Gli spaghetti e la pasta: storia e storie

4 gennaio 2015 12:29 0 commenti

Makkaroni-2Viaggiarono per mare e per terra, gli spaghetti, tanto contesi tra Napoli e Cina, dove se ne ha notizia sin dal 5000 a.C. Un origine che si perde nella notte dei tempi …

Sappiamo che a Napoli nel 1241, regnante Federico II di Svevia, in via dei Cortellari al seggio di Portanova vi era un palazzetto al numero civico 4, quattro piani e vari affittuari, tra cui la maitresse di un prostibolo, un usuraio ebreo, una coppia di noti truffatori napoletani e Chico noto alchimista, teurgo, astrologo e a tempo perso cartomante, detto ‘o Mago.

Chico ‘o Mago era molto riservato e dedito alle evocazioni negromantiche e soprattutto a studi di alchimia. In gioventù aveva viaggiato molto e appreso le tradizioni culinarie di diversi Paesi. Cominciò a lavorare su una ricetta cinese di pastasciutta filamentosa, composta da farina, formaggio, zucchero, latte, burro, che chiamò fili di spago o spaghettini.

Purtroppo una sua vicina di casa, Giovannella di Canzio, donna curiosissima e ‘nciucessa, nonché moglie procace di uno sguattero di cucina di corte reale applicò tutte le sue arti seduttorie finchè non riuscì a carpire al povero Chico il segreto della squisita ricetta. La svelò quindi al marito che introdusse gli spaghetti alla tavola reale di Federico II.

Di lì a poco un cuoco delle reali cucine, munzù Federico Esposito – era l’anno di grazia 1260 – alla corte di re Manfredi inventò dei maccheroni con orlatura, detti manfredi in onore del nuovo sovrano, conditi con zucchero, basilico e ricotta.

100 anni prima di Cristo la lasagna napoletana si diffondeva primeggiando su quella emiliana già ai tempi degli antichi romani in villeggiatura sui nostri litorali, ben descritte da quel buongustaio del poeta Orazio in una sua satira sulla tavola di Mecenate. Erano anche il piatto preferito da Cicerone, ma fu soprattutto Marco Gavio Apicio, cuoco dell’imperatore Traiano, che nel suo “De re coquinaria libri” ne ha tramandato la preparazione. Le lasagne, alternate a carne, uova, pesce, venivano condite con olio d’oliva e pepe. Apicio nel suo trattato parlava di laganon, il matterello di legno, che in napoletano viene chiamato laganaturo.

Era una tale leccornia che in tempi più vicini a noi, ne decantarono la squisitezza anche Cecco Angiolieri e Jacopone di Todi.

Nel 1305 sorse ad Amalfi la prima fabbrica di maccheroni napolitani. Nacquero altri formati di pasta, come le fettuccine care ai Cavalieri Templari.

Da 1550 in poi furono impiantate fabbriche di maccheroni napoletani anche a Gragnano e Lettere, accompagnati dal gustoso vino locale.

Intanto era avvenuto lo sposalizio delle lasagne con il sugo di pomodoro, arrivato sulle tavole dalle Americhe. La ricetta si arricchiva sempre più del suo gusto particolare: il pasticcio di pasta veniva condito a strati con salsa, ricotta, formaggio pecorino, oltre a olio o strutto e sale.

La pasta di ogni formato diventò la regina dell’alimentazione e a Napoli in pieno settecento i maccarunare agli angoli delle strade li cuocevano in grossi calderoni di rame e li vendevano conditi con sugo di pomodoro nei cuoppi, in particolar modo gli spaghetti. Venivano mangiati con le mani, attorcigliandoli con destrezza. Ogni cuoppo costava un grano di rame, che era la centesima parte del ducato napoletano, la moneta napoletana. Era un pasto sano e genuino che sfamava ed era a portata di tutte le tasche: all’epoca equivaleva ad un centesimo di franco francese e 40 centesimi di lira piemontese.

Gli spaghetti napoletani erano i preferiti di Ferdinando IV di Borbone, che non sapeva resistervi e li mangiava ovunque si trovasse. A palazzo reale li mangiava con la forchetta – inventata da un cuoco alla fine del ‘400 a Madrid per la regina Isabella di Castiglia – ma altrove con le mani, ricevendo gli applausi del popolo e rimbrotti della consorte Maria Carolina d’Asburgo, che assolutamente non ammetteva questa ruspante abitudine.

Anche l’abate Gorani, Giulio Cesare Cortese, Giovan Battista Basile, Goethe andavano tutti pazzi per spaghetti e pasta in genere.

Tra il 1660 e il 1700 sorsero fabbriche di maccheroni di Torre Annunziata e di Cicciano, che rivaleggiavano per la bontà del prodotto con gli stabilimenti più.

Alla tavola di Ferdinando nel 1768 anche i suoi cognati, l’imperatore d’Austria Giuseppe e Leopoldo granduca di Toscana si innamorano dei cannelloni e della lasagna napoletana, tanto che nel 1770 lo Stato Pontificio introdusse una tassa doganale sull’importazione dei favolosi maccheroni napoletani, che si prestavano magnificamente alla realizzazione di pietanze come l’amatriciana e la pajata.

Si racconta inoltre che don Ferdinando Borbone-Parma, sfuggito all’arresto della gendarmeria pontificia, riparò a Napoli, dove amava gustare nelle taverne squisiti piatti di pasta. Irretito da una donna napoletana, sazio ed ebbro di vino di Gragnano e Lacrima Christi, venne derubato. Chiese allora ospitalità al principe Vincenzo de Sangro, e qui con gusto mangiò lasagne cannelloni e spaghetti. Fu poi ospite in casa del medico Domenico Cirillo, dove le gozzoviglie continuarono. Pare che nel 1792 Ferdinando Borbone-Parma morisse per indigestione dopo aver mangiato due mozzarelle di bufala di Mondragone e ulive di Gaeta, oltre all’immancabile scafarèa di pasta …

Nel 1773 venne impiantata a Portici la Real fabbrica di maccheroni che produceva rinomate linguine, ziti, maltagliati, che venivano gustati insieme al pesce che veniva pescato a Santa Lucia dal re che prima lo rivendeva ad una trattoria di Mergellina e il rimanente nel porto militare del Granatello. Poi lo friggeva nel giardino della reggia porticese e lo gustava con gli amici, tra cui il principe Francesco d’Aquino di Caramanico, che le malelingue dicevano fosse l’amante di Maria Carolina.

E si dice che fu in una famosa taverna di Portici che nacque l’usanza della mangiata di spaghetti a mezzogiorno in punto, quando il sovrano si affacciava dal balcone della Reggia mangiando spaghetti con le mani e invitava il popolo a fare lo stesso.

Nel 1816 giunse a Napoli il musicista Gioacchino Rossini invitato da Domenico Barbaja, impresario del Teatro di San Carlo per scrivere la sua opera “Otello” dopo il fiasco romano di “Il barbiere di Siviglia”, offrendogli pianoforte, letto, vitto e alloggio con servitù nel bel palazzo Berio in via Toledo. Segregato in casa dal Barbaja perché non si distraesse, il ghiottone Rossini ingrassò a vista d’occhio. Dal momento che pensava solo a rimpinzarsi di pizze, gelati, maccheroni e lasagne, ma soprattutto tanti spaghetti alla Pulcinella, la famosa maschera napoletana che li pubblicizzava in tutto il territorio, l’impresario gli tolse servitù e maccheroni mettendolo a stretto regime di brodini per costringerlo a scrivere l’opera.

E fu proprio il Rossini che pubblicizzò enormemente i maccheroni di Napoli in tutta Europa: mangiava ovunque fosse davanti al suo cembalo o al pianoforte una zuppiera di maccheroni o alternato a pranzo e cena lasagna e gli immancabili spaghetti.

Carlo Tito Dalbono, critico d’arte padre del pittore Edoardo, in un suo scritto, riportato nel 1843 in “Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti” di Francesco De Bourcard, cita le varie fabbriche di maccheroni presenti sul territorio. Parla non solo di maccheroni, ma anche di gnocchi prodotti ad Amalfi, Sorrento, Afragola e Volla, cotti nell’ampia caldaia maccaronense e serviti fumanti nel bacile, la scafarèa napoletana, con formaggio bianco con strisce nere di pepe e di olive nere, con sopra i maccheroni e la salsa di pomodoro in cima.

Spesso attorniato da vongole e cozze del Fusaro, anche Francesco I di Borbone era un gran ghiottone di pizze, gelati, dolci, maccheroni e spaghettaro d’eccezione. Durante il suo regno si ricorda il famoso pranzo di corte del luglio 1824 a base di maccheroni offerto alla Reggia di Portici dalla duchessa di Lucca Maria Luisa e da suo figlio Ferdinando di Borbone-Parma, servito da contadine in gonna corta nel parco del bosco reale.

In seguito re Ferdinando II potenziò l’industria e l’artigianato della pasta nel Regno, occupando tanti sudditi nelle diverse attività connesse alla produzione. Anche l’ultimo re Francesco II era ghiotto di cannelloni ma soprattutto di lasagna, tanto che gli valse l’affettuoso nomignolo paterno.

Rimangono famosi i 114 modi di cucinare gli spaghetti napoletani classici secondo Alberto Consiglio e la grande pubblicità fatta da attori e artisti napoletani come Totò.

Nel 1968 a Napoli si rilanciò ancora il tema letterario-culinario dei maccheroni sempre ad opera di Consiglio, con Mario Stefanile, Virgilio Lilli, Giuseppe Longo, Paolo Monelli. Il giornale “Il Mattino” del 24 aprile istituì il famoso premio “Gli spaghetti d’oro” a firma di Renato Filizzola. La giuria era composta da Mario Missiroli, Giuseppe Dell’Ongaro, Italo De Feo, Gino De Sanctis.

Partendo da ricette napoletane sui maccheroni, dal Boccacio al Basile e al Rossini fino alla lasagna del 1600 e gli spaghetti del 1241, si selezionarono cinque elaborati di scrittori napoletani. Il premio fu consegnato dal ministro dell’Industria e in quell’occasione venne ricordato l’incontro del 1860 a Teano tra re Vittorio Emanuele e Garibaldi, che insieme gustarono per la prima volta i famosi fusilli.

Sempre in tema, il 23 maggio 1963 a Napoli fu costituito l’Ordine dei Cavalieri del Supremo Ordine Cavalleresco Gastronomico del Pignato Grasso. I membri erano cuochi e scrittori napoletani famosi per aver riprodotto e raccontato le ricette più antiche sui maccheroni e la lasagna, sul ragù e sul soffritto napoletano.

La Regina Pasta è alla base della dieta mediterranea, vanto mondiale insieme alla pizza e ai dolci. Gli squisiti dolci napoletani di cui mi occuperò in un prossimo articolo sulla storia dei locali gastronomici che sono sempre sorti all’ombra del gran padre, il Vesuvio.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →