Armando Gill, il papà dei cantautori

4 novembre 2013 07:49 0 commenti

Condividi questo articolo

 

«Armando Gill nel suo mondo è tutto: poeta, musico, interprete, improvvisatore, conferenziere, donna, uomo, anfibio, eteroclito, paradossale, lepido, sentimentale: sempre artista, però, specializzato in un genere, unico nel suo genere! Egli può essere quello che più vuole e meglio gli talenta: può cantare cu’ ‘nu felillo ‘e voce stornelli amorosi, ed essere incantevole; può accennare stornelli scherzosi ed essere irresistibile. Può creare un tipo impossibile ed improbabile di macchietta, e farlo accettare come un tipo vero, può infilzar freddure eterogenee l’una dietro l’altra, e far ridere di un riso irrefrenabile! Egli conosce tutti i segreti della burla e del motteggio; ha l’occhio del cuffiatore, la grimace del ripassatore, tutte le risorse;  e dice le cose più enormi con un’ingenuità, con una eleganza, con un’aria d’innocenza, con un’aureola di candore, che lo rendono desiderato alle platee, e – quel ch’è peggio per il pubblico maschile – al pubblico femminile! Non v’è donna, infatti, che non lo adori; ed egli si lascia adorare, con l’occhio un po’ socchiuso, col sorrisetto un po’ blasè, con la vocina un po’ fioca, col ciuffo nero un po’ scompigliato: Egli è insomma, per dirla con qualche freddura a modo suo, un Armando d’ogni più invincibile qualità per piacere: un Gill …ch’è un rasoio Gillette di prim’ordine, perché sfiora ogni pelle un po’ delicata, come una seta! Gill può dire tutto, può improvvisare tutto, può accennare tutto…e può anche non cantare affatto! Il pubblico lo applaudirà sempre!»

«… Armando Gill canta ed interpreta la canzonetta napoletana con una grazia tale, rivela in lui il musicista, il poeta e l’interprete fusi in un tipo solo, e fa supremamente gustare le più riposte intenzioni del poeta, le più carezzevoli sfumature del musicista».

Sono parole scritte dal poeta Ferdinando Russo in “Piedigrotta Polyphon” nel 1913.

Vero nome Michele Testa, Armando Gill nacque a Napoli il 3 luglio 1877, terzo di sei figli, di Pasquale Testa Piccolomini, proprietario di una distilleria di liquori in via Foria a Napoli e di Concetta Saracino, che lo lasciò orfano in giovanissima età; il padre fu costretto a mettere in collegio il piccolo Armando, aveva appena nove anni.

Il debutto nel dorato mondo della canzone avvenne nel 1896; la canzone, musicata da Vincenzo De Crescenzo, in arte Lehrer; la composizione si chiamava Fenesta ‘nchiusa, venne pubblicata dalla casa editrice diretta da Peppino Santojanni.

Nel 1899, il nostro Gill lanciò una canzone dal titolo  ‘O surdato, sempre con musica del De Crescenzo; la canzone vinse il primo premio al concorso canoro indetto dalla rivista artistico-musicale “La Tavola Rotonda” ,edita dalla gloriosa casa editrice musicale Ferdinando Bideri.

Per la cronaca: al secondo posto di quell’anno si piazzò l’incantevole I’ te vurria vasà!.. firmata dal mitico binomio Vincenzo Russo-Eduardo Di Capua.

Dopo la notorietà dovuta alla vittoria al citato canoro, Armando Gill decise  – per non creare ulteriori imbarazzi alla su famiglia, essendo questa di ceto borghese, non proprio contenta dell’attività artistica del congiunto – di  scegliersi, a quel punto, un nome d’arte; la scelta cadde su Armando Gill, nome assunto in onore di un famoso personaggio di un celebre romanzo dell’epoca: lo spadaccino Gillo.

Una piccola curiosità a riguardo:quando il regime fascista decretò che tutti i termini stranieri fossero “italianizzati”, il nostro si trasformò in Armando Gilli. 

Compiuti gli studi liceali, Armando si scrisse alla Facoltà di Giurisprudenza, per poi abbandonare definitivamente pandette e codici per dedicarsi completamente al Varietà.

Elegantissimo, Gill vestiva quasi sempre in abito scuro; solitamente indossava il frac,  il papillon e una immancabile gardenia bianca all’occhiello.

Un particolare che lo caratterizzava, nel pur variegato mondo dello spettacolo fu l’uso del monocolo, portato per necessità dall’artista per problemi di vista legati al suo strabismo.

All’apice della sua carriera, veniva considerato il  maggior rivale  del grande artista romano Ettore Petrolini; si presentava al pubblico con un frase divenuta celebre: «Versi di Armando, musica di Gill, cantati da Armando Gill».

Esilarante improvvisatore, fu protagonista e interprete di numerosi successi; ci piace ricordarne qualcuno: Bel soldatin (1910) , musicata da Agostino Magliani; Stornelli montagnoli e campagnoli (1909), musica del mastro Alfredo Mazzucchi e le sue Nun so’ geluso!.. (1917);  ‘E quatto ‘e maggio  (1918); ” e la notissima  ‘O zampugnaro ‘nnammurato ( 1918).

Gill si dedicò anche a spettacoli di rivista e con la collaborazione del maestro Guido Di Napoli; scrisse: Calendario, 4 & 4 = 8 e la sua rivista più nota Gill affondato.

La sua carriera non fu tutta rose e fiori: una parte di critica lo accusava d’oltrepassare i limiti delle buone maniere durante le sue divertenti improvvisazioni artistiche.

Gill si dedicò anche a quello che oggi è definito marketing: infatti  è rimasto famoso un suo escamotage pubblicitario.

Era  l’anno 1918: Armando fece tappezzare i muri della Città con grandi manifesti anonimi con sopra raffigurato un grosso ombrello, per poi annunciare successivamente la nuova canzone da lanciare. Si trattava della celebre, ancora oggi molto interpretata Come pioveva…

Giunto all’età di 48 anni, decise di prender moglie, impalmando la giovanissima Irma Fricchione; il matrimonio fu un’ulteriore fonte ispiratrice dell’artista; vennero fuori dalla sua vena feconda canzoni che ebbero un notevole successo, come  Palomma(1926); E allora?… (1926)  e La donna al volante (1927).

Nel 1943 Armando Gill cedette alle onnipresenti edizioni musicale Bideri  tutta la sua produzione.

Due anni dopo il papà dei cantautori lasciava questo mondo. Era il   2 gennaio 1945

L’artista volle che sul marmo della sua lapide fossero scolpiti i versi: Core, fatte curaggio, ‘sta vita è nu passaggio/ facimmencello chistu quatto ‘e maggio,/ che nce penzammo a ffa, si ‘o munno accussì va?

Arrivati alla conclusione della biografia di Armando Gill, citiamo un episodio che riesce a mettere in chiaro il forte carisma, l’originalità e la capacità d’improvvisare del grande artista: «Gill, l’aggraziato chansonnier napoletano dal ciuffo nero,il monocolo, la marsina irreprensibile, e la voce esile ma incantevole, si esibiva, una sera, in un teatrino – una baracca di legno, veramente – d’un paesello rivierasco del salernitano. Aveva attaccato la sua canzone Nun so’ geluso!.. allorché si sentì venire dall’esterno  il potente ragliare d’un asino. Gill fermò il suo canto e attese, ma poiché il ragliare del ciuco non finiva, calmò con un gesto della mano gli schiamazzi  del pubblico, improvvisando questi versi: Non posso continuar, questo per me è un corruccio,/ llà fore canta ‘o ciuccio e io nun saccio arraglià! »

Fu la celebre Matilde Serao a raccontare quest’episodio, descrivendolo perfettamente.

Ciro Daniele

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →