Il corallo e la sua antica tradizione

28 luglio 2014 16:39 0 commenti

CoralliTorre del Greco, a 6 km dal Vesuvio e a 12 da Napoli, città distrutta dalla furia eruttiva del vulcano per 24 volte e ricostruita dai suoi indomabili e generosi abitanti. Tant’è vero che il motto dello stemma comunale inneggia alla Fenice, il mitico uccello che risorge dalle proprie ceneri.

La cittadina vesuviana oggi conta circa 100mila abitanti; immersa in un verde lussureggiante e una campagna rigogliosa, dove spicca la magnifica uva bianca che dà un vino eccellente, Torre del Greco ha conservato tracce di antichi insediamenti etruschi; nel 476 a.C. vi arrivarono i Greci, poi i Romani nel 290 a.C.

Torre del Greco si sviluppò nel VI secolo d.C. intorno ai due villaggi di Calastro e Sola; nel 1239 fu dotata della Turris octava, una delle tante torri costiere di avvistamento disseminate lungo il litorale frequentemente funestato dalle incursioni barbaresche.

In tempi più recenti, ecco che siamo a Torre in piazza Palomba, davanti all’Istituto d’Arte che tramanda la lavorazione del corallo, madreperla, oro, avorio, corallo rosso e bianco, fondato nel 1878 con annesso Museo del Corallo.Istituto d'Arte

il direttore e il gentilissimo personale dell’Istituto e del Museo fanno da guida a me e alla  bruna Florinda Pagano, in compagnia della bella Enrica Marchese De Gregorio, di donna Anna Carafa dei duchi d’Andria e della giovane donna Lucia dei conti de Gavardo, la nipote del famoso studioso conte Ludovico, a sua volta figlio della grecista e linguista nonché esperta di letteratura russa, la de Gavardo Ferrigno.

Inizia dunque una visita tra le meraviglie artistiche, su cui domina il corallo rosso, una squisita colonia miracolo della Natura formata da piccoli zoofiti che riescono a formare un minuscolo albero.

corallo alberelloLavorata rigorosamente a mano, questa piccola meraviglia naturale diventa di volta in volta o un quadro o un gioiello, ma anche statue, presepi, crocefissi, libri miniati, miniature e oggettistica varia.cammeo Una pregevole lavorazione che è diventata il simbolo di una Città fedele alle tradizioni della marineria e della pesca del corallo, conservata attraverso i secoli nonostante tutto, sopravvissuta alle numerose eruzioni vulcaniche, tra cui quella del 16 dicembre 1631 e la ancor più terribile del 15 giugno del 1794, quando la lava distrusse il porto e ne formò uno naturale di lava, ai tremendi terremoti del 1861. Una vita quasi distrutta ma puntualmente rinata per la forza caparbia di un popolazione ammirata e stimata in tutto il mondo.

A Torre del Greco la pesca del corallo affonda le radici nel 1453, sotto il dominio aragonese, con la Compagnia dei Catalani, monopolisti di tale pesca sin dal 1439 sulle coste della Corsica e della Sardegna; i Torresi sfidavano i Pisani, che dal 1087 avevano una concessione nell’isola tunisina di Tabarka, e i genovesi Lomellini, subentrati ai Pisani nel 1494, che facevano parte dell’entourage di Andrea Doria, doge della Repubblica di Genova,. Inoltre i corallari torresi erano in concorrenza anche con quelli marsigliesi.

Barche corallineNell’anno 1639, 58 padroni di barche per la pesca del corallo, dette coralline, di Torre del Greco si consorziarono e fondarono presso la chiesa di Santa Maria di Costantinopoli il Monte dei Marinai Corallari. L’Istituzione prevedeva fondi annuali per 50 ducati destinati alla mutua assistenza di vedove, orfani, funerali, doti per matrimoni, nonché il riscatto dei corallari che cadevano in mano ai pirati barbareschi. Nel 1724 il fondo fu accresciuto fino a disporre di 75 ducati annui.

Nel 1688, la flotta torrese di barche coralline contavano 400 unità; i pescatori e i marinai erano 2000 su un totale di 6000 abitanti. La pesca veniva effettuata sulle coste di Calabria, Sardegna, Corsica, Toscana, Provenza, ed era una continua sfida con i corallari siciliani di Trapani.

Nel 1739 Carlo III di Borbone, viste le frequenti incursioni barbaresche, decise di proteggere le coste del regno con campagne navali di guerra della flotta napoletana, dove si distinse il capitano di fregata spagnolo Giusepppe Martinez, detto Capitan Beppe, che nel 1739 sbarcò a Tunisi e da quel momento iniziò una lotta senza quartiere contro i Saraceni con azioni dimostrative della potenza borbonica e atti di ritorsione.

Fu per questo motivo che nel 1750 Carlo III autorizzò il capitano Domenico Lo Giudice da Lipari ad armare dei feluconi per scortare durante le battute di pesca i corallari di Sicilia e di Torre del Greco sulle coste sarde, corse, calabresi e siciliane.

Il re fece anche restaurare le torri costiere di avvistamento erette del periodo vicereale, fortificò i porti e i forti della costa, militarizzò il molo del Granatello di Portici e armò tutti i porti in prossimità di Napoli.

Carlo III il 1 giugno 1778 concesse sussidi regi ai marinai mercantili e ai corallari del Regno, per aiutare i più poveri e i prigionieri appena liberati: la somma di 5 ducati era quella destinata ai corallari perché potessero comprarsi vestiti e cibo.

Nell’aprile 1780 il marinaio corallaro Summo scoprì un isolotto disabitato a 43 miglia da Tunisi e 24 dall’isola tunisina di Galita, oltre l’arcipelago di Capo Bon; i torresi lo colonizzarono costruendovi una base pescereccia che usavano da aprile a settembre di ogni anno. Vi erano capanne, baracche, frascati, palizzate di cinta, torrette di legno di guardia e di avvistamento, depositi, un ricovero sull’arenile, un’infermeria, una cucina da campo; eressero anche un altare dove un sacerdote cappellano amministrava la Santa Messa.

L’isolotto era difeso da tre navi pescherecce armate con cannoni al comando di corsari; tre erano di Torre del Greco, i fratelli Gennaro e Giuseppe Accardo e Agostino Del Dolce, e uno di Lipari, Francesco Gliutteri.

Confermando sempre più la sua tradizione marinara, Torre del Greco nel 1790 annoverava una flotta corallina di 4000 pescatori e marinai su 12mila abitanti, 600 barche e 2000 marinai mercantili, 500 marinai e ufficiali militari borbonici.

Il 22 dicembre del 1789 Ferdinando IV su consiglio del primo ministro cavalier Guglielmo Acton promulgò a Caserta il Codice Corallino e fondò a Torre del Greco, nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, un consolato eletto di anno in anno, composto da 5 capibarca, tre residenti e due in viaggio, per l’arbitraggio di cause giuridiche interne dei corallari.

Il consolato si occupava anche di direzione della pesca, concessione delle patenti, contabilità, feste, della pesca sia ittica che del corallo. il codice fu redatto da Antonio Planelli di Bitonto e dall’avvocato procidano Michele de Iorio, già famoso per il Codice di Commercio e della Navigazione internazionale del 1782.

Nell’aprile del 1790 si perfezionò la materia con la fondazione della Compagnia di Navigazione e di pesca corallina di Torre del Greco, con propri magistrati e custodi, e con diritto di vendere nel Regno e all’estero i propri prodotti e con bandiera propria, uno scudo azzurro con una torre tra due rami di corallo e in cima tre gigli d’oro.

Alla compagnia era stato assegnato un fondo di 600mila ducati, l’equivalente di due campagne annuali di pesca del corallo ripartiti in 12mila azioni da 500 ducati ciascuno, di cui un terzo era riservato ai cittadini torresi.

Nel 1813, durante la seconda guerra barbaresca, mentre la flotta americana, unitamente a quella olandese e britannica, bombardava Tunisi, la Compagnia del Corallo di Torre del Greco prosperava.

Nel 1815 venne nominato cappellano della compagnia all’isola tunisina di Galita don Gerardo Palomba, che nel 1816 riuscì a far liberare parecchi pescatori di corallo torresi prigionieri.

Dal 1824 al 1828 le barche coralline di Torre del Greco salirono da 105 a 220.

Le incursioni e gli attacchi barbareschi però continuavano, e nel 1828 Francesco I di Borbone stabilì che la flotta da guerra proteggesse le navi mercantili e coralline del Regno delle Due Sicilie; nel 1834 Ferdinando II in seguito fece bombardare Algeri e costrinse il bey ad un accordo di protezione per la flotta mercantile. Le cose migliorarono, tanto che nel 1836 da Torre del Greco partirono ben 254 barche coralline.

Seguì quindi un periodo di relativa prosperità fino alla tremenda eruzione del 1861 e ai terremoti di quell’anno: Torre, quasi distrutta, fu coraggiosamente ricostruita.

Nel marzo del 1869 partirono 300 barche dal molo di Portosalvo di Torre del Greco; funestate nel Mediterraneo da un terribile fortunale ripararono in 200 a Porto Ercole in Toscana, gettando in mare provviste e attrezzi per alleggerire gli scafi. Solo 100 coralline riuscirono a raggiungere i porti nordafricani.

Nel maggio del 1875, a più di cento anni di quello rinvenuto al largo delle coste della Tunisia nel 1783, i torresi trovarono un ricco banco di corallo rosso al largo della Sicilia a 30 miglia sud ovest da Sciacca di 40mila m² ad una profondità di 200 metri; nel 1878 ne venne scoperto un secondo nella stessa zona per 2.500.000 m²; nel 1880 fu trovato un terzo nel Canale di Sicilia di 17 milioni m² ad una profondità di 150 metri.

Si trattava del corallo di Sciacca, di colore rosso aranciato. Tra i vari tipi di corallo, lo Sciacca costituisce un caso a parte; Giancarlo Ascione dell’antica famiglia corallara torrese, ha spiegato a Lo Speaker: «Tra la fine ‘800 e l’inizio del ‘900 furono trovate delle cataste di corallo, probabilmente trasportate da correnti sottomarine, che in quel punto sono molto forti. In quanto già morto, più che pescato fu estratto. Ciò che non si spiega è come mai questi pezzi di corallo non si siano polverizzati, come sarebbe dovuto succedere, o come altri tipi di batteri abbiano determinato un cambiamento di colore. Forse il motivo è l’alta percentuale di zolfo presente in quelle acque; ma sono solo ipotesi».

Dopo questi favolosi quanto inspiegabili ritrovamenti, l’industria del corallo e il suo indotto si ingrandì sempre più e la Città cominciò a sentire l’esigenza di una scuola di incisione del corallo e di un museo che raccogliesse i meravigliosi manufatti; fu vagliato quindi il vecchio progetto borbonico del 1790 del ministro Acton, che lo aveva riproposto anche nel 1810 a Palermo.

Il progetto non fu mai realizzato,  ma venne ripreso e ampliato dal 1864 al 1876 e con D.R. n 4428 serie 2 del 23 giugno 1878, come richiesto nel 1872 dall’onorevole Della Rocca; fu istituita dunque la scuola d’incisione su corallo e disegno artistico.

Il primo preside fu il professor Luigi Palmieri, che dal 1861 era stato direttore dell’Osservatorio vesuviano; l’amministratore fu Antonio Agostino Brancaccio, consigliere provinciale e comunale di Torre del Greco.

Anche grazie all’Istituto d’Arte “Palomba”, oltre che alla passione degli operatori del settore oggi la  lavorazione del corallo è ancora viva a Torre del Greco; antiche famiglie torresi di corallari perpetuano la grande tradizione, utilizzando ancora insostituibili tecniche artigianali, conservando documenti, copie dei preziosi realizzati nel corso degli anni, come la famiglia Ascione, che offre a tutti lo spettacolo di un piccolo, delizioso museo nello showroom napoletano della Casa di piazzetta Matilde Serao, nell’angiporto della Galleria Umberto I.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →