Dolce Vita? Dal liberty al design italiano

20 giugno 2015 14:14 0 commenti

Condividi questo articolo

Tags:

affiche  mostra - (quadro di Antonio Donghi- circo equestre)PARIGI (FRANCIA) – Ad inizio ventesimo secolo, in un’epoca di grandi transizioni storiche, le arti decorative italiane si trovano ad ereditare un’importante tradizione artistica e artigianale, facendosi, allo stesso tempo, portavoci di un’istanza di rinnovamento, quasi un’esigenza di valicare le linee tracciate dal classicismo, per imporre una maniera italiana, innovativa ed identitaria, ispirata ai nuovi canoni di progresso e accelerazione.

L’industrializzazione, che rende diseguali economicamente e culturalmente le regioni italiane, influenza anche la nuova maniera d’intendere l’arte nella sua distribuzione geografica: è nel Nord del Paese che l’accostamento alla modernità da parte di artisti e artigiani appare più massiccia e rilevante.

Le correnti artistiche che si susseguono velocemente nell’arco di un quarantennio (1900-1940), e che interessano dunque (salvo alcune eccezioni) la parte settentrionale del nostro paese, costituiscono il focus di un’esposizione al Museo d’Orsay di Parigi, che s’inserisce in un clima di forte riscoperta della cultura artistica italiana, che vede protagonisti alcuni dei maggiori spazi espositivi della capitale francese.

La mostra dal titolo “Dolce vita?” s’interroga, attraverso un itinerario che a partire dal Liberty giunge sino alla nascita del design italiano, sull’esistenza di una fervida attività creativa che si sviluppa intensamente, pur nel corso di un periodo storico tra i più drammatici ed oscuri conosciuti dalla nostra storia fino ad ora. Il quadro a tinte fosche delineato dalla compresenza di guerra e dittatura non occlude le vene artistiche dei pittori, degli scultori e degli artigiani, che animano culturalmente il Bel Paese, malgrado le evidenti difficoltà correlate a quest’epoca storica.

E come sia possibile che il clima turbolento che aleggia intorno ad nazione che si avvia verso la catastrofe non impedisca il proliferare di una creatività eccezionale, è proprio quello che si sono domandati i curatori di questa mostra, che hanno utilizzato l’espressione felliniana “dolce vita”, accompagnandola ad un punto interrogativo, per sottolineare come una dolce vita fosse esistita in Italia anche prima che Fellini ne coniasse la definizione negli anni Sessanta.

Le cinque sale allestite per l’esposizione sono dedicate ognuna ad un preciso movimento artistico e si dispongono lungo una linea cronologica continua. L’ingresso è dominato dal manifesto della prima Esposizione Internazionale di Arte decorativa (Torino), realizzato da Carlo Bugatti. Siamo in pieno periodo giolittiano (1902) e il clima di generale ottimismo, sintomatico del crescente sviluppo della produzione, favorisce e determina il dinamismo delle arti. L’Art Noveau prende in Italia il nome di Liberty, corrente che anticipa la nascita del design vero e proprio. Lo stesso Bugatti realizza mobili dalle forme fantastiche e zoomoforme, mentre motivi floreali e più in generale il fascino suggerito dalla natura si traduce in dipinti che si ispirano al simbolismo europeo. Parallelamente a questo nuovo movimento, si sviluppa la corrente artistica “divisionista”, già affermatasi nell’ultimo decennio dell’Ottocento: i pittori scompongono i colori secondo un criterio di separazione delle tinte complementari.

Tra i più influenti divisionisti, si distingue Giovanni Segantini. Grazie al prestito temporaneo della Galleria d’arte di Milano, “L’amore alla fonte della vita” (1896) è collocato all’interno della seconda sala. Il quadro esemplifica i procedimenti comuni ai pittori che si  uniformano a questi dettami: lo sguardo rivolto alla poetica simbolista e la tecnica di scomposizione dei colori puri applicati sulla tela sono tra i procedimenti maggiormente impiegati. Oltre a Segantini, Gaetano Previati e Giuseppe Pellizza Da Volpedo (noto soprattutto per il celebre “Quarto Stato”) aderiscono inizialmente a questa corrente.

Un ulteriore spazio è consacrato alla tecnica artigianale della lavorazione del vetro, attiva soprattutto nella città di Venezia, che accoglie la Biennale d’Arte, a partire dal 1893. Tra i mastri vetrai, di cui è possibile ammirare le opere, risale agli anni Dieci l’esordio artistico ed artigianale di Vittorio Zecchin, nativo di Murano. Egli espone alla prima biennale alcune opere in vetro dal gusto classicheggiante e dai colori tenui e leggeri. È del 1914 il monumentale ciclo decorativo intitolato “Le Mille e una notte”, realizzato per l’Hotel Terminus di Venezia, che diverrà ben presto l’emblema dello stile liberty veneziano.

Anche a Firenze, Faenza e Roma, grazie alla creatività di alcuni artigiani, si fa strada uno stile liberty, dai tratti autonomi e particolari, imputabile alla fantasia dei singoli artisti.

La mostra prosegue con l’avvento del futurismo. Le “parole in libertà” del movimento fondato da Filippo Tommaso Marinetti e stilato nel manifesto del 1909, si materializzano in opere bizzarre e rivoluzionarie, esemplificative di tale avanguardia. Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Luigi Russolo e Gino Severini aderiscono al progetto di Marinetti, realizzando dipinti e sculture che privilegiano il dinamismo, l’accostamento di colori forti e decisi e di forme a più dimensioni che segnano una rottura violenta con il “passatismo” della tradizione, delle accademie e dei musei.

Il dipinto di Umberto Boccioni “Visioni simultanee” (1911) esposto nella prima mostra futurista a Parigi nel 1912, e custodito nel Museo Van Der Heydt di Wuppertal (Hannover) ritorna nella capitale francese, proprio in occasione dell’esposizione “Dolce vita?”.

Già il titolo della tela indica la compresenza di diverse prospettive. Visibile al centro della scena è una donna, affacciata ad una finestra. Lo scopo del quadro è raffigurare contemporaneamente la donna, il suo campo visivo e quello dell’ipotetico spettatore che la osserva dall’alto. Boccioni utilizza  colori sono decisi e innaturali, per aumentare la forza espressiva, mentre il tratto e le forme scomposte si situano al limite dell’astrattismo.

Alcuni anni dopo, nel 1917, l’incontro del pittore di origine greca Giorgio De Chirico con Filippo de Pisis e Carlo Carrà all’ospedale militare di Ferrara, anticipa e promuove la nascita della “Metafisica”. Contrapposta al futurismo e anzi intenzionata ad intessere un rinnovato dialogo con il gusto classicheggiante, questa corrente non si traduce in una mera ripresa dei modelli classici, decisi a superare le novità apportate dalle avanguardie, ma riflette sull’arte attraverso l’accostamento di oggetti antichi ad oggetti quotidiani, creando associazioni disattese, in apparente contrasto tra loro.

Giorgio Morandi - Natura Morta (metafisica)Anche Giorgio Morandi aderisce inizialmente alla poetica messa a punto da De Chirico. La sua “Natura Morta (metafisica)”  (1918) esprime una  “metafisica degli oggetti comuni”. Il dipinto mostra oggetti semplici ed apparentemente in antitesi, che sembrano stabilire tra loro un dialogo sommesso: una bottiglia, una pipa, una scatola e un manichino appoggiati ad un muro e pochi colori che ne enfatizzano la domestica semplicità.

A partire dalla metà degli anni Dieci, alcuni artisti riscoprono il valore della tradizione e la lezione dei maestri del passato. La “Silvana Cenni” di Felice Casorati è il manifesto di quel clima di “ritorno all’ordine” che si diffonde a macchia d’olio in Europa. Nel 1922 nasce appunto il movimento “Novecento italiano”, sostenuto dall’illustre critico d’arte Margherita Sarfatti, destinato a divenire l’espressione ufficiale del regime fascista.  Questo linguaggio “concreto e definitivo” è affiancato, però, da un’istanza di “realismo magico” perseguito in letteratura da Massimo Bontempelli. Tra i maggiori interpreti in ambito pittorico, Antonio Donghi, ricrea interni domestici con personaggi immersi in un contesto borghese e ordinario.

Ancora nel 1926, un gruppo di architetti lombardi fonda il movimento “Gruppo 7”. Essi realizzano in particolare mobili lineari e stilizzati, privi di qualsiasi decorazione, che contribuiscono a dar vita al movimento razionalista italiano. La quinta ed ultima sala della mostra mostra così un’arte pura e razionale che costituisce la premessa del neonato design industriale.

L’esposizione rende giustizia, di fatto, allo stile italiano, destinato ad avere lungo ed influente seguito in gran parte d’Europa. Nell’arco di questo quarantennio la creatività, l’avanguardia ed il ritorno all’ordine si susseguono con la massima disinvoltura. La mostra è inoltre complementare a quella dedicata ad Adolfo Wildt che trova spazio all’interno del Museo dell’Orangerie. Tale forte interesse per l’arte pittorica e sculturea italiana, il cui fulcro si situa in queste due importanti esposizioni, si conferma e si rafforza grazie ad ulteriori e numerosi eventi minori, come concerti, workshop, conferenze e rassegne cinematografiche.

L'amore alla fonte della vita - Carlo Bugatti (1896)

L’amore alla fonte della vita – Carlo Bugatti (1896)

Francesca Mancini

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →