1860: la battaglia del Volturno

11 novembre 2013 12:47 0 commenti

Condividi questo articolo

Era ancora notte fonda e appena impallidivano le stelle nel brumoso cielo autunnale, quel primo giorno dell’ottobre 1860 a Capua.

Il posto di guardia sul ponte era in ansiosa attesa della carrozza reale proveniente da Gaeta, scortata dalle guide dello Stato maggiore, in leggero ritardo sul previsto: arrivò dopo un ‘ora dall’inizio del combattimento.

Il fiume Volturno lungo175 km, con un unico affluente, il Calore, nasce da monte Meta sull’Appenino abruzzese, solcando il Molise e si dirige verso la Campania, sfociando a delta in mare a Castel Volturno dopo aver bagnato Capua, attraversando ampie boscaglie.

Gonfio per le abbondanti piogge, profondo da uno a 1,5 metri, le rive fangose e scivolose quel giorno del 1860 era un ottimo baluardo strategico di difesa per i 56mila soldati borbonici che si riparavano tra i vigneti e gli oliveti; inoltre nella vicina poderosa fortificazione di Capua c’erano i telegrafi e l’ospedale militare.

I garibaldini erano in avanscoperta sulle rive meno alte dal lato di Napoli.

I borbonici schierati sul fiume erano 44mila; prenderanno parte attiva all’assalto in 25mila militari con ottime artiglierie campali e da montagna, 33 cannoni da campagna piazzati sul lato di Capua.

Le truppe borboniche, ben addestrate, erano decise a combattere per vendicare le sconfitte subite in Sicilia e in Calabria dovute alle debolezze e alla corruzione di alcuni vecchi generali; e poi erano ancora più motivate dal vittorioso antefatto bellico di Caiazzo del 26 settembre, risoltosi a sfavore dei garibaldini.

Alle due di notte fanti, granatieri, artiglieri,cacciatori si allinearono a Capua; alle 3 in silenzio la Brigata di Carabinieri Esteri dello svizzero Giovanni Luca von Mechel, 7mila militari in tutto, iniziarono ad avanzare a tenaglia verso Maddaloni e Napoli, mentre altri 2mila soldati del colonnello Perrone avanzano su Caserta vecchia e Caserta.

Alle 4,30 di mattina la prima divisione del generale Carlo Afan de Rivera uscì da Capua e puntò circospetta su Sant’Angelo, mentre la seconda seguì dopo poco verso Santa Maria Capua Vetere; la brigata Marulli avrebbe dovuto intervenire da sinistra, ma per un’inspiegabile indecisione del comandante si spostò nel bosco.

Il grosso delle truppe attaccò con due scariche di fucileria Santa Maria dal lato del cimitero e dell’ex convento dei Cappuccini al grido di Viva ‘o Rre!, mentre la colonna di Orgemount non attaccò a destra come convenuto le difese garibaldine, che ebbero così la possibilità di ripiegare sulle trincee di Porta Capua, ben difese munite di artiglieria, riuscendo così a respingere la I brigata.

Il generale Ritucci si rese conto dell’errore del col. Giovanni D’Orgemont, e inviò sulla destra la brigata Marulli, al comando del tenente Giovanni Giordano con due cannoni di rinforzo per contrastare quelli garibaldini, più numerosi.

Sebbene i suoi pezzi fossero esposti allo scoperto, la brigata borbonica volse in suo favore la sortita, costringendo i garibaldini a rinchiudersi a Sant’Angelo in attesa dei rinforzi, che giunsero da Napoli per via ferrata all’alba.

I garibaldini passarono cosi da 14 a 20mila unità, cui si aggiunsero oltre 1.500 soldati piemontesi sbarcati dalla flotta dell’ammiraglio Carlo Pellion di Persano.

Intanto von Mechel passò il Volturno a Limatola e risalì a Dugenta, conquistando la posizione garibaldina di Monte Caro sul fianco sinistro, puntando su Santa Maria, mentre il colonnello Perrone con 2mila soldati da Limatola respinse un battaglione garibaldino a Grottata e a Sant’Annunziata e piombò su Castel Morrone occupandola e trucidando il secondo battaglione garibaldino del maggiore Pilade Bronzetti, caduto nella mischia.

Poi la colonna marciò su Caserta vecchia, respingendo un terzo battaglione garibaldino, accanpandosi in attesa di rinforzi.

Dal lato di Sant’Angelo l’XI battaglione Cacciatori del tenente colonnello Capecelatro alle 5 sorprese i garibaldini e conquistò Villa San Benedetto sulla via consolare Appia, mentre il VII Cacciatori del tenente colonnello Tedeschi si lanciò da sinistra sulle alture ed espugnò alla baionetta la casina fortificata dei garibaldini inchiodandone i cannoni, nonostante il tentativo di contrattacco del generale Medici che tentò un contrattacco, respinto dal fuoco di due cannoni del tenente Catanzariti.

I Cacciatori dell’VIII del tenente colonnello Nunziante espugnò un’altra casina fortificata a sinistra facendo molti prigionieri; sulla destra la colonna Capecelatro prese una batteria d’artiglieria garibaldina a Cupa Lucarelli, con un assalto alla baionetta.

I garibaldini, attaccati da più parti, erano in estrema difficoltà.

Garibaldi partì da Santa Maria con i suoi luogotenenti verso Sant’Angelo; alle 7.10, al ponticello Ciccarelli sulla carrozzabile secondaria, vide balzare fuori un plotone di 26 cacciatori dell’XI battaglione, al comando dell’alfiere Mariangelo: dalle vicine fosse fognarie presero a sparare sul convoglio, uccidendo tre cavalli – di cui uno della carrozza di Garibaldi, il suo cocchiere e un suo aiutante.

Il corrispondente di guerra al seguito del Daily News Carlo Arrivabene Valenti Gonzaga, venne catturato e condotto a Capua; fu subito rilasciato per le pressioni dell’Inghilterra che volle considerarlo proprio suddito.

Gli occupanti delle tre carrozze, crivellate dai colpi, dovettero rifugiarsi nel terrapieno della strada; la buona stella di Garibaldi fece giungere in suo aiuto la compagnia del romagnolo Romano Petrelli, ed ancora una volta ebbe salva la vita.

Alle 8 Garibaldi potè riprendere la strada verso Sant’Angelo, mentre la sua scorta dovette respingere un nuovo assalto della stessa pattuglia borbonica decisa ad ucciderlo.

Alle 9 le truppe borboniche del generale di brigata Segardi attaccarono la postazione garibaldina del villaggio di San Tammaro con 4 cannoni e 6 plotoni di lancieri e costringendoli alla ritirata su Santa Maria.

Alle 11 il generale Ruiz si congiunse con il colonnello Perrone, in trincea già dalle 5 a Caserta vecchia.

Von Mechel attaccò su tre direttive Sant’Angelo e Maddaloni, ma trovò una forte resistenza garibaldina sull’intero fronte.

Errori di valutazione di von Mechel, il mancato aiuto di Ruiz, volsero l’attacco a favore dei garibaldini; i borbonici persero due obici,venne ferito il Capecelatro e ucciso il figlio del generale von Mechel.

Nonostante si combattesse aspramente anche ai Ponti della valle, a Maddaloni e a Calvi Risorta, i borbonici persero la posizione di Monte Caro e del Monte Calvo, perdendo circa 200 uomini tra caduti e feriti.

Alle 16 arrivò l’ordine di ritirata da Santa Maria e da Sant’Angelo; contemporaneamente fu tentato il contrattacco borbonico con il IX battaglione di linea del tenente colonnello D’Ambrosio insieme a due squadroni del II Ussari.

Alle ore 17 ritirata generale borbonica sulle proprie posizioni, dopo 12 ore complessive di battaglia cruenta su tutto il fronte.

All’alba del 2 ottobre da Caserta vecchia le truppe del generale Ruiz iniziarono l’attacco verso Caserta per lo sfondamento generale su Napoli, a 32 km distanza, ma venne raggiunto dall’ordine di ritirata generale; solo alcuni suoi reparti avanzati si scontrarono con i garibaldini e ne furono sopraffatti. Subirono 2160 prigionieri,di cui 900 del IX battaglione Cacciatori, 500 del IV e 600 dell’VIII.

In tutto le perdite borboniche tra l’1 e il 2 ottobre furono di ben 308 caduti, 820 feriti di cui 49 ufficiali e 2160 prigionieri di guerra, come ricorda nelle sue memorie, tra gli altri cronisti di guerra dell’epoca, l’ufficiale Luigi Di Iorio barone di San Barbato.

I garibaldini invece contarono 306 caduti e 1328 feriti, 389 prigionieri.

I borbonici rientrarono sulle loro posizioni, 40.712mila dislocati tra Capua e Gaeta , 8mila in Abruzzo e 5mila in Molise.

La battaglia del Volturno arrestò inesorabilmente la ripresa dell’offensiva dell’esercito del Regno delle Due Sicilie, formato da valorosi soldati e ottimi ufficiali ben addestrati ed equipaggiati, in numero superiore rispetto alle truppe nemiche.

Ancora una volta, i borbonici persero per l’inadeguatezza, l’ambiguità e la malafede degli ordini dello Stato Maggiore.

Michele Di Iorio

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.

Articoli correlati

Altre notizie

  • Discodays 201510 ottobre 20150

    Discodays 2015

    NAPOLI – Al Teatro Palapartenope di via Barbagallo domenica  11 ottobre  dalle 10 fino alle 21.30 si terrà  il consueto appuntamento con Discodays,  la Fiera del Disco e della Musica. La manifestazione è stata presentata in conferenza stampa da Carmine Aymone, giornalista e critico musicale, Patrizia Musella, sorella dell’indimenticato Mario degli Showmen, Franco Del Prete, batterista degli Showmen, di Napoli Centrale e di Sud Express. Ricco il calendario ufficiale dell’evento, pieno di nuove  iniziative oltre che di importanti appuntamenti musicali, […]

    Continua a leggere →
  • L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi10 ottobre 20150

    L’angolo del Diritto: Responsabilità per la caduta di oggetti dai balconi

    Il signor Rossi stava camminando tranquillamente sul marciapiede del suo condominio. La giornata era piena di sole, tipica del periodo primaverile. All’improvviso avvertì uno spostamento d’aria e sentì un rumore sordo davanti a lui. Fece appena in tempo a scorgere i cocci di un vaso che si rompeva a pochi centimetri dai suoi piedi. Passato lo spavento si rese conto che era caduto dal quinto piano e che l‘aveva scampata bella. Nonostante le scuse del proprietario, vediamo cosa potrebbe accadere […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Io e lei8 ottobre 20150

    Il film: Io e lei

    Federica e Marina sono due affascinanti e mature lesbiche che vivono da 5 anni un ménage matrimoniale tranquillo. Anche se tra le due Federica è la meno propensa ad accettare la sua natura, nonostante il rapporto felice. Maria Sole Tognazzi è la regista e sceneggiatrice, insieme ai bravi e sperimentati Francesca Marciano e Ivan Cotroneo (quest’ultimo anche regista in proprio), di questo film (ITA, ‘15). La prima impressione è che la Tognazzi abbia saputo padroneggiare un meccanismo di commedia basato […]

    Continua a leggere →
  • Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma8 ottobre 20150

    Sergio Assisi al Cinema Teatro Roma

    PORTICI (NAPOLI) – Al Cinema Teatro Roma continua la ricca stagione cinematografica: giovedì 8 ottobre sarà in sala il film “A Napoli non piove mai”, di e con Sergio Assisi. Ma non finisce qui: è in programma un grande evento per domenica 11 ottobre alle 17.30, dove il simpatico attore napoletano sarà sul palco con Ernesto Lama, Nunzia Schiano, e tanti altri ospiti. Dopo il successo della commedia teatrale “Oggi sto da Dio”, di cui è coautore e interprete, Assisi […]

    Continua a leggere →
  • Neapolitan Shakespeare8 ottobre 20150

    Neapolitan Shakespeare

    NAPOLI – Alla Feltrinelli Libri e Musica di via Caterina a Chiaia mercoledì 14 ottobre si terrà la presentazione di “Neapolitan Shakespeare”, 17 sonetti musicati e tradotti in napoletano dal musicista, cantante, attore e ricercatore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare (www.giannilamagna.com). Il progetto è  pubblicato e distribuito dalla Europhone Records e prodotto dall’associazione Di Musica in Musica (www.dimusicainmusica.it). Saranno presenti al dibattito Gennaro de Concilio, fondatore e brand manager dell’ etichetta Europhone Records, Carmine Aymone, giornalista […]

    Continua a leggere →
  • Napoli e i suoi altarini8 ottobre 20150

    Napoli e i suoi altarini

    Riflettori accesi su “Facimmoce ‘a croce: Napoli e i suoi Altarini”, una visita guidata teatralizzata ideata dall’Associazione Culturale NarteA in programma domenica 11 ottobre alle 11. Tra percorso turistico e pièce teatrale, la visita mostrerà la storia e l’evoluzione delle edicole votive. In gergo altarini, questi tabernacoli sono espressione di culto comune e di riconoscenza a santi e Madonne, ma anche testimonianza di fede e allo stesso tempo di idolatrie pagane per calciatori e cantori di quartiere diventati miti. In […]

    Continua a leggere →
  • Missione Futura incontra la Città6 ottobre 20150

    Missione Futura incontra la Città

    NAPOLI – Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana astronauta: record femminile ed europeo di permanenza nello spazio, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea e capitano pilota dell’Aeronautica Militare, è la protagonista della Missione Futura dell’Agenzia Spaziale Italiana. La Cristoforetti sarà a Napoli la prossima domenica 11 ottobre insieme al compagno di missione, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov (Roscosmos). I due astronauti incontreranno la cittadinanza per l’ultima tappa del Post-flight Tour, il ciclo di conferenze, eventi e incontri che i protagonisti della […]

    Continua a leggere →
  • La  chiesa di Santa Maria Incoronata6 ottobre 20150

    La chiesa di Santa Maria Incoronata

    L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli sabato 10 ottobre propone un’altra imperdibile visita guidata alla chiesa di Santa Maria Incoronata di via Medina nei pressi del Largo delle Corregge, zona in cui si svolgevano tornei e giostre, e a poca distanza da Catel Nuovo, dove sorgevano importanti edifici della vita pubblica, ma anche numerosi palazzi nobiliari. La chiesa fu costruita nella metà del XIV secolo per volere dalla regina Giovanna I d’Angiò per celebrare la sua incoronazione e quella del suo […]

    Continua a leggere →
  • Anime nere5 ottobre 20150

    Anime nere

    NAPOLI – Al Napoli Film Festival lo scorso sabato 3 ottobre si è svolto l’ultimo degli “Incontri Ravvicinati” previsti in questa XVII edizione, conclusa con la cerimonia di premiazione sabato 4 ottobre al cinema Metropolitan di via Chiaia. In questa stessa sede, il regista Francesco Munzi (Roma, 1969) ha introdotto la proiezione del suo ultimo film “Anime Nere” (2014) vincitore di nove premi. Diplomato in Regia nel 1998, Munzi ha realizzato documentari e cortometraggi. Il suo debutto nel lungometraggio con […]

    Continua a leggere →
  • Stati Generali del turismo sostenibile5 ottobre 20150

    Stati Generali del turismo sostenibile

    PORTICI (NAPOLI) – Il MiBACT (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) ha convocato al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, storica stazione della prima ferrovia italiana inaugurata nel 1839, gli Stati Generali del Turismo Sostenibile in un convegno tenutosi dal 1 al 3 ottobre. Finalità del convegno è stata quella di riflettere sulle necessità e le criticità del turismo italiano per individuare le direttive che ne consentono lo sviluppo, «… sostenendo la vocazione italiana nel fare del […]

    Continua a leggere →
  • Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura5 ottobre 20150

    Il convento di san Pasquale Baylon, culla della cultura

    PORTICI (NAPOLI) – Al cenobio francescano di San Pietro d’Alcantara in piazza San Pasquale domenica 4 ottobre ha chiuso i battenti la mostra “Le Cinquecentine e le Seicentine dei Frati del convento del Granatello”. L’esposizione, inaugurata lo scorso venerdì 2 ha offerto ai visitatori l’opportunità di scoprire un tassello della tradizione culturale espressa nel tempo dai frati francescani a Portici. Al centro della sala dell’antica biblioteca situata al primo piano del convento dedicato a san Pasquale Baylon sono state visibili […]

    Continua a leggere →
  • Il Teatro cerca casa 2015-2016I3 ottobre 20150

    Il Teatro cerca casa 2015-2016I

    Ritorna il Teatro cerca casa, l’innovativa rassegna itinerante, quasi un carro di Tespi che di volta in volta trova ospitalità in case e location private della Campania. Il Teatro cerca casa vede la direzione artistica di Manlio Santanelli e l’organizzazione di Livia Coletti e di Ileana Bonadies Giunta alla sua IV edizione, la rassegna di quest’anno prenderà il via propria da casa Santanelli a Napoli, zona Vomero, lunedì 5 ottobre alle 18 con : ‘Na voce e ‘na chitarra, di […]

    Continua a leggere →
  • Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati3 ottobre 20150

    Milan Seles: 7 notti e 7 giorni abbracciati

    Facebook è bello anche perché ti da la possibilità di conoscere autori meno noti,  leggere libri che altrimenti non avresti mai avuto la possibilità di leggere perché non sono best sellers e non immersi nel circuito di distribuzione ufficiale. Qualche giorno fa mi ha contattato un giovane autore serbo, Milan Seles, e mi ha parlato del suo primo romanzo, che ha tradotto anche in italiano. Mi spedisce il pdf e inizia a parlarmene. Mentre ne parlava per la verità ero […]

    Continua a leggere →
  • Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin3 ottobre 20150

    Primo Torneo Internazionale Scacchi Vladimir Lenin

    CAPRI (NAPOLI) –  Il Torneo Internazionale Scacchi Isola di Capri Vladimir Lenin è in assoluto il primo meeting internazionale che si tiene nell’isola azzurra, quello organizzato dal Club Scacchi caprese e da suo presidente Michele Sorrentino. Sono giunti sull’isola ben cinquanta scacchisti, provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, Russia, Serbia, Grecia, Spagna, Inghilterra e Filippine, che si contenderanno il trofeo. I giocatori sono divisi in Open A, superiori a 2000 elo e Open B fino a 1999 elo, e […]

    Continua a leggere →
  • Un ottobre alla Torre vicereale3 ottobre 20150

    Un ottobre alla Torre vicereale

    CETARA (SALERNO) – L’assessore alla Cultura Angela Speranza ha organizzato per le quattro domeniche di ottobre altrettanti eventi presso la Torre vicereale, con l’intento di «… vivacizzare l’autunno, fino al periodo festivo invernale, con alcuni appuntamenti culturali particolarmente legati al mondo dell’arte». Si inizia sabato 3 ottobre con l’arrivo nel borgo marinaro della delegazione della cittadina francese di Sète che come ogni anno compie una visita per il gemellaggio con Cetara. Per loro è stato organizzato un fine settimana di visite […]

    Continua a leggere →
  • Il cancro della corruzione2 ottobre 20150

    Il cancro della corruzione

    CERCOLA (NAPOLI) –  Alla biblioteca comunale “Giancarlo Siani” di zona Caravita il 5 novembre alle 17 il colonnello Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, scrittore e pubblicista sul fenomeno della corruzione nonché presidente COIR Ogaden e attuale Responsabile della Sicurezza NATO, presenta il suo libro “Il cancro della corruzione”, edizioni Rogiosi. L’iniziativa, aperta al pubblico, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo “De Luca Picione – Caravita” in collaborazione con il comune di Cercola, che ha patrocinato moralmente l’evento. Si […]

    Continua a leggere →
  • #NFF: Ricordando Giancarlo Siani2 ottobre 20150

    #NFF: Ricordando Giancarlo Siani

    NAPOLI – In occasione della celebrazione del trentennale della scomparsa di Giancarlo Siani, giornalista di “Il Mattino” assassinato dalla camorra la notte del 23 settembre 1985, al cinema “Metropolitan” di via Chiaia nell’ambito del Napoli Film Festival lo scorso mercoledì 30 settembre si è svolto l’evento “Ricordando Giancarlo Siani”. Per l’occasione è stato proiettato il film di Marco Risi “Fortapàsc” (2009) preceduto dagli interventi dello stesso regista, dello sceneggiatore Andrea Purgatori e dell’attore protagonista Libero de Rienzo, moderati dal vicedirettore […]

    Continua a leggere →
  • In memoria delle Quattro Giornate di Napoli1 ottobre 20150

    In memoria delle Quattro Giornate di Napoli

    NAPOLI – Le Quattro Giornate di Napoli sono un evento epocale della storia della Città. I napoletani durante la II guerra mondiale, esasperati dai soprusi e dall’oppressione nazifascista, insorsero con una Resistenza che durò dal 27 al 30 settembre 1943. Napoli fu la prima tra le città d’Europa a ribellarsi con forza, coraggio ed eroismo liberandosi  dall’occupazione tedesca ricevendo la medaglia d’oro al valor civile. Nel 70esimo anniversario di quegli eventi l‘Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, con l’ANPI […]

    Continua a leggere →
  • Il film: Per amor vostro30 settembre 20150

    Il film: Per amor vostro

    Napoli. Anna si ritiene cos’e nientè, perché era ritenuta tale: per questo ha subito fin da piccola angherie. Ha pure sposato un usuraio. Solo l’amore per i figli è grande come il sole. Ha finalmente ottenuto ‘o posto, in cui è valutata con rispetto. È un film (ITA-FRA, ‘15) magico e misterioso. Il regista è Giuseppe M. Gaudino, che l’ha sceneggiato insieme alla giovane Lina Sarti e Isabella Sandri: però quest’ultima non è semplicemente sua collaboratrice costante, ma spesso è […]

    Continua a leggere →
  • Martone al Film Napoli Festival30 settembre 20150

    Martone al Film Napoli Festival

    NAPOLI – Il Napoli Film Festival, la rassegna cinematografica giunta quest’anno alla sua diciassettesima edizione, è iniziato con un grande evento: lunedì  28 settembre al Cinema Metropolitan in via Chiaia nell’ambito della rassegna “Incontri ravvicinati” rendez-vous con il regista Mario Martone, intervistato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Martone, sollecitato dalle domande di d’Errico, ha ripercorso analiticamente la sua carriera e le sue esperienze cinematografiche per fornire al pubblico del Napoli Film Festival un quadro unitario, da cui […]

    Continua a leggere →