stare attenti a non alterare l’originaria struttura settecentesca con elementi, per quanto necessari ed indispensabili, estranei alla storicità del manufatto, unico del periodo in Europa.

Le ditte coinvolte nel restauro sono due, distinte per specificità: la Ditta Izzo Mario, rappresentata da Francesco Paribello, è alle prese con il consolidamento statico delle murature, delle volte e dei solai, oltre a definire una nuova distribuzione interna dei locali adibiti ai vari servizi completi di impianti vari. L’altra Ditta, la Giovanna Izzo Restauri, rappresentata dal restauratore Massimiliano Sampaolesi, è specifica invece per il restauro dello scalone, delle capriate, del controsoffitto ligneo e delle leghe metalliche».

Lo stesso Sampaolesi ha dichiarato:

«Questo corpo di fabbrica era nato per motivi diversi e soprattutto in origine insisteva su di una strada più scoscesa. I Borbone erano molto attivi per quanto riguarda l’equitazione; qui si addestrava il corsiero napolitano, una razza equina creata da un incrocio col cavallo murgese da trekking, rozzo e forte, e un cavallo spagnolo. Nelle ultime fasi di affinazione fu incrociato col cavallo da battaglia romano, e ne venne fuori lo splendido corsiero, bello, forte, affidabile in combattimento.

Una struttura preesistente venne dunque adattata a galoppatoio coperto; fu innanzitutto sventrata, come dimostrano in alto le cornici marcapiano che indicano che in realtà fosse più basso e suddiviso in maniera diversa. La parte inferiore fu poi riadattata per costruire il maneggio privato del re. Sulla base di alcune pertinenze che abbiamo trovato, ma anche sul modello viennese, possiamo dire che l’importante scalone in pregiato piperno di cava alta e quindi più chiaro, succedeva all’ingresso, attualmente chiuso ma sarà attivo dopo i lavori.

Vista, la sua imponenza, non era sicuramente una scala di servizio ma piuttosto l’ingresso usato dal re per raggiungere le scuderie passando direttamente dal giardino; poi  c‘era il passaggio per accedere al galoppatoio per fare dressage.

Anche l’ambiente circostante doveva essere decorato, come si evince dalla nicchia di m 1,80 x 3 dove probabilmente trovava posto una scultura equestre, e dai resti di una cornice centinata, che faceva supporre la presenza di affreschi.

In questo ambiente abbiamo rinvenuto il disegno di un pentagramma eseguito con una matita detta sanguigna, in uso fino all’inizio dell’800, e il graffito di un galeone con bandiera inglese.

Gli inglesi furono a Napoli dal 1806; poiché le due raffigurazioni sono state trovate sullo stesso strato, è plausibile supporre che siano coeve e risalgano a quel periodo o poco dopo.

DCIM100MEDIAQuando abbiamo iniziato i lavori, le pareti avevano una superfetazione pittorica di colore rosso; abbiamo dunque rimosso diversi strati grattandoli con l’apposito bisturi, fino a raggiungere quello originario in gesso marmorino bianco, che ha un effetto lucido.

Per quanto riguarda l’ambiente del maneggio è da ammirare la magnifica opera delle capriate palladiane. È una capriata in legno di castagno: la regione d’eccellenza fornitrice di questo legno era la Calabria; sulla Sila gli alberi venivano fatti crescere perfettamente diritti, e quindi facili da lavorare.

[fornace]Qui è ancora in sito i resti di una piccola fornace posta nella parte della struttura adibita a vari ambienti di servizio; la sua presenza non si spiega se non con il fatto che appartenesse alla struttura precedente, dove probabilmente si realizzavano manufatti in porcellana.

La capriata dunque resterà a vista?

Si; è prevista anche una scala interna che porterà al sottotetto per la  manutenzione ordinaria della capriata ma anche per dare la possibilità di poter visionare dall’alto queste componenti strutturali che poi sono elementi di altissimo valore di tecnica e di valore architettonico. Sarà una possibilità in più per ammirare quest’opera in tutta la sua grandezza che altrimenti andrebbe persa.

È un esempio della controsoffittatura napoletana: la capriata era celata da due teli di juta su cui fu passata una mano di gesso. In questo caso ci potevano essere anche i decori, ma abbiamo solo trovato residui della tela e dei giornali datati inizio ‘900 che all’epoca venivano usati per la manutenzione delle tele.[capriata]

La capriata aveva dunque funzione anche di sostenere il controsoffitto; la struttura delle capriate a supporto del tetto si trova invece quattro metri più sopra.

Probabilmente chi ha realizzato questa struttura era un maestro d’ascia, un costruttore di navi, perché vi sono delle centinature che iniziano da una parte e finiscono dall’atra ad intervallo di cinque tra le varie sezioni.

Le stesse centine erano utilizzate nella costruzione delle barche: praticamente questa controsoffittatura è un chiglia rovesciata: è stata realizzata con la tecnica usata dai carpentieri dei cantieri navali.

Un’opera unica; di così non se ne ritrovano di uguali. Si fa una scoperta ogni giorno: ci sono voluti mesi per conoscere il progetto originario, ammesso che sia stato interpretato nel modo giusto … Sarebbe un delitto non darne la possibilità di a tutti di ammirarla: il visitatore dovrà avere la possibilità di ammirarne la maestosità dall’alto e dal basso, con un sapiente gioco di luci a quadrettatura.

Quali sono gli interventi già effettuati sulla capriata?

Prima sono stati individuati e calcolati gli elementi lignei da reintegrare o ricostruire: 27 ricostruzioni, 70 integrazioni, 60 i punti integri

Delle varie fasi lavorative già ne abbiamo completate alcune: innanzitutto sono stati eliminati polvere e  rifiuti. Precedentemente al di sopra c’era un tavolato di copertura su cui poggiava un massetto, rimosso in precedenti lavori di bonifica dell’amianto ad opera della Università, ospite della struttura.

Poi il legno è stato disinfestato dagli animali xilofagi ed è stata iniettata una resina speciale che indurendo lo rafforza, la stessa tecnica usata per consolidare il legno delle antiche navi sommerse.

All’epoca della costruzione come furono tenute insieme le travi di castagno?

Non fu un’opera realizzata a moduli, vale a dire che man mano che si ultimava un pezzo, si chiodava e si passava al successivo.

Per la chiodatura venne usata una tecnica in uso tra i Rom fino agli anni ‘40: grossi chiodi venivano arroventati sul fuoco per poi venire inseriti nel legno a colpi di maglio; per il forte calore il legno si ritirava senza spaccarsi, per poi riespandersi una volta raffreddato, diventando tutt’uno col chiodo che plasmandosi ricurvava all’interno del legno.

La punta ricurva fa sì che il chiodo non si possa estrarre in alcun modo: questi della capriata dopo secoli assolvono ancora egregiamente al loro compito.

Della capriata due parti hanno ceduto. Saranno riparate?

Valuteremo il meglio possibile, le do appuntamento a fine lavori per valutare cosa siamo stati capace di fare, la direzione lavori ci ha dato piena fiducia nel proporre a mano a mano le soluzioni che saranno vagliate assieme. Oltretutto in restauro meno si altera meglio è: le parti di legno che hanno ceduto sono la nostra preoccupazione, ma faremo il possibile per rimetterle in sesto.

Lo Speaker ha provato a raccontare tutto questo, potendo citare per ragioni di spazio solo alcuni degli interventi effettuati, ripromettendosi di continuare a seguire i lavori per tenere costantemente aggiornati i lettori. 

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →