Gaeta e i suoi eroi – terza e ultima parte

14 agosto 2014 18:30 0 commenti

IL RE FRANCESCO II LASCIA GAETAAmmirando l’eroismo della guarnigione borbonica e dei due giovani sovrani, il 16 gennaio 1861 rientrano volontariamente da Roma a Gaeta tutti i diplomatici stranieri accreditati presso il re: un gesto di simpatia e soprattutto di stima in un momento di grande pericolo.

il 13 gennaio una sortita militare borbonica diretta dal generale francese Theodule de Christen – tra i legittimisti stranieri venuti ad appoggiare Francesco II nell’assedio, ndr – parte da Gaeta per Bauco – l’attuale cittadina Boville Ernica in provincia di Frosinone, ndr –  contro la divisione piemontese al comando del generale De Sonnaz.

Lo scontro si conclude con una sconfitta delle truppe piemontesi; ingenti le perdite da entrambi le parti.

Il generale de Christen e io, in qualità di aiutante di campo nella notte del 2 febbraio siamo rientrati a Gaeta da Terracina con barche di pescatori.

Il generale viene decorato e promosso dal re e cosi il tenente colonnello Pasquale De Santis.

Io, Luigi di Iorio di San Barbato, da tenente vengo promosso capitano dei Cacciatori di linea con encomio solenne letto davanti alla truppa il 3 febbraio 1861.

il 18 febbraio tutta la flotta francese lascia la rada e Gaeta viene circondata dalla terribile artiglieria navale piemontese che non risparmia più nessuno, colpendo la città notte e giorno.

Il 19 febbraio gran parte degli ambasciatori esteri – russo, prussiano, belga, portoghese, brasiliano, granducale toscano – partono da Gaeta per Roma. Rimangono il Nunzio pontificio, il diplomatico spagnolo, l’austriaco, il bavarese, il sassone.

Nello stesso giorno una nave mercantile francese porta a Messina 600 tra donne e bambini di militari borbonici siciliani; un altro mercantile sbarca a Terracina 250 soldati ammalati o feriti; un altro ancora riesce ad eludere il blocco navale piemontese e rifornisce di un po’ di viveri la stremata guarnigione.

Il 22 gennaio le 22 batterie d’artiglieria borboniche di Gaeta iniziano a tirare contro le postazioni piemontesi che da giorni si stavano preparando all’assalto finale riuscendo a spegnere il fuoco della loro batteria San Giacono e ridurre al silenzio la batteria piemotese dei Capuccini.

L’artiglieria piemontese riprende il bombardamento da terra e da mare. Quasi duecento bocche di fuoco, sparando in due giorni 12mila colpi di cannone cui hanno risposto undicimila colpi di cannone borbonico, con grande meraviglia dei piemontesi.

110 feriti e 21 morti tra i borbonici tra cui il maggiore Solimene comandante la batteria  Sant’Antonio; ferito il capitano De Filippis, comandante la batteria Regina.

Si ripetono scene incredibili: anche i feriti gravi gridano «Viv’o Rre e viva Napoli! Viva la regina Maria Sofia! Viva Dio Gesù e abbasso gli invasori e satana!»

Il marinaio militare napoletano Falconieri sulla spiaggia ha trovato una spigola uccisa da un colpo di obice piemontese e la offre al re e alla regina, che ringraziano e mandano il tutto cucinato agli ospedali per i feriti e ammalati.

Che sovrani, che giovani, Francesco e Maria Sofia! Brillano in mezzo ai loro soldati in armi, che difendono l’onore e la dignità meridionale di fronte alle menzogne degli invasori.

Il 23 arrivano barche di pescatori da Terracina con rifornimenti di viveri per la guarnigione e due barche da Napoli con dispacci del Comitato segreto borbonico.

Nella giornata i sovrani visitano sotto il continuo bombardamento piemontese gli ospedali e i bastioni, tra gli evviva commossi dei militari e degli abitanti di Gaeta.

Il 25 gennaio, in aggiunta alla diffusa tubercolosi, comincia l’epidemia di tifo: 6 generali ammalati, tra i quali muore il generale Riccardo de Sangro, aiutante del re. Il 3 febbraio muore il generale Ferrari.

Il 4 febbraio sotto il terribile fuoco di artiglieria piemontese di 2327 colpi di cannone saltano in aria 5 batterie d’artiglieria con 216 morti tra i soldati borbonici, tra cui il generale del Genio Traversa; il capitano del genio Paolo de Sangro viene ferito gravemente. Si contano 130 morti tra i civili.

Le cannonate aprono una breccia nelle mura, subito riparata dai soldati del Genio, mentre la casamatta reale viene danneggiata, senza fare vittime.

Il 7 febbraio il generale Cialdini accorda una tregua di due giorni per estrarre feriti e morti dalle rovine.

L’8 febbraio 200 malati e 100 feriti vengono negli ospedali di Napoli.

Due giorni dopo riprende il bombardamento piemontese cui rispondono le batterie superstiti borboniche; muore l’arcivescovo di Gaeta monsignor Criscuolo e per poco non salta in aria la batteria Sant’Antonio.

Domenica 10 febbraio 1861 i piemontesi sparano da 15 navi – insieme alla nave da guerra Monarca, ex borbonica – e 60 mortai da terra e 136 cannoni, riducendo a macerie e rovine tutte le case e le fortificazioni di Gaeta con 20mila colpi di cannone e di granate.

Il fuoco borbonico riprende con 10mila colpi di artiglieria riducendo al silenzio la batteria avanzata piemontese dei Cappuccini, a pochi metri da Gaeta.

La regina Maria Sofia la sera del 10 febbraio 1861 risponde alla lettera dell’imperatrice di Francia Eugenia, che la sollecitava a partire, che non si arrende e non lascia Gaeta con i suoi difensori … Rimane accanto a suo marito fino alla fine …

La sera i borbonici chiedono una tregua di 15 giorni per discutere la resa.

Al 13 febbraio sono 60mila i colpi tirati su Gaeta, cui hanno risposto i 30mila colpi dell’artiglieria borbonica, che ha ancora 29 batterie su 37.

Alle ore 15 del 13 febbraio salta in aria la batteria Philippstad distruggendo la vicina batteria Sant’Andrea; centinaia i morti e i feriti tra i borbonici sotto il fuoco nemico.

Alle 4, un ‘ora dopo salta in aria la batteria Transilvania, distruggendo la vicina batteria di Picco di Malpasso.

A questo punto il tenente generale Francesco Milton, che sostituisce l’ammalato generale Ritucci, manda alla villa di Caposele, a Mola di Gaeta, dove alloggia il generale piemontese Cialdini, i suoi inviati Roberto Pasca, viceammiraglio, il generale d’artiglieria dello Stato Maggiore Francesco Antonelli e il tenente colonnello Capo di Stato Maggiore Giovanni Delli Franci che firmano una resa onorevole con l’onore delle armi per la guarnigione e il permesso ai sovrani di ritirarsi via mare nello Stato pontificio.

La mattina del 14 febbraio 1861 alle 7 la Città di Gaeta viene consegnata ai piemontesi con gli onori delle bandiere, armi e bagagli, in parata a passo di battaglia con le fanfare in testa che suonano le marce militari borboniche.

I soldati dell’esercito duosiciliani saranno prigionieri di guerra fino alla resa delle guarnigioni di Messina e di Civitella del Tronto. Avranno poi la possibilità di unirsi all’esercito unitario conservando i loro gradi militari o ritirarsi con due mesi di paga alle loro case congedati da obblighi militari. I militari feriti e ammalati rimarranno negli ospedali con i soli medici militari, curati li fino alla guarigione e con le stese condizioni armistiziali di tutti.

Le pensioni di guerra agli orfani e vedove dei caduti di Gaeta saranno garantite dal nuovo governo unitario.

La sera del 13 febbraio 1861 il re e la regina ricevono il saluto delle autorità civili e militari, dei pochi diplomatici rimasti e di tutti gli ufficiali e soldati di basso grado in una commozione che si protrae per tutta la notte.

Alle 7 del mattino del 14 febbraio 1861 i sovrani vanno al porto e salgono sulla pirocorvetta imperiale da guerra francese La Mouette; un’ora dopo tra gli applausi e gli evviva di tutti i soldati e ufficiali della guarnigione partono con il loro seguito per Terracina per poi andare a Roma dal Santo Padre.

La banda militare suona la Marcia Reale di Paisiello e la batteria spara 21 salve di cannone.

Francesco 24 anni, Maria Sofia 19, bellissima come sempre …

Su Torre d’Orlando i piemontesi della brigata Regina alle 10 ammainano la bandiera borbonica e innalzano quella italiana; così sul porto, sulla cittadella e sul fronte di terra, sugli ospedali militari.

Il 15 febbraio alle 8 sfilano le truppe della guarnigione borbonica, con in testa le fanfare e le truppe estere, 2000 tra bavaresi, francesi, svizzeri in ordine di parata di guerra.

Depositano le armi, le bandiere e i cavalli, tranne le spade degli ufficiali.

Le truppe piemontesi hanno avuto 320 feriti e 46 morti nell’assedio, mentre i borbonici hanno avuto 502 soldati e 8 ufficiali morti in combattimento, 307 soldati morti di tifo e così 9 ufficiali, mentre i feriti in combattimento sono stati 543 soldati e 26 ufficiali.

98 militari rimangono a Gaeta negli ospedali sotto custodia piemontese accanto a 1684 malati di tifo e di tubercolosi.

I 1100 congedati mandati via nel novembre 1860 a Terracina e 2000 il 5 dicembre 1860, 550 feriti e malati ricoverati in Napoli in gennaio 1861 e poco più di 10mila prigionieri di guerra il 15 febbraio 1860 vengono ripartiti nelle carceri delle isole di Ponza, Ventotene, Procida e altri luoghi in attesa della resa di Messina e di Civitella del Tronto.

A questo punto intervengo personalmente: quei prigionieri non saranno liberati neanche al 21 marzo 1861; infatti il 23 novembre 1861 i prigionieri di Ponza protestarono tramite i giornali denunciando questa situazione.

I malati di tifo e di tubercolosi e i feriti vennero ufficialmente mandati via da Gaeta il 23 marzo 1861 con la possibilità di tornare alle loro case, ma in realtà le cose andarono diversamente: nel 1947 ne furono ritrovati i corpi in una fossa comune, fucilati dai piemontesi nell’arco di tre giorni a fine marzo 1861 e sepolti fuori le porte della città.

L’ordine di fucilare oltre 2000 uomini tra ammalati e feriti ovviamente venne dato da Cialdini.

Nell’aprile del 1861 20mila soldati e 3200 ufficiali borbonici vennero inquadrati nei reggimenti italiani e mandati in servizio in Italia del nord, lontani dalla loro Patria perduta.

32mila furono i prigionieri di guerra tra l’ottobre 1860  e il dicembre 1861 che non vollero passare all’esercito unitario, neanche dopo l’amnistia sabauda del 14 dicembre 1861 concessa da Vittorio Emanuele II ai militari borbonici che si erano costituiti o arresi.

8 mila furono espatriati a forza per l’America del Nord tra il 1860 e il 1861, a combattere per una guerra civile che non era la loro, imbarcati su navi americane sia confederate che unioniste.

Dei 32mila soldati irriducibili che non abiurarono mai la loro fedeltà ai Borbone Due Sicilie si sa che 2000 furono rinchiusi a Milano, 8000 a Fenestrelle e 12mila a San Maurizio Canavese e altri 10mila tra Liguria, Torino e Sardegna.

Di altri prigionieri si sa che tra il 1861 e il 1862 in 8mila vennero rinchiusi in condizioni atroci in Sicilia e 10mila in Campania.

Nella scellerata politica di genocidio attuata dal governo unitario 5645 prigionieri di guerra furono fucilati in carcere in tutte le provincie di Napoli tra il 1861 e il 1864; altri 10mila furono fucilati nel 1865.

Viva l’Italia unita.

Questa è la vera storia unitaria in parte narrata dal mio bisnonno Luigi e in parte integrata da me con altri suoi appunti sparsi e con storie di famiglia.

Come Luigi di Iorio di San Barbato ce ne furono tanti e pochi sopravvissero alla ferocia umana. Altro che Questione meridionale!…

Fine della terza e ultima parte.

Michele Di Iorio

Articoli correlati:

- http://www.lospeaker.it/gaeta-e-i-suoi-eroi/

- http://www.lospeaker.it/gaeta-e-i-suoi-eroi-seconda-parte/

 

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →