Analisi logica della politica italiana degli ultimi quarant’anni – II parte

23 febbraio 2015 10:22 0 commenti

RGB baseFu l’iniziò del trasferimento delle sedi sociali e fiscali  di aziende, i nazionali trainanti l’economia interna  verso paesi a basso tenore fiscale.

La smobilitazione non preoccupava né politici né burocrati, il lavoro c’era, il benessere illusorio derivato dallo sviluppo industriale cresceva, lo stato era guidato da personaggi miopi, per non dire ciechi.

Ministri e burocrati costretti dall’evenienza e dall’evidenza imponevano tasse sempre più alte, con queste venivano pagati i nuovi servizi, strade, metropolitane, porti, aeroporti, stadi, piscine. Le entrate però non andavano di pari passo per pagare gli interessi sul debito.

I responsabili dello stato  che non ce la faceva a pareggiare il bilancio annuale,  ordinavano alla Banca d’Italia di emettere nuove obbligazioni, di  coniare nuova moneta, di conseguenza  anche l’aumento della tassazione fu causa d’inflazione. Il valore dell’oro depositato alla Banca d’Italia non corrispondeva minimamente al denaro emesso, come avrebbe voluto  la regola del buon amministratore, se non quella del buon senso.

Ogni italiano, facilmente assuefatto alle novità che il benessere portava, chiedeva sempre di più. Erano richiesti con insistenza servizi pubblici a costi limitati, infrastrutture, strade e quant’altro.

I politici di turno, per aumentare i loro elettori, elargivano a piene mani favori e concessioni a destra e a manca. Nulla costava elargire: così facendo raccoglievano più voti e celebrità tramite la corruzione degli intrallazzatori. Per di più portavano soldi al partito e soprattutto alle proprie tasche.

I governanti di turno, spesso gli stessi per decenni, non lesinavano in nulla tanto a pagare era lo Stato.

I soldi arrivavano, sotto forma di B.O.T., C.C.T.  e  altre obbligazioni. Anche la mafia acquistava titoli del debito pubblico, con interessi pagati a peso d’oro.

I loro soldi sottratti allo stato con la compiacenza d’attori della politica, riciclati all’estero ben puliti, immacolati, rientravano in patria sotto forma d’investimento, a coprire puntualmente la voragine che si stava sempre più allargando.

Stanziamenti statali  emanati con leggi e leggine ad hoc, promulgate in aiuto ai vari territori terremotati, o a ditte fantasma, che avrebbero dovuto fondare industrie al sud,  o per presunti aiuti a paesi sottosviluppati, dove lavori faraonici  venivano eseguiti  solo in parte e poi abbandonati a se stessi.

Centinaia di migliaia di miliardi di vecchie lire dentro valige diplomatiche in questo modo hanno involato verso paradisi fiscali, per poi ritornare in patria sotto forma d’investimento estero. Quasi un prestito dello stato a sé stesso, ma con un interesse ed un capitale da restituire a privati delinquenti, politicamente coinvolti.

Nessuno pareva o voleva accorgersi che il baratro finanziario statale richiedeva sempre più per interessi, quindi è continuata l’emissione di tasse e gabelle.

«Facciamo finta che tutto va bene, qualcuno un giorno il debito lo pagherà» era il pensiero comune d’ogni italiano, e l’evasione fiscale aumentò, frutto dell’esperienza in sopravivenza insita in ognuno.

Quando era reso noto pubblicamente l’importo del debito che gravava su ciascun cittadino, anche del  neonato di un’ora, tutti i cittadini pensavano «Tanto io non lo pago, né mai lo pagherò». Ci penseranno i politici a ripianare i conti, sono loro che hanno fatto il buco.

Com’è  nata l’Italia nel 1861 siamo nati anche noi con un debito pro capite da pagare.

Purtroppo la realtà fa male ed ora a pagare dobbiamo provvedere noi tutti  italiani indistintamente, se vogliamo risollevare la nostra sorte, privata e della nazione.

Nel 1970 furono istituite le Regioni, ognuna  di queste fin dalla nascita pretese la propria  autonomia impositiva sempre più fortemente. Lo stato centrale, in difficoltà finanziaria, iniziò a cedere alle loro richieste d’imposizione aggiuntiva regionale, poi provinciale, infine comunale. Il tutto ha portato al oggi ad un prelievo fiscale globale  superiore al 77% ed è in continuo aumento progressivo.

Il crescente desiderio d’affermazione di potere dei vari onorevoli in ascesa, di destra e di sinistra, vide un continuo ricambio politico.

Una caratteristica molto particolare che contraddistingue il panorama politico direttivo italiano, ma anche una punizione che l’Italia si merita. È molto duro affermarlo, ma è così.

Seguirono al governo di Mariano Rumor, i governi Colombo, Moro, Andreotti. Ancora Rumor, poi ritornarono Moro e Andreotti più volte con altri esecutivi. E poi Forlani, De Mita, Spadolini. Quindi fu il turno di Craxi.

Bettino Craxi, presidente del consiglio, in pratica governante despota unico ed autoritario.

Capo del partito socialista, persona autorevole, determinato al potere ed alla grandezza, nei pochi anni del suo governo aumentò vertiginosamente il debito pubblico di centinaia di migliaia di miliardi di vecchie lire, tanto che a quel punto divenne improponibile perfino alle calcolatrici normali digitarne la cifra.

La sua idea era di stampare una nuova moneta – la lira pesante – così avrebbe potuto meglio giustificare le cifre esponenziali in aumento della spesa statale e del debito pubblico.

Come nei governi precedenti, i miliardi di lire previsti nel bilancio annuale non erano mai sufficienti a coprire le spese correnti, gli investimenti dello stato.

La Banca d’Italia, obbligata dal Ministero del tesoro, doveva stampare in continuazione nuova moneta e nuove obbligazioni statali,  facilmente vendute alle aste, con l’aumento sempre maggiore del costo d’interesse.

Le aste dei B.O.T. e dei C.C.T iniziarono ad attrarre investitori esteri. Allora cominciarono a metterci il naso le società americane di valutazione del rischio che valutarono l’Italia con la “tripla A”.

Durò quasi quattro anni il potentato Craxi. Gli succedettero al governo nuovamente Fanfani, poi per un breve periodo De Mita, quindi Andreotti per più di tre anni, ancora Amato. Infine nel 1994 si insediò Berlusconi.

Il caro Silvio arrivò al potere, tramite le sue televisioni con la sua esperienza da imprenditore creatosi dal nulla. A sentirlo doveva liberarci dal giogo del debito, rilanciare l’Italia, renderci tutti benestanti e felici.

Vane ed inutili furono per tanti anni le sue  promesse e premesse elettorali. Perseguitato dalla magistratura di sinistra per il suo potere finanziario, contornatosi di politici opportunisti ed inutili, ha portato allo sfacelo  la povera Italia.

Nelle ultime sue battute internazionali con l’aiuto di Sarkozy, l’allora presidente francese, Berlusconi fece nominare Mario Draghi alla presidenza della B.C.E. In cambio dell’aiuto politico ricevuto operò senz’altro per la cessione della Parmalat al gruppo francese Lactalis.

La Parmalat, gioiello dell’industria italiana, colosso dell’industria lattiero casearia, sia nazionale sia internazionale, costruita dal nulla da Callisto Tanzi, fu portata al fallimento dal sistema d’ingordigia delle banche  nazionali,  dirette da banchieri  ignobili, politicamente protetti.

Così ebbe inizio la svendita delle aziende trainanti l’economia nazionale verso i paesi esteri; tuttora gli stessi fanno shopping d’industrie italiane.

L’imposizione di tasse e gabelle di tutti gli organi dello stato – comuni, province, regioni, enti – ha nel tempo reso impraticabile il lavoro e lo sviluppo del nostro paese, senza poi parlare della burocrazia in generale e di quella istituita a protezione dell’Ambiente, della sindacalizzazione esasperata della classe operaia, del continuo aumento del costo del lavoro.

A  causa principalmente dell’inflazione che gonfia i numeri del costo del lavoro, ma ne diminuisce il valore intrinseco d’acquisto di beni e servizi, moltissime ditte hanno traslocato all’estero le proprie attività, impoverendo esponenzialmente la nazione intera, a nome e per conto del mero profitto personale.

Il professor Prodi, comunemente chiamato il mortadella per le sue origini bolognesi, fu eletto alla presidenza del consiglio dal 1996-98. Il suo governo, è da dire,  limitò il propagarsi del debito pubblico  nel periodo di permanenza al potere, ma anch’egli non pensò minimamente ad abbassare l’incidenza  del debito, anche in presenza di un tesoretto di quindici miliardi di lire trovato nelle pieghe di bilanci precedenti, non pensò di alleggerirne il peso

Una volta uscito dalla scena di governo fu nominato presidente della commissione europea nel 1999.  Lì rimase fino al 2004. Durante la sua presidenza alla U.E. portò a termine il progetto di unione monetaria europea, (era il 1° gennaio 2002). Immise l’Italia nell’euro con un parametro di sudditanza economica pari a  1932,26 lire per 1 euro. Circa.

La lira nell’anno in questione viveva un periodo di forte difficoltà politico-economica sia interna che internazionale, avendo subito una  svalutazione esponenziale nei confronto del dollaro e del  marco tedesco.

Negli anni ’90 -‘93 il tasso praticato dalle banche sui prestiti a medio termine arrivò alla soglia del 30%  composto annuo.

Il lavoro c’era, ma ogni sforzo lavorativo era assorbito dall’usura legalizzata praticata dal sistema bancario, diretto dall’allora governatore della banca d’Italia Ciampi. Non un politico, non un economista di rilievo si fece carico del problema, nessuno pareva accorgersene.

Ciampi, aumentava il tasso d’interesse di giorno in giorno, la sua teoria era che così facendo frenava l’inflazione. La realtà ben differente si notava settimanalmente, tramite gli aumenti del costo di tutti i beni e la continua perdita di valore di scambio della nostra moneta nei confronti dell’estero.

Gioivano i possessori di B.O.T. e di C.C.T., come pure i depositari dei risparmi bancari, per non parlare degli investitori in fondi d’investimento internazionali che videro aumentare i loro profitti, anche del 30% annuo, e tutto a scapito dei disgraziati imprenditori che lavoravano come schiavi e credevano di guadagnare qualcosa dalla mole di lavoro.

Erano gli anni tra il 1991 ed il 2001. Governo dopo governo, in alternanza tra Ciampi-Berlusconi-Dini-Prodi-Dini ancora Prodi- D’Alema- Amato- infine Berlusconi- tutti i nominati alla presa del comando quali presidente del consiglio – decretarono l’immediato aumento dei prezzi dei carburanti,  un bancomat da cui estrarre a stretto giro soldi freschi, in contanti, indispensabili per organizzare la festa d’inizio carnevale del governo.

Berlusconi fu aiutato nei giochi di potere da qualche onorevole di destra e di centro, per non parlare del leghista d’eccezione onorevole Bossi, e del braccio destro onorevole Tremonti. Oggi fortunatamente  scomparsi dal panorama di rilievo della politica nazionale. Silvio con le sue promesse del «Faccio tutto io», ha portato il paese al tracollo finanziario, politico, morale.

Ultimo a governare l’Italia con una forza di centro, il Berlusconi  dell’ultima legislatura dopo diciotto mesi di promesse non mantenute, distintosi  in concomitanza del terremoto dell’Aquila  a promettere miracoli, e dirigere le operazioni faraoniche di primo soccorso, con spese inusitate e risultati effimeri, coadiuvato nell’opera dal responsabile della protezione civile Bertolaso, scomparso pure lui dalla scena e incalzato dalla magistratura, per appalti assegnati ad amici di amici.

Infine Berlusconi dovette cedere il comando della nave Italia per ordini superiori del presidente della repubblica, sotto l’incalzante default finanziario dello stato.

Nell’intento di cavare le castagne dal fuoco, ha ribaltato le stesse nella brace, con la nomina a  primo ministro il non eletto professor Mario Monti, napoletano,  che governò con una  compagine di bancari e docenti in pensione, persone vecchie. Dovevano di per sé dimostrarsi sagge, dare un indirizzo politico sociale e finanziario di sviluppo e certezza alla nazione e finirono per svilire del tutto il panorama nazionale.

Il professor Monti, super tecnico quale si doveva chiaramente dimostrare, non è stato da meno dei suoi predecessori. Oltre al canonico immediato aumento dei carburanti, ha avuto la formidabile idea di inquisire tramite il corpo della Guardia di Finanza i possessori d’auto di lusso, di barche grandi e piccole, ed ogni forma di vacanza facoltosa. Così facendo in un sol colpo ha distrutto il comparto suv, auto costose, barche, e vacanze da milionari.

Non soddisfatto del danno causato, Monti dopo aver messo un ginocchio mezza nazione, ha riformulato la tassazione della casa, abrogata dal governo Berlusconi. La casa, il  sogno e salvadanaio di tutti gli italiani.

La conseguenza deleteria di questo provvedimento è stata il calo vertiginoso delle nuove costruzioni ed il blocco quasi totale dei nuovi acquisti.  Ha riportato in due anni la nazione alla comparazione in licenze edilizie rilasciate nel 1936, con il conseguente calo del giro d’affari che teneva in piedi l’altra mezza economia nazionale.

Ancora, il nominato onorevole Mario Monti, ha inventato – per necessità estrema – il patto di stabilità dello stato, che fra le altre normative prevede l’accentramento di tutti i risparmi degli enti nazionali nella cassa comune statale.

I denari raccolti dagli enti sono stati utilizzati per l’acquisto di B.O.T. e C.C.T., cosi tutti i soldi d’enti e comuni sono scomparsi nel calderone del debito pubblico. Naturalmente questi soldi sono e rimarranno per sempre irrimborsabili ai legittimi proprietari.

Anche a volerlo lo stato non ha più un denaro bucato nelle casse per poterli restituire. A causa di quest’oneroso provvedimento migliaia di comuni si sono trovati in gravi difficoltà economiche.

Mario Monti, da bravo banchiere, ha inoltre sostenuto le banche con provvedimenti a loro favore.

Uno di questi  si riferisce alla concessione al Monte dei Paschi di Siena di un forte aiuto finanziario statale, cioè il frutto raccolto dalla tassazione I.M.U. sulla casa da parte dello stato.

Per ultimo ha fatto contrarre alle banche italiane nei confronti della B. C. E.  un debito di circa 250 miliardi di euro.

La banca centrale Europea governata dall’amico e collega Mario Draghi, ha prontamente elargito il prestito alle banche Italiane ad un tasso dello 0.5%. Questi soldi poi le banche li hanno investiti nell’acquisto di B.O.T. in scadenza, in modo da far apparire Monti il salvatore della patria.

L’operazione ha raggiunto lo scopo, quello di procrastinare il default governativo, regalando nel frattempo alle grandi banche utili garantiti dallo stato con un interesse annuale del 5%.

C’è da dire però che i banchieri hanno fatto il conto senza l’oste, ossia uno stato zoppicante e malato di corruzione e mal diretto, che non aveva né avrà in futuro i soldi per rimborsare il debito.

Si è venuto a creare con questa azione il presupposto di fallimento delle banche italiane in concomitanza con il prossimo default dello stato.

Si può ben affermare che il Professor Monti,  coadiuvato dagli emeriti ministri bancari e professori vari nel breve periodo vissuto al governo del paese, ha dato un bel colpo all’economia e alla fiducia degli Italiani.

Sua è la  responsabilità di innumerevoli e deplorevoli fallimenti di ditte private, anche per il mancato pagamento delle commesse statali.

A seguito dei tantissimi decreti trasformati in legge con l’imposizione della fiducia al parlamento, ha raggiunto gli scopi che bene o male il governo riteneva  indispensabili.

Ha inoltre  portato parecchi imprenditori  a suicidarsi, colpiti dallo sconforto nel vedere quarant’anni di lavoro buttati,  le loro ditte fallite, distrutte da politicanti da strapazzo.

Il gran vecchio, il Presidente della Repubblica, visto il grave errore commesso, ha tolto lo scettro del potere dalle mani di Monti condannandolo all’oblio, ma oramai il danno era stato fatto.

Di seguito sempre lo stesso  ha messo lo scettro del potere nelle mani del centrosinistra, suo stesso partito d’elezione.  Non riuscendo però l’allora leader Bersani a raggiungere un accordo fattivo di governo con altri partiti per raggiungere la maggioranza, ha dovuto declinare su di un semisconosciuto onorevole Letta.

Fine seconda parte

 Gilberto Frigo

Prima parte:                                                                                                                                                           http://www.lospeaker.it/?p=44347

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →