Amori, misteri e guerra a Portici

11 novembre 2014 11:25 0 commenti

Ettore Carafa Conte di Ruvo_clip_image016Siamo nella ridente cittadina vesuviana sotto il regno del buon Ferdinando IV di Borbone.

Dal 1797 il Regio Governatore distrettuale di Portici, Resina e Torre del Greco era lo scrittore Nicola Fiorentino, lucano di Pomarico, in provincia di Matera.

La Città di Portici ebbe grande sviluppo dal 1738, quando i Borbone costruirono la Reggia estiva favorendo l’insediamento della nobiltà in magnifiche ville vesuviane. La strada costellata di queste splendide dimore prese il nome di Miglio d’Oro. Il territorio era inoltre adiacente agli scavi archeologici di Ercolano, incuneato in un connubio felice tra Vesuvio e mare, ricco d’acque sorgive e di verde rigoglioso.

Intorno ai sovrani qui si susseguivano battute di caccia, balli, ricevimenti, escursioni, feste. La corte prosperava e prosperavano tutte le attività.

Molti erano gli ufficiali e cadetti che risiedevano a Portici, tanto che nel 1773 venne fondata una loggia massonica di rango militare in cui militavano vari porticesi,tra cui Filippo de Marini, marchesino di Genzano, Giambattista De Simone, Francesco Buonocore, Gennaro Serra duca di Cassano.

Vi facevano parte soci come l’avvocato Nicola Fasullo, e lo studioso e grecista calabrese Pasquale Baffi, bibliotecario dell’Accademia Ercolanense, che aveva sede nel Palazzo Reale. Baffi nel1786 aveva fondato in località Bagnara una grande fabbrica di seta.

Nel 1775 nel Regno vi furono molti arresti di massoni e il Gran Maestro principe Francesco d’Aquino di Caramanico per prudenza mise in sonno la massoneria.

Nel 1776 la polizia arrestò a Portici Pasquale Baffi e il suo Presentatore della loggia Giantommaso Peyrol, professore di francese nel battaglione cadetti della Nunziatella, che aveva sede nell’attuale via Giordano, collegata al mare da un cunicolo segreto.

Il 10 agosto 1763 nel feudo pugliese paterno di Andria, provincia di Bari, nacque Ettore Carafa, della famiglia principesca patrizia di Napoli, di Torre del Greco e di Portici.

Al momento della nascita di Ettore, un marmo del camino si spezzò all’improvviso. L’evento fu visto come cattivo auspicio e tra i famigli del palazzo si disse che quel bambino avrebbe fatto una fine triste.

Il giovane Ettore a 12 anni entrò nel battaglione cadetti degli ufficiali del re, la futura Nunziatella, ascrivendosi dopo qualche tempo alla massoneria militare scozzese, su consiglio di un suo zio e istitutore.

Uscì dalla scuola militare con il brevetto di “Uffiziale del Regio Esercito”, raggiungendo il grado prima di alfiere e poi di sottotenente nel 1783.

Ettore Carafa venne mandato in licenza d’istruzione in Francia, dove si appassionò ai  libri dell’Enciclopedia e dei Lumi e assimilò gli ideali di libertà, di fratellanza e di fratellanza.

Al rientro a Napoli ereditò dal padre il titolo e il feudo di conte di Ruvo in Puglia.

Nel 1786 fu promosso II tenente del Reggimento Real Mare, ovvero i fanti di Marina da sbarco, già Real Liparotti del Re, di stanza sempre a Portici alla Reggia.

Fu Paggio di Fiaccola del re Ferdinado I a Mantova, Venezia, Milano e Trieste nel 1789  e l’anno seguente Paggio di Borsa a Vienna e a Praga.

Nel 1790 Ettrore fu ascritto alla loggia massonica “I figli della libertà” della Riviera di Chiaia, di cui faceva parte anche Mario Pagano, e in seguito a quella di Santa Lucia.

Nonostante gli arresti della polizia borbonica, che poi sfociarono nel grande processo del 1793, Ettore Carafa risvegliò la loggia massonica scozzese di Portici, aprendo l’anno seguente una sezione femminile, cui fu ascritta anche la giovane marchesa Eleonora de Cillis.

Eleonora, studiosa di latino, greco, letteratura, filosofia, storia, lingua italiana, nonché poetessa e scrittrice, era nata nel 1781 a Torre del Greco nella villa paterna in contrada La Lava, oggi Leopardi, e aveva studiato in collegio dalle suore francesi di Napoli dal 1786 al 1793.

Durante l’ultimo anno di scuola aveva partecipato a un ballo a villa Serra Cassano di Bellavista in Portici. Qui aveva conosciuto Ettore Carafa. I due si innamorarono profondamente.

Individuato come massone e giacobino, nel 1795 Ettore venne arrestato e condotto a Castel dell’Ovo. Riuscì ad evadere dalla fortezza con l’aiuto del fratello Carlo, grazie a funi procurategli dalla figlia di un ufficiale borbonico, innamorata del bellissimo giovane che aveva sempre tanto successo con le donne, e fuggì via mare.

Ettore Carafa riparò a Bellavista nella villa dei suoi amici Serra Cassano, che condividevano le stesse idee politiche. Qui s’incontrava segretamente la sua amata, la marchesina de Cillis.

Intanto nel 1798 le truppe francesi del generale Championnet entrarono a Roma spodestando il governo del papa Pio VI Braschi. Ettore si allontanò da Napoli e fece domanda di arruolamento nell’esercito francese, combattendo contro i borbonici a Civita Castellana il 5 dicembre 1798 insieme alla legione napoletana che aveva costituito con 1000 fuoriusciti giacobini. Venne nominato colonnello capolegione dallo stesso Championnet e insieme a lui rientrò vittorioso a Roma.

Combattè pochi giorni dopo contro i guerriglieri borbonici delle bande di Gaetano Mammone di Sora e e di Fra’ Diavolo, alias Michele Pezza di Itri e ancora contro i soldati borbonici sotto Capua il 3 gennaio 1799.

Entrò trionfante con le truppe francesi a Napoli il 23 gennaio 1799.

Instaurata la Repubblica giacobina protetta dalle baionette francesi, il 14 febbraio Ettore Carafa organizzò la Guardia Civica nei vari paesi e cittadine, mentre i giacobini a Napoli si festeggiavano la rinascita delle logge e dei club massonici.

Così il Carafa rientrò anche nella rinata loggia di Portici, rivedendo la sua amata segreta donna Eleonora dei marchesi de Cillis prima della Pasqua 1799.

Passò poco tempo e il governo repubblicano si trovò a fronteggiare insurrezioni filoborboniche in tutto il territorio dell’ex regno, favorite dallo sbarco del 5 febbraio 1799 in Calabria del cardinale Fabrizio Ruffo. Il suo esercito popolare sanfedista e filorealista nel giro di un mese occupò facilmente l’intera Calabria e la Basilicata. Contemporaneamente negli Abruzzi, Molise Puglia vi furono rivolte popolari filoborboniche.

Nel territorio sconvolto della repubblica napoletana, si ricorse alla coscrizione militare repubblicana, chiamando alle armi 20mila militari che in diverse legioni combattevano al fianco delle truppe francesi per inviarli a contrastare i ribelli.

In Irpinia vennero inviati il marchese di Genzano e il generale Florestano Pepe, ma i ribelli li misero in sacco nelle gole di Monteforte. Arrivò dunque Ettore Carafa d’Andria con la sua legione napoletana e mise in fuga i ribelli sia a Mercogliano che a Monteforte. Poi marciò sulle Puglie massacrando i partigiani della resistenza popolare a Casamassina e a Sansevero.

Nell’aprile 1799 la sua avanzata continuò verso Bari. Occupò il suo feudo comitale di Castel del Monte di famiglia e a maggio espugnò la città di Andria, che gli aveva dato i natali.

Dopo aver massacrato 6mila ribelli attacco Ruvo, altro suo feudo, passò alle armi 8mila insorti. Insieme con le truppe francesi occupò poi Bari e Brindisi.

Intanto l’alto comando francese aveva deciso di ripiegare verso nord, lasciando la repubblica napoletana alla sua tragica sorte.

Ettore Carafa ripiegò allora verso il Molise e l’Abruzzo attestandosi a Pescara, ma senza l’appoggio militare dei francesi.

Venuto a conoscenza dell’armistizio di Napoli del 22 giugno 1799 tra il governo repubblicano e le milizie realiste del cardinale Ruffo, il Carafa si arrese a discrezione e prigioniero di guerra venne condotto « … in gabbia di ferro» nel forte del Carmine della capitale del Regno.

Attendeva di essere liberato per partire per la Toscana o per la Francia, esule volontario. Ma il regime, sobillato dall’ammiraglio Nelson e dagli onnipresenti inglesi, dall’Europa coalizzata contro la rivoluzione e dalla stessa regina Maria Carolina, convinse Ferdinando IV a non riconoscere l’armistizio siglato dal Ruffo con i repubblicani. I ribelli furono imprigionati e considerati tutti prigionieri di guerra, sia quelli catturati che quelli costituitisi.

Ettore Carafa venne condannato a morte per decapitazione dalla Giunta speciale di Stato per i rei politici. Il luogo prescelto per l’esecuzione f piazza Mercato, dove, nonostante le lacrime di parenti, amici e soprattutto della sua amata Eleonora, fu giustiziato il 4 settembre 1799, morendo con grande dignità: « … volle giacere supino, per vedere sprezzante scendere dall’alto la lama … »

Lapide_Ettore_Carafa

 

Dopo quasi cento anni, nel 1893, nacque a Torre del Greco a villa Carafa d’Andria, in contrada Leopardi, la piccola Eleonora Carafa d’Andria, figlia del senatore Riccardo, XVIII duca, figlio di Ferdinando e nipote di Ettore.

Sua moglie, la duchessa Enrichetta Capecelatro, fu famosa traduttrice dalla letteratura russa amica dell’avvocato Giustiniano Lebano di Torre Annunziata, che tanto somigliava alla sua antenata Eleonora de Cillis.

Sempre a Torre del Greco nel 1874 nacque un bambino nella famiglia dei marchesi de Cillis, don Luigi, che ricordava nel viso e nel carattere l’Ettore Carafa giustiziato nel 1799.

I due giovani nobili si conobbero nel 1906 nella cittadina vesuviana. Si rincontrarono tre anni dopo a contrada Leopardi il 5 agosto 1909 per l’inaugurazione della chiesa della Madonna del Buon Consiglio.

Eleonora aveva appena sedici anni, Luigi 35. Si sposarono a Napoli nel duomo il 4 febbraio del 1918. Eleonora divenne la nuova marchesa de Cillis.

Un caso? O reincarnazione?…

Amica del parroco don Raffaele Scauda del Buon Consiglio di Leopardi in Torre del Greco, la giovane marchesa Eleonora Carafa d’Andria de Cillis fece molta beneficenza. Diresse i lavori di insegnamento della scuola laica parrocchiale elementare e degli orfani, oltre a fare tanta carità. Fu famosa per le sue opere di carità non solo a Torre del Greco ma anche a Torre Annunziata, Portici ed Ercolano, insieme a 6 suore stimmatine, ospiti insieme al parroco Scauda nella sua villa.

Quando durante la seconda guerra mondiale, il 15 settembre del 1943, un bombardamento aereo distrusse la chiesa del Buon Consiglio la marchesa donò la somma necessaria per il rifacimento dell’edificio sacro, come riporta la cronaca del bollettino parrocchiale “Il nuovo trionfo”, diretto da lei stessa.

Eleonora Carafa d’Andria de Cillis, che in sé racchiudeva un lontano amore troncato tragicamente nel 1799, nel 1947 scrisse una poesia dedicata a Ettore Carafa …

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →