I Rosacroce a Napoli

25 maggio 2014 16:06 0 commenti

RosacroceUna collettività di esseri viventi pervenuti per grazia divina ad un grado superiore a quello della comune umanità, scevra da razzismi, orpelli sociali, prebende, medaglie, quote di denaro, possiede gli stessi caratteri interiori che permette loro di riconoscersi come fratelli e sorelle in un unicum.

Respingendo il guazzabuglio del sottobosco occultistico e i falsi rituali di associazioni più o meno esoteriche, ufficiali e non, nazionali ed internazionali che scimmiottavano i veri Rosacroce, quelli del mondo astrale al servizio della pace mondiale, voluta secondo i divini voleri del grande cervello cosmico dei mondi, nacquero nella federazione intergalattica delle 12 galassie unite 18 milioni di anni prima di cristo, con le 7 Sorelle Pleiadi, con Sirio Uno e Trino, con Beltegeuse, con Orione e con la Via  Lattea, riconfermate un milione di anni prima di Cristo tra i fraterni pianeti del nostro sistema solare Venere, Giove, Marte, Nettuno, Plutone, Urano, Saturno.

La vita iniziò su Marte 500mila anni fa e poi sulla Terra 116 mila anni fa, dove un grande sacerdote astronomo e scienziato dirigeva nella prima capitale Cernes o Atlantea la gilda di 10 scienziati e di 10 re federali di Atlantide, formata allora da giovani d’ambo sesso, che con l’unione telepatica dei loro cervelli costituivano i segreti poteri delle 12 colonne d’Oricalco dei 12 portali o stargate verso lo spazio dimensionale.

Dopo la catastrofe naturale del 5 giugno 8498 a.C. che causò la distruzione di Atlantide, i superstiti  atlatidei ricostruirono la civiltà dei Figli del sole nella legge d’oro dell’uno in Messico, Guatemala, Honduras e Ecuador tra gli Olmechi e Maya e poi in Egitto, al seguito di Ra e della sua famiglia di principi atlantidei, tra cui Osirde, Iside, Seth, Thot, Horo, Nephytis, Baste.

Gli scienziati superstiti di Atlantide riposero il segreto cosmico nella Sfinge e nella piramide capovolta di Kutu in Sumeria, e subito dopo costituirono la comunità dei costruttori egizi yerofanti di Deir el-Medina nella casa di vita di Abido a Menfi.

Nel 5000 a.C. un ceppo atlatideo fiorì tra i Celti ibéri in Spagna, Francia Inghilterra e Italia, tra i Cimmeri della Puglia e della Sicilia, con le grotte platamoniche a Napoli e a Cuma pregreca, mentre una colonia sacerdotale atlantidea si stabili nel 1250 a.C. in Italia centrale dando vita alla civiltà dei misteriosi Tirreni o Etruschi, adoratori delle divinità femminili di Velthe di Urcla, diffondendosi in Campania fino al 516 a.C. In seguito i Greci fondarono colonie in sud Italia: a Cuma nel 750 e a Napoli nel 680 a.C.

In Egitto, dopo la 17esima gloriosa dinastia dei Faroni, tra cui Cheope, salì al trono la misteriosa 18esima stirpe faraonica, dove la bellissima regina Hautpotilt la giovane formò 113 principi e principesse che alla loro morte non vennero mummificati secondo il metodo usato fino ad allora ma preservati in una morte o animazione sospesa, senza prelievo di organi interni, e poi posti nei loro sarcofaghi nelle piramidi. Secondo alcuni capitoli segreti del Libro Egizio dei Morti potevano risvegliarsi a comando e ritornare in vita anche penetrando a loro insaputa come ospiti animici incarnati in giovani viventi …

Nel 67 d.C. una colonia di iniziati di Alessandria d’Egitto sbarco in Campania e si stabili prima a Pompei e poi a Cuma; nel 74 d.C. con l’eruzione vesuviana s’insediò definitivamente a Napoli intorno via Nilo.

Napoli col tempo divenne asilo di perseguitati politici e religiosi, di filosofi, di kabbalisti, di astrologi, di ermetisti e di alchimisti, di albigesi, di valdesi, di giansenisti, di luterani, di calvinisti,sviluppando nei secoli, che coltivavano studi certosini spesso all’ombra di conventi e di palazzi nobiliari, di biblioteche private, obbedienti a Dio Unico ed evitando la crudeltà umana e le superstizioni, unendosi per cooptazione e riformandosi sempre grazie a un karma continuo e collettivo, splendente, e pervenendo a un grado di elevata coscienza filosofale e nel patto de ritorno dopo la morte, di guscio in guscio, di corpo in corpo, con gli stessi occhi, lo stesso viso, lo stesso gruppo sanguigno, le stesse idee, grazie ad un calibro cerebrale superiore.

Attraverso questi studio si ebbe modo di comunicare con i defunti, con gli spiriti elementari, con gli angeli e le creature del mondo astrale e per telepatia con tutti gli animali e piante, tutti figli dello stesso Dio.

Nel 1200 a Capua il kabalista Abulafia, i cavalieri templari e i teutonici di re Federico II di Svevia, la scuola poetica siciliana e dei filosofi napolitani, fino all’Accademia Antoniania poi Pontoniana, furono tutte realtà che fiorirono dalla colonia originaria alessandrina.

Se i Rosacroce nacquero ufficialmente in Germania dal 1616 al 1619, dopo i tre manifesti rosacroce seguiti da quello di Praga, già nel 1585 Rodolfo d’Asburgo era a conoscenza di questi studi particolari, tanto che divenne protettore dei Rosacroce; sapeva che a  Napoli sin dal 1572 v’erano documenti importanti prerosicruciani ad opera del sacerdote e alchimista veneziano Giovanni Agostino Pantheo, autore dell’opera Voarchadumia, ars distincta ab Archimia et Sophia, pubblicata nel 1530.

I Rosacroce, in specie i kabalisti  seguaci di Isaac Luria, che nel 1570 a Safed in Alta Galilea rivoluzionò il misticismo ebraico, fiorirono in Europa molti cenacoli rosacruciani, come l’Ordine del Palmizio del 1671 ela socieàa delle tre Rose ddl 1643,  l’Ordine dei Fiori nel 1644 A Norimberga, tutte in Germania; ancora  l’Ordine dei Cigni all’Elba nel 1660 e a Londra la Società Reale nel 1666, John Dee E La Rosa Nera di Praga  nel 1700.

Va sottolineato peròche L’Accademia Pontoniana di Napoli risaliva invece al 1572.

Arriviamo al gruppo romano di Maria Cristina di Svezia con il marchese Santinelli poeta e alchimista fuggito dalle Marche;  poi a Milano con il tedesco Gualdo nel 1667, mentre a Padova viene portato avanti il centro di studi rosacruciani del professor Carburi.

In Europa era tutto un fiorire di schole, accademie, tavole rotonde, con Michael Flood e Sangree che a fine ‘600 a Londra difesero i Rosacroce mentre Shakesperare inclina il suo teatro verso questo pensiero.

Nel 1704 comparve in Germania un Ordine della Rosacroce, che nel 1750 si dotò di un proprio statuto, con 9 gradi iniziatici.

In Francia nel 1774 furono rifondati gli Eletti Cohen, un sistema teurgico cabalista filocruciano poi divenuto gli Amici di Saint Martin nel 1776.

Nello stesso periodo i rosacruciani in Germania divennero un vero Ordine protetto dal re di Prussia.

Imperversavano kabbalisti, evocatori, astrologi, alchimnisti, teurgi, tra cui primeggiava il misterioso conte di Saint Germain, il grande fratello tedesco, e poi Cagliostro tra 1776 e 1789; nacque anche la musica rosicruciana di Baldassarre Vitali da Cremona, accompagnata dai versi di Metastasio e di Skakespeare.

Il movimento dei Rosacroce si diffuse insieme alla massoneria nata nel 1666, ordinata a Londra nel1774 con il sistema scozzese e quello di Cagliostro della massoneria egizia nel 1783. In Italia quest’ultima prese piede dal 1791 al 1818, arrivando al Misraim e al Memphis di Francia nel  1819, assorbendo il sistema di Cagliostro e fondendosi in Misraim-Memphis nel 1881.

A Napoli i rosacruciani attorniavano Raimondo de Sangro, suo figlio Vincenzo il barone Tschudy , Luigi d’Aquino e suo fratello Luigi.

In Francia ne 1888 de Guaita fondò l’Ordine cabalistico dei Rosacroce e l’anno seguente Péladan  quello della Rosacroce cattolica.

Cosi in Germania nel 1895  nacque l’Ordine esoterico dei Rosacroce  d’Oro e in Gran Bretagna la Societas Rosicruciana in Anglia con Little e il famoso romanziere Lytton.

Nel 1869, 166 massoni e rosicruciani inglesi divennero membri della Golden Down, una sezione americana che si formò nel 1888 dalla Societas Rosicruciana in Anglia e che nel 1874 divenne una società a parte.

Nel 1890 negli Usa nacque l’Associazione Rosacrociana Oceanside (ARCO), ordinata nel 1909, mentre l’Amorc, nato nel 1908 e diffusosi dopo la seconda guerra mondiale in Occidente, con circa 6 milioni di iscritti, che tentò inutilmente di federarsi  con gli ordini iniziatici europei.

Attorno alle figure di ermetisti rosacruciani napoletani come Giustiniano Lebano, De Servis, Kremmerz, il principe Leone Caetani tra il 1832 e il 1937, fu mantenuto inalterato il pensiero dei rosacroce più classici.

Continuarono a fiorire cenacoli rosicrociani, lontani da ambienti massonici; nel 1924 nacque il lectorium Rosacroce, di origine olandese, una scissione dell’americana Oceanside, che nel 1956 si federò con il neocatarismo provenzale della Francia del sud. Acquistò le grotte storiche di Lambrave e Ornolac, care ai martiri albigesi di Montsegur del 1243.

Nel 1990 in Italia il lectorium rosicruciano contava già 2000 iscritti di cui 1000 a Napoli; il 23 settembre 1973 a Lucca il professore napoletano Luigi Petriccione fondò la Rosacroce d’Oro Italiana di Caliel, con sezioni in varie parti del Paese, 24 solo a Napoli, tra cui cenacolo Eugenio Aram di Eduardo Nappa.

Nel 1995, tale ordine rosacruciano derivato da una tradizione indiretta desangriana e lebaniana, dopo 13 anni contava ancora 500 iscritti; nel 1989 gli  iscritti erano 316.

L’ordine della Rosacroce d’Oro di Caliel, nel 1998 stabilì la sede magistrale nazionale a Roma, con 120 iscritti in tutta Italia.

Un calo analogo subì il lectorium roscruciano olandese in Italia: da 2000 iscritti si  ritrovò con solo 850 componenti nel 1975.

 Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →