Concluso il Carnevale savianese

9 marzo 2014 17:22 0 commenti

carnevale savianoSAVIANO – Nella tenuta La Marca di via San Francesco giovedì 6 marzo si è tenuta la presentazione storica del Carnevale cittadino, nonché premiazione di tutti gli artisti e delle 13 contrade savianesi che hanno preso parte attiva alla celebrazione.

La giornata di festa è culminata alle 20 del 6 marzo on il gran ballo in costumi del ‘700 di dame e cavalieri; alle ore 21 la premiazione delle Contrade e degli artisti, cui è seguito un sontuoso pranzo offerto dalla Tenuta La Marca a cura dello Chef coadiuvato dall’eccellente personale di servizio della Scuola alberghiera di Nola.

Grande successo di pubblico per una bella manifestazione che dal 1979 fa rivivere ogni anno gli antichi fasti del Carnevale di Saviano.

Organizzata dal Comitato Carnevale di Saviano del presidente Pasquale Napolitano, dalla Proloco del presidente Costanza Schettino, dall’Amministrazione comunale di Saviano l’assessorato al Carnevale, alla cerimonia del 6 marzo oltre al sindaco dottor Carmine Sommese sono intervenute numerose autorità, tra cui il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, l’assessore al Turismo e Beni Culturali della giunta regionale dottor Pasquale Sommese, la Tenenza di Saviano per l’Arma dei Carabinieri, il comandante della locale guardia municipale, le delegazioni comunali di Nola, Piazzolla di Nola, Somma Vesuviana, Palma Campania, Terzigno, Liveri di Nola, San Paolo Belsito, Quindici, Ottaviano, Cicciano, Roccarainola.

Erano inoltre presenti i dirigenti delle scuole pubbliche di Saviano, il presidente della famosa Cantina del Carnevale Francesco Manzo, le radio Arci, Arci Masaniello e Radio Saviano.

Si vuole oggi raccontare la storia dell’antico e celebre Carnevale della bellissima città di Saviano della Campania felice, splendido e antico comune italiano della sacra terra dell’agro nolano, in cui si trasfondono i significati più genuini e popolari dei tempi remoti.

E se oggi Carnevale vuol dire far follie, in tempi arcaici simboleggiava la rinascita del mondo e la vittoria sul male; si riaffermavano gli istinti, si abolivano le regole per ricreare l’uomo e la società e renderli migliori.

Sono da sempre questi gli stimoli profondi alla base degli antichi rituali carnevaleschi; questa complessa pienezza oggi è ben presente nel Carnevale e nel popolo di Saviano, simile ma forse più profondo dei carnevali di Venezia e di Viareggio.

I Saturnali, i Lupercali e i Baccanali erano feste agresti che in allegria capovolgevano – addirittura sconvolgevano – i ruoli sociali, dove si scialava a mangiava abbondantemente carne e dolci.

Secondo gli Accademici della Crusca, le festività romane di gennaio in onore del dio Giano si fusero quelle dei Baccanali, dei Saturnali, che cadevano tra gennaio a febbraio, e di Lupercali; diventarono dunque feste popolari dove si usava dipingersi maschere sul volto.

Sotto l’imperatore romano Teodosio il Cristianesimo proibì tali festività furono proibite fin dall’anno 385 d.C.; tutte queste celebrazioni liberatorie, antenate del moderno carnevale, furono abolite definitivamente nel 467 d.C.; venne dunque introdotta la festa della Candelora.

In tempi successivi, già cominciava a delinearsi la festa carnevalesca com’è oggi: a Venezia nel 1081 si ha notizia della maschera più antica, Arlecchino. il Carnevale veneziano organizzato dai dogi locali tra il 1261 e il 1400, divenne celebre in tutta Italia ed Europa; man mano diventò festa di massa, non solo a Venezia: si diffuse anche a Milano, Genova, Bologna, Roma.

Intanto fecero la loro comparsa le maschere tradizionali regionali: Pantalone, sempre a Venezia, Pulcinella a Napoli, il dottor Balanzone a Bologna.

In tutta la Toscana il Carnevale prese vita dal 1188 tra Pisa, Firenze, e infine Viareggio, che assunse la sua importanza tra 1500 e 1700.

Nel sud il Carnevale fu festeggiato a Palermo sin dal 1231.

Fu celebre e quello di Napoli Aragonese del 1460; secondo le cronache dello storico marchese Giovan Battista del Tufo il divertimento dapprima era riservato esclusivamente ai nobili e ai vicerè: bisogna attendere il 1600 passi anche a tutto il popolo.

Il Carnevale meridionale si diffuse tramite le corporazioni di Arti e Mestieri che nel 1662 organizzarono a Napoli la prima sfilata di giganteschi carri, cui seguirono altre a Striano e Capua.

In particolare il Carnevale di Saviano ha radici che si perdono nei tempi remoti della sua mitica origine.

Secondo alcuni storici, la città di Saviano nacque dalla fusione dei tre nuclei o villaggi di Sirico, Santo Erasmo e Saviano alll’epoca dei primi coloni Italici, Osci, Celti, Ausoni, Sanniti ed Etruschi; quest’ultimi provenivano da Capua, Acerra e Nola, dal possedimento di Praedium Sabianum della gens o famiglia patrizia Sabia, nel I secolo d.C.

Altri storici fanno derivare il toponimo di Saviano da Savino, antico nome del monte Somma, come si evince da atti notarili di compravendita di terreni e da documenti ecclessiastici e comunali.

Nel 1008 già veniva citato il borgo di Saviano; nel 1109 la denominazione del suo territorio era locus qui nominatur sabiana; nel 1171 era riportato come Saviane, esistendo già dall’858 l’antica chiesa di Sant’Angelo di Saviano, poi crollata nel 1785.

Saviano, 27 km da napoli a 35 msul livello del mare, con territorio pianeggiante di 13 km² , ha sempre avuto una grande storia legata alla tradizione del Carnevale: libero dal 1500 in poi a retaggio dei nobili napoletani residenti tra Nola e le loro ville di Saviano e zone limitrofe, come il casino di caccia del principe Mastrilli di Marigliano a Cicciano, passò al popolo savianese nel 1600.

Bisogna attendere il 1734 perché prendesse vita una vera è propria manifestazione organizzata, con Albero della Cuccagna; splendidi furono i carnevali di Saviano nel 1738 in onore della regina Maria Amalia di Sassonia, moglie di Carlo III.

La prima sfilata di alcuni carri allegorici sul tema di Nettuno tra i tritoni venne nel 1746; detto localmente Carnavale, la popolazione si mischiava a nobili e ai borghesi.

Il Carnavale diventò una vera e propria arte; coinvolgeva artigiani e imprenditori per la costruzione dei carri; tra i colli e campielli di Saviano tutti indossavano maschere divertenti, tra lazzi e giochi forse non molto riverenti ma fatti bonariamente.

Al Carnevale di Saviano del 1760 fu presente l’ambasciatore inglese a Napoli lord William Hamilton, in compagnia del principe Luigi Medici di Ottaiano e di Palma Campania, del principe di Cimitile, del duca Mastrilli, annotando nelle sue memorie di un carro savianese con un gigantesco e provocatorio fallo della fertilità del dio Priapo.

Nel 1774 fu visitato dalla nobiltà nolana e napoletana, tra cui erano presenti Sara Goudar, da Archenholz, e, in compagnia del principe Vincenzo de Sangro, persino madame de Staël. Nelle sue memorie la bellissima Sara Goudar racconta che il Carnavale veniva annunciato da trombe dette tofe; si facevano banchetti pantagruelici, chiasso per i vicoli, lancio di palline di gesso e di zucchero da finestre e balconi, grandi balli nelle ville, nei casini di caccia e nei pochi palazzi borghesi di Saviano.

Il Carnevale venne sospeso per gli avvenimenti politici del 1793 con l’editto reale del reggente di Vicaria don Luigi de’ Medici; lo stesso accadde durante la Repubblica Napoletana del 1799, quando il popolo savianese insieme quello nolano il 30 maggio 1799 si ribellò in massa al regime locale filogiacobino e filofrancese.

Per ritornare ai festeggiamenti carnevaleschi bisognerà aspettare il 1808, quando Gioacchino Murat diede ordine di ripristinare la festa in tutto il territorio.

Ripresero dunque i giochi nei caffè e ridotti pubblici di Nola e di Saviano, in case private, la sfilata di carri per le strade. Il Carnavale diventava sempre più rinomato e nel 1833 vi partecipò anche il conte di Siracusa Leopoldo di Borbone con i suoi gentiluomini di scorta diretto a Palermo, con l’incarico di Luogotenente generale di Sicilia. Leopoldo visitò la chiesa e il comune, fermandosi poi al Santuario di Montevergine.

Nel febbraio 1861, vi assistette anche Vittorio Emanuele II di Savoia su consiglio di don Antonio Ciccone da Saviano, filogaribaldino, scienziato e statista del regno.

Il Carnevale savianese perse colpi nel 1877 fino a scomparire gradatamente per la crisi economica causata dagli scandali della Banca Romana e dal dissesti del Banco di Napoli, ma anche per la gravissima epidemia di colera e di pellagra che infuriò nelle campagne campane fino al 1874; inoltre la popolazione diminuiva costantemente per il forte flusso emigratorio

L’antico Carnavale riprese nel 1904 con feste , balli privati e sfilate di carri,  rivaleggiando con i carnevali di Striano, Nocera, quello famoso di Capua e quello morente di Napoli, ma col tempo non venne più celebrato.

Il carnevale di Saviano moderna risale invece al 1979, ripreso su iniziativa di Nicola Strocchia con la sfilata di un unico carro detto di Masaniello: tre settimane di festa carnevalesca che rinsaldarono le tradizioni contadine locali e il recupero delle radici popolari.

Negli ultimi anni il Carnavale ha raggiunto grande notorietà, diventando man mano una festa identitaria per il territorio: i savianesi emigrati tornano temporaneamente a casa, portando con sé tanti visitatori stranieri, uomini e donne dello spettacolo internazionale e della cultura mondiale.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →